Alla fine vince l’Asiago. Cortina si giocherà tutto nel derby

SG Cortina – Supermercati Migross Asiago 2:3 (1:1, 1:0, 0:2)

(com. stampa SG Cortina) – Il Cortina si presenta all’Olimpico, dopo la sconfitta di giovedì a Pontebba, per sfidare l’Asiago nel derby veneto.
Una partita fondamentale per le due squadre. Gli ampezzani, in ottava posizione, hanno un punto di vantaggio sull’Alleghe e devono quindi trovare punti preziosi per confermare questa posizione che vale i playoff. L’Asiago occupa la quarta piazza ma può ancora ambire al secondo posto visto che Ritten e Bolzano sono a stretto contatto con gli stellati. Per questa gara il Cortina rinuncia a Burns per turnover e Menardi per infortunio. Ritorna, dopo un periodo di assenza, il difensore Luca Zandonella. L’Asiago si presenta con la migliore formazione disponibile. Inizio partita e subito Asiago in evidenza. Discesa veloce e rete di Vigilante, dopo appena 52’’ di gioco, che mette subito in difficoltà la squadra ampezzana. Gli ospiti non si accontentano di una rete e si portano con insistenza dalle parti di Munro. I primi cinque minuti sono veramente difficili per i ragazzi di coach McKay che non riescono ad organizzare una adeguata controffensiva. Con il passare dei minuti esce allo scoperto anche il Cortina: Schultz, Top Scorer – Solarplus, lancia Johansson che non sbaglia davanti a Bellissimo (8:41). La rete del pareggio cambia il ritmo della partita. Ora anche il Cortina è più presente nel gioco di un match che di certo non esprime molto a livello di spettacolo visto anche la posta in palio per due squadre che pensano più al risultato che al gioco. La manovra è un po’ confusa e nessuna delle due squadre riesce a segnare un altro gol, nonostante un powerplay ampezzano, fino al termine del primo tempo che si chiude in parità. La seconda frazione inizia con un episodio che gela l’Olimpico: Daniel Branda esce dal ghiaccio in barella, intorno al 23’, per un colpo al collo e non fa più ritorno in partita. Al suo posto entra nella mischia Giugliano. Una perdita importante per i padroni di casa che al ritorno del gioco sembrano un po’ frastornati per quanto successo. Successivamente si assiste ad una superiorità per squadra ma il risultato non cambia. Poi Cortina che si porta decisamente all’attacco, grazie anche per più di 1’ di doppia superiorità ma Bellissimo non cede. La formazione bellunese continua il suo trend di crescita fino alla rete di Lino De Toni che sigla il vantaggio del 2-1 cortinese (37:47), risultato con cui si chiude anche il secondo tempo. Nella terza frazione grande partenza dell’Asiago: la squadra ospite decide di passare alla controffensiva e mette in difficoltà la retroguardia di casa. Prima un errore marchiano permette a Vigilante di pareggiare il conto e segnare la sua personale doppietta, sempre con la regia di Borrelli e Adam Henrich (45:13). Il Cortina cerca di rispondere con una ghiotta occasione in mischia ma nessun attaccante ampezzano è freddo quanto basta per superare Bellissimo. L’Asiago continua la sua marcia della vittoria: sigla il nuovo vantaggio Micheal Henrich che insacca il 3-2 (48:37). La squadra ospite usufruisce poco dopo un powerplay che non cambia molto nella gara. Al tempo stesso l’Asiago cerca di difendere il minimo vantaggio. I frangenti del match sono molto confusi e con poco ritmo. La rimonta non riesce al Cortina che esce sconfitto dal ghiaccio di casa per 3-2. Una sconfitta pesante che rimette all’ultimo posto la formazione ampezzana, superata da quell’Alleghe che vincendo a Collalbo si è portato a due punti di vantaggio sullo stesso Cortina. L’ultima giornata vedrà il derby ad Alleghe ed il Cortina deve vincere nei regolamentari se vuole passare ai playoff. L’Asiago raggiunge la seconda posizione in classifica ed il Ritten. A questo punto sarà l’ultima giornata a decidere se l’Asiago riuscirà a mantenersi in questa posizione.