Il 60° Minuto: Hurricanes vincenti con Staal, per i Kings invece un buon Quick

Nuova puntata del 60° Minuto, e come al solito vediamo in sintesi i risultati della serata: ad est Boston vince di misura il match casalingo contro Florida, caduta tra le mura amiche per gli Islanders che vengono superati dagli Hurricanes; lo shutout di Pavelec consente la vittoria interna di Atlanta su Washington.
Cambiando Conference, i Red Wings dopo un primo periodo in parità si scatenano nel terzo e per i Devils è un altra sconfitta, gli Stars superano gli Oilers mentre è pesante lo stop casalingo di Colorado che subisce un 5-2 dai Coyotes.
Flames vincenti contro St Louis, è una sfida tirata invece quella tra Canucks e Predators, vinta dai canadesi di misura; solo i rigori invece decretano la vittoria dei Kings sugli Sharks.

I Risultati:

Florida Panthers-Boston Bruins 1-2 (0-1;0-1;1-0)
Carolina Hurricanes-New York Islanders 4-2 (1-0;2-1;1-1)

Washington Capitals-Atlanta Thrashers 0-1 (0-0;0-1;0-0)
New Jersey Devils-Detroit Red Wings 1-3 (1-1;0-0;0-2)
Edmonton Oilers-Dallas Stars 1-3 (0-1;1-2;0-0)
Phoenix Coyotes-Colorado Avalanche 5-2 (2-1;1-0;2-1)
St Louis Blues-Calgary Flames 1-4 (0-1;0-2;1-1)
Nashville Predators-Vancouver Canucks 1-2 (0-0;0-0;1-2)
San Jose Sharks-Los Angeles Kings 2-3SO (0-0;2-1;0-1;0-0)

Carolina è di scena al Nassau Coliseum in cerca di punti per la corsa playoff, per i padroni di casa, invece con la post season ormai quasi miraggio l’obbiettivo è di disputare una buona prestazione.
Pronti via però e subito DiPietro sembra subire la prima marcatura di serata, ma gli arbitri dopo la visione del replay annullano il gol; al 14:43 una veloce azione degli Hurricanes crea il primo dispiacere della serata ai padroni di casa che vanno sotto di una rete con il gol di Boychuk (Staal-Cole).
Nel secondo periodo dopo 30 secondi gli Islanders ristabiliscono l’equilibrio con il gol di Grabner (Nielsen-MacDonald), dura poco però questa situazione, al 05:55 un contropiede perfetto (1vs2) viene finalizzato da Staal (Cole) che si ripete poi al 07:23 deviando da distanza ravvicinata il tiro di Corvo rendendo vano il tentativo di parata di Di Pietro.
Nel corso del secondo tempo gli Islanders manovrano in avanti alla ricerca del gol, ma anche i pali negano la rincorsa ai padroni di casa.
Carolina gestisce il vantaggio, e nel terzo tempo incrementa il bottino con il gol di Sutter(Tlusty-Jokinen) al 15:05, anche per gli Islanders c’è ancora una marcatura la realizza  MacDonald (Grabner) al 18:39

Lunedì contro Boston le sue parate erano state decisive, Jonathan Quick riuscirà a ripetersi contro gli Sharks? Alla fine della partita il goalie dei Kings non centra lo shutout, ma tiene a galla la squadra sopratutto nel terzo tempo e poi ai rigori compie la parata decisiva sul tiro di Marleau.
Veniamo però al match nel primo periodo più Kings che Sharks con Niemi molto più impegnato che il suo collega, ma il goalie finlandese è attento e non si fa superare.
Nel secondo tempo, crescono gli squali, ed iniziano i problemi per Quick che però non si fa superare  , al 13:35 però un’azione dei Kings è conclusa magistralmente da Smyth (Stoll-Williams) che arrivato al disco dell’ingaggio alla sinistra di Niemi, si accentra e lascia partire un tiro che s’insacca alle spalle del goalie ospite.
La replica degli squali è però immediata, contropiede 3vs2 e tiro di Clowe che due minuti dopo il vantaggio dei padroni di casa pareggia; dopo aver pareggiato gli Sharks ci prendono gusto e al 16:03 in mischia con Setoguchi (Couture) si portano in vantaggio.
I pericoli per la porta di Los Angeles aumentano ma Quick fa buona guardia.
Nel terzo tempo i padroni di casa attaccano alla ricerca del pari e al 05:47 la ricerca porta frutto, Ponikarovsky (Richardson-Handzus) approfitta del traffico davanti alla gabbia per beffare Niemi pareggiando.
Le due squadre tentano di superarsi a vicenda, ma il gol non arriva e nemmeno gli Ot bastano, sotto dunque con i rigori che come detto all’inizio premiano i padroni di casa.

Per concludere ecco le stelle della serata che hanno visto il goalie di Atlanta Ondrej Pavelec 36-36 meritarsi con lo shutout ai danni dei Capitals la nomina.
Seconda posizione a David Moss (Calgary) con 2 gol ed 1 assist, e terza piazza per Eric Staal (Carolina) anche per lui 2 gol ed 1 assist.
Ricordiamo inoltre le doppiette di  Brenden Morrow (Dallas) e Eric Belanger (Phoenix).