Ricorso – La voce del Gherdeina

(com. stampa ufficiale HC Gherdeina) – Con riferimento al ricorso presentato dall’HC Milano Rossoblu concernente la partita HC Gherdeina-HC Milano Rossoblu disputata il giorno 2 marzo 2011 mi preme sottolineare quanto segue:

1.) Il giorno 9 aprile 2010 alle ore 10 ha avuto luogo presso il ristorante Cacade l’assemblea ordinaria delle società di A1 e A2. Durante tale assemblea è stato tra l’altro deciso all’unanimità dalle squadre di A2 (presente per l’HC Milano il vp Tiziano Terragni) di permettere nel corso del Campionato A2 2010/11 l’impiego di portieri di scuola straniera.

2.) Tale decisione veniva poi comunicata alla FISG , la quale accettava tale regolamentazione.

3.) Nel corso del gennaio 2011 l’HC Gardena decideva di ingaggiare il portiere svedese Magnus Erksson. Per maggior sicurezza comunque il sottoscritto chiamava telefonicamente il segretario generale della FISG Alberto Berto per assicurarsi che il portiere suddetto potesse essere inserito nella rosa dell’HC Gardena e giocare regolarmente. Il sig. Alberto Berto rispondeva che non c’era alcun problema e con le norme 2010/2011 il portiere Magnus Eriksson poteva tranquillamente essere tesserato e giocare per l’HC Gherdeina. Pertanto procedevamo regolarmente al tesseramento del portiere Magnus Eirksson che ci veniva regolarmente concesso dalla FISG.

4.) Pertanto alla luce di quanto riportato sopra il ricorso effettuato da parte dell’HC Milano Rossoblu non può avere nessuna validità.

5.) Voglio far notare che l’E.V. Bozen nel corso del campionato 2010/2011 ha schierato per la maggior parte delle partite un portiere slovacco tra l’altro anche contro l’HC Milano, senza che gli organi federali di controllo o gli esponenti della CAHG avessero alcunché da obiettare.

6.) Anche l’HC Milano si è attenuto all’egreemnet della LIHG schierando in porta il portiere Della Bella in qualità di straniero. Come si spiega altrimenti il fatto che anziché schierare altri quattro giocatori di scuola straniera ne ha sempre schierato solo tre, tenedone uno in tribuna per il cosidetto turnover.    

7.) Dal momento che abbiamo avuto l’autorizzazione da parte del sig. Berto di tesserare il sig.  Magnus Eriksson in qualità di portiere ed il tesseramento ci è stato concesso non vediamo per quale motivo non ci è permesso di schierarlo.

Confidiamo che comprendiate la nostra situazione.

Distinti saluti
Stefano Prinoth
Presidente HC Gherdëina

Tags: