Il 60° Minuto: Il primo shutout della carriera di Devan Dubnyk spinge alla vittoria gli Oilers

Lunedì sera con sei partite in programma, una sola ad est che viene vinta dai Leafs in casa superando di misura i Thrashers rimontando da un iniziale svantaggio.
Ad ovest invece i Red Wings dopo due brutte prove condite da shutout per i portieri avversari si riprendono e senza esaltare vincono in casa contro i Rangers, colpaccio degli Oilers che vanno a vincere sul difficile ghiaccio dei Predators.
Per i Flames successo interno contro i Blackhawks, mentre i Coyotes non lasciano spazio agli Avalanche che sono alla quarta sconfitta di fila; per ultima la sfida tutta canadese tra Canucks e Senators con i primi che in casa non si fanno sorprendere vincendo l’incontro.

I Risultati:

Atlanta Thrashers-Toronto Maple Leafs 4-5 (2-0;1-3;1-2)
New York Rangers-Detroit Red Wings 2-3 (0-0;0-1;2-2)

Edmonton Oilers-Nashville Predators 4-0 (1-0;1-0;2-0)
Chicago Blackhawks-Calgary Flames 1-3 (0-1;1-0;0-2)
Colorado Avalanche-Phoenix Coyotes 0-3 (0-1;0-1;0-1)
Ottawa Senators-Vancouver Canucks 2-4 (0-2;2-1;0-1)

Tante emozioni tra Toronto ed Atlanta con quest’ultimi che escono sconfitti, ma possono rimproverarsi la poca attenzione difensiva nei primi minuti del terzo tempo che è costata cara di fatto consegnando il match nelle mani dei Leafs.
Veniamo all’inizio dell’incontro i Thrashers non hanno timori, e grazie a due power play colpiscono per due volte portandosi sul 2-0: il primo gol è di Kane (Little-Bogosian) al 02:39 ed il secondo di Byfuglien (Bogosian-Peverley) al 16:14.
Toronto è sotto ma gli ospiti devono ringraziare Pavelec che blocca le conclusioni dei padroni di casa, nel secondo periodo, dopo altri autentici miracoli, prima Phaneuf (Grabovski-Kulemin) al 01:21 e successivamente dopo un azione insistita in PP Grabovski (Macarthur-Kaberle) che al 04:06 pareggia.
Atlanta riesce però 40 secondi dopo il pareggio dei Leafs a riportarsi avanti grazie al tap in di Antropov (Stewart) dopo la corta respinta di Giguere.
Il match è avvincente e Toronto grazie ad una spettacolare deviazione di Macarthur (Kaberle-Versteeg) al 15:47 riporta in parità la partita.
Si arriva così al terzo tempo nel quale al 04:17 c’è la svolta dell’incontro con Kulemin che segna indisturbato, dopo però un errore in disimpegno di  Byfuglien che lascia la porta spalancata all’avversario che non si fa problemi a portare avanti Toronto.
I Leafs in vantaggio adesso cerca il gol del KO, e questo arriva al minuto 09:28 quando Brent (Crabb-Armstrong) servito nello slot non sbaglia il tiro e realizza il gol del 5-3.
I Thrashers cercano di rimontare e al 11:01 con Ladd (Peverley-Little) si rifanno sotto, ma poi non completano la rimonta venendo così battuti di misura dai canadesi.

Lo shutout di Dubnyk, spiana la strada alla vittoria di Edmonton, i Predators hanno provato a sfondare il fortino ospite ma sono stati puniti nelle ripartenze.
La prima marcatura gli Oilers la realizzano al 14:27 con Cogliano (Eberle-Hall) che riprende la respinta di Rinne ed infila il puck in rete; Nashville attacca senza però riuscire a segnare nemmeno le superiorità numeriche sono sfruttate (0-5).
Il raddoppio ospite arriva nel secondo tempo grazie ad un veloce capovolgimento di fronte ben concluso da Jones (Fraser-Reddox) al 14:23; nel secondo parziale i Predators non sono per nulla incisivi e Dubnyk è poco impegnato.
Altra cosa il terzo periodo con i giocatori di Nashville che si riversano nel terzo di Edmonton, ma sono gli Oilers vanno in gol due volte, una con la deviazione di Eberle (Vandermeer-Cogliano) al 04:35 e l’altra con Penner (Hemsky) che servito nei pressi della blù in solitaria realizza il 4-0 al 06:58.
Inutili gli assalti dei Predators nei minuti successivi, il risultato non cambia più ed Edmonton conquista la vittoria in trasferta.

Eccoci alle stelle della serata con Devan Dubnyk 37-37 (Edmonton) che con il primo shutout in Nhl guida al successo la sua squadra; in seconda piazza troviamo Mikael Samuelsson (Vancouver) per lui 2 gol ed 1 assist.
Per conclude il podio al terzo posto si accomoda Ilya Bryzgalov 26-26 (Phoenix) autore dello shutout che blocca gli Avalanche; da segnalare la doppietta di Radim Vrbata (Phoenix).