Coppa Italia vicina. Il Gherdeina minaccia di non presentarsi

Tutto pronto o quasi per l’edizione 2011 della Coppa Italia. Per la prima volta sarà una festa interamente sudtirolese dal momento che al PalaOnda nei giorni 22 e 23 gennaio 2011 scenderanno in pista tutte formazioni della provincia di Bolzano per la gioia soprattutto del cassiere. Si attendono infatti veri e propri esodi da Renon e soprattutto da Brunico per i Lupi intenti più che mai a sollevare il loro primo trofeo della storia. L’avversario in semifinale sarà, come da regolamento, la capolista della serie A2, vale a dire il Gherdeina che si porta dalla Val Gardena la sua storia e i suoi 4 scudetti conquistati nell’epoca del passaggio di consegne dal predominio cortinese a quello bolzanino.
Le basi per una due giorni di grandi emozioni ci sono tutte e la Final Four è stata recentementre presentata ufficialmente dalla LIHG (nella foto) con il nuovo sponsor, la Solarplus di Spini di Gardolo (TN), tra le principale aziende attive nel settore delle energie rinnovabili.

Il problema nasce dal gap tecnico che hanno le prime squadre della serie A1 con quelle della serie cadetta, derivato quasi esclusivamente dal numero di stranieri utilizzabili: 8 “punti” (quindi 10/12 giocatori) per le squadre della massima serie e i massimo 4 delle formazioni di A2. Due anni fa c’era l’obbligo da parte delle squadre maggiori di adeguarsi alle “regole” nella A2, cioè lasciare in tribuna gli stranieri in surplus; dall’anno scorso è il contrario: sarà il Gherdeina che dovrà andare al supermercato a fare incetta dei 6 o 8 giocatori che gli mancano per poter essere competitivo. Ma come trovarli? Non certo all’estero visto che nessuno lascerebbe il proprio campionato per giocare a gettone un weekend. L’unica via è quella del movimento italiano. La soluzione più fattibile è quella di sfruttare il farmteam ma sfortunatamente quello gardenese è il Ritten Sport che sarà impegnato nell’altra semifinale contro il Bolzano.

«Siamo in trattative con diverse società, – ha dichiarato il presidente gardenese Stefan Prinoth sulle colonne odierne del quotidiano “L’Alto Adige” – e puntiamo ad ingaggiare per la Coppa quattro transfer-card: un portiere e tre giocatori di movimento».

Le voci che corrono hanno parlato prima del blocco asiaghese, poi del portiere Dennis, ma a quanto pare le guide tecniche delle squadre che quel weekend saranno a riposo non hanno particolare piacere a esporre i loro pezzi forti a rischi di infortuni e stress alle porte dei play-off.

«Se non troveremo la collaborazione delle altre società – ha proseguito Prinoth su “L’Alto Adige” – e se nessuno ci concederà il prestito di questi transfer-card, non partecipiamo neppure alla final four. La Coppa Italia possono giocarsela in tre».

Il programma:
22 gennaio
ore 17.30: Val Pusteria-Gherdeina
ore 20.30: Renon-Bolzano
22 gennaio
ore 20.30: finale in diretta su Rai Sport Più

Albo d’oro Coppa Italia
1974: SG Cortina Doria
1975: SG Cortina Doria
1992: Asiago Hockey
1999: Lions Courmaosta
2001: Asiago Hockey
2002: Asiago Hockey
2003: HC Milano Vipers
2004: HC Bolzano Forst
2005: HC Milano Vipers
2006: HC Milano Vipers
2007: HC Villani Bolzano
2008: SG Generali FVG Pontebba
2009: HC Interspar Bolzano
2010: Ritten Sport Renault Trucks