Il 60° Minuto: Franzen batte i Senators; rotonda vittoria per Vancouver

I Penguins portano a casa i 2 punti davanti al proprio pubblico con una netta vittoria per sugli Isles; l’unica altra vittoria esterna della serata è per gli Habs che al Belle Centre regolano i Panthers 3-2. Tutti esterni gli altri successi con Detroit che espugna il ghiaccio di Ottawa, Vancouver che fa il cappotto a Phoenix, Los Angeles che si impone al Rexall Place e San Josè che frena il ritorno dei Ducks riuscendo a battere i paperi all’ Honda Center.

I Risultati:

New York Islanders – Pittsburgh Penguins 0-3 (0-2; 0-0; 0-1)
Detroit Red Wings
– Ottawa Senators 7-5 (2-3; 2-1; 3-1)
Florida Panthers – Montreal Canadiens 2-3 (1-0; 0-1; 1-2)
Vancouver Canucks
– Phoenix Coyotes 6-0 (1-0; 2-0; 3-0)
Los Angeles Kings
– Edmonton Oilers 3-1 (0-0; 2-1; 1-0)
San Josè Sharks
– Anaheim Ducks 4-3 (3-0; 1-2; 0-1)

Pesante sconfitta interna per i Coyotes che sul ghiaccio amico cedono di schianto a Vancouver: Avanti a inizio primo periodo con Borrows (Sedin D.) i canadesi raddoppiano poco di un minuto dopo l’ ingaggio del periodo centrale con Hansen (Sweatt-Raymond). La franchigia della British Columbia non si ferma e così arriva il 3-0 con Cody Hodgson (Tambellini-Hamhuis) quando è appena scattato il dodicesimo minuto del secondo periodo. Arrivati al secondo riposo sul 3-0, gli ospiti tornano sul ghiaccio non appagati e rimpinguano il tabellino con Kessler (Samuelsson) che di polso supera per la quarta volta Bryzgalov; la cinquina arriva poco dopo il giro di boa dell’ ultimo drittel dalla stecca di Raymond (Samuelsson). A questo punto il goalie dei Coyotes lascia il posto la proprio backup, Labarbera, che fa appena in tempo ad incassare il 6-0 da Kessler (alla doppietta personale) al secondo tiro fronteggiato. Da ricordare la prova di Luongo, autore di 23 parate che gli valgono il terzo shutout stagionale (il 54esimo della carriera).
Dopo essere risaliti dal 3-0 ed essere andati a vincere sabato allo Shark Tank, gli Sharks rischiano di buttare all’ aria un vantaggio di 3 gol contro i Ducks. Andati avanti di 3 reti in poco più di 10 minuti (e aver costretto caoch Carlyle a cambiere Hiller con McHelhinney) con Heatley (Thornton-Murray), Eager (Setoguchi-Boyle) e Demers (Clowe-Setoguchi) gli ospiti subiscono il 3-1 da Lupul (Lapierre-Sexton) a inizio periodo centrale ma si riportano a +3 grazie a Clowe (Boyle-Pavelski) che realizza in Power Play. Sempre in Power Play è Fowler (Perry-Koivu) a riportare i Ducks a -2; andati al riposo sul 4-2 i Ducks rientrano sul ghiaccio e trovano quasi subito il gol del 4-3 che riaccende le speranze dei padroni di casa; a realizzarlo è Bobby Ryan (Perry-McHelhinney) ma le speranze di trascinare la contesa all’ overtime si fermano davanti a Niemi.
Passiamo adesso a dare il consueto sguardo alle 3 stelle della serata: gradino più basso del podio per Brent Johnson (Pittsburgh) autore di uno shutout da 20 parate al Nassau Coliseum contro gli Islanders; secondo posto per Ryan Kessler (Vancouver) a referto con 2 reti nel rotondo 6-0 di Vancouver a Phoenix. Primo gradino del podio per Johan Franzen (Detroit), autore di ben 5 delle 7 reti con cui i Red Wings battono i Senators allo Scotiabank Place.