Il 60° Minuto: Chicago sotto il segno di Toews

Mercoledì notte va in archivio con cinque match giocati, tre ad est e due ad ovest con le squadre di casa che conservano inviolato il loro ghiaccio.
I Leafs, superano i Penguins ma devono aspettare l’OT per poter esultare, i Devils invece regolano i Lightning di misura nei tempi regolamentari; per gli Islanders invece vittoria senza patemi contro gli Wild.
Nella Western Conference partita piena di emozioni tra Flames e Blackhawks con quest’ultimi che la spuntano, in fine successo casalingo per i Ducks che superano i Red Wings di misura con un gol all’OT.

Pittsburgh Penguins-Toronto Maple Leafs 2-3OT (1-1;1-0;0-1;0-1)
Tampa Bay Lightning-New Jersey Devils 1-2 (0-0;1-1;0-1)
Minnesota Wild-New York Islanders 1-4 (0-2;0-2;1-0)
Calgary Flames-Chicago Blackhawks 4-6 (1-2;0-2;3-2)

Detroit Red Wings-Anaheim Ducks 1-2OT (0-0;1-0;0-1;0-1)

I Penguins sono di scena all’Air Canada Centre e nonostante l’infermeria sempre affollata hanno volgila di vendere cara la pelle, per i Leafs invece i due punti sono importanti per puntare ai Playoff che sono ancora a portata.
In un primo tempo poco vivace sono gli ospiti che sbloccano la partita con Niskanen (Lovejoy-Dupuis) che al 06:52 scaglia un bolide dalla blu che Reimer non vede nemmeno
I Leafs replicano al 14:04 con Kulemin (MacArthur Grabovski) che lasciato libero dai difensori di Pittsburgh nel terzo offensivo ha il tempo di ricevere il puck e scagliare un preciso Wrist Shot che si va ad infilare nel sette alla sinistra di Fleury.
Nel secondo tempo i Leafs attaccano cercando il vantaggio, al 06:40 però un preciso contropiede concluso da Conner (Niskanen) con un preciso  Backhand porta in vantaggio gli ospiti.
Sono pochi i pericoli che corre la gabbia di Fleury nel secondo parziale, i padroni di casa impegnano il goalie dei Penguins di più nel terzo tempo e al 05:07 la deviazione di Kessel (Gunnarsson-Bozak) rende imparabile il tiro del difensore di Toronto che beffa Fleury.
I Leafs hanno raggiunto il pari, ma nei restanti minuti non trovano il gol del vantaggio, si va dunque all’OT e qui dopo 42 secondi Grabovski (Kessel-Gunnarsson) segna il gol della vittoria.

Più scoppiettante invece la sfida tra Calgary e Chicago, i padroni di casa si affidano sin da subito alla vena realizzativa di Toews (Sharp-Kane) che colpisce al 06:46
I Flames subiscono l’inizia arrembante dei padroni di casa ma riescono in PP al 10:36 con Tanguay (Iginla-Giordano); Kiprusoff è impegnato dagli attaccanti dei Blackhawks che lo bucano per la seconda volta al 18:25 con Frolik (Dowell).
Nel secondo periodo altre due reti dei padroni di casa, con Campbell (Bolland-Keith) al 15:11 in PP e un minuto dopo con Toews (Frolik-Campbell) portano il parziale sul 4-1 che da tranquillità ai giocatori di Chicago.
Calgary però vuol vendere cara la pelle, nel terzo periodo buca la guardia di Crawford per ben tre volte; il primo gol lo realizza Bourque (Stajan-Babchuk) dopo appena un minuto.
Il secondo arriva dalla stecca di Iginla (Tanguay-Staios) ed i padroni di casa sentono il fiato sul collo degli avversari; risolve questa situazione pericolosa Bolland (Bickell-Hossa) che al 10:49 realizza la quinta rete che riporta a due lunghezze il divario con i Flames.
Gli ospiti ormai sono però lanciati ed ancora Bourque (Iginla-Bouwmeester) mette apprensione negli spalti dello United Center, i minuti passano e per giocarsi tutte le carte l’allenatore di calgary toglie il portiere, ma la mossa non va a buon fine, ne approfitta Hossa (Frolik-Seabrook) per realizzare l’EN decisivo.

Arriviamo per finire alle stelle della serata con il primo posto che va al capitano dei Blackhawks Jonathan Toews che mette a segno una doppietta, secondo posto per Mikhail Grabovski (Toronto) 1 gol e 2 assist che contribuiscono al successo dei Leafs.
Terza posizione per Blake Comeau (NY Islanders) e anche per lui una doppietta: da ricordare inoltre anche i due gol  di  Rene Bourque (Calgary).