Spengler Cup: Servette e Team Canada in semifinale

Si sono disputate oggi le pre-semifinali, ovvero gli scontri incrociati fra le seconde e le terze dei due gironi per stabilire che sfiderà le due semifinaliste già sicure, ovvero il Davos e l’SKA San Pietroburgo.

Ginevra-Servette-Spartak Mosca 2-0 (2-0, 0-0, 0-0)
Come già capitato nell altre partite, è il Ginevra a prendere in mano il pallino del gioco in avvio, impegnando nei primi minuti Hasek con Savary e Toms. La pressione degli svizzeri è allentata da una penalità ai danni di Fritsche che però non mette pericoli alla porta di Stephan e poco dopo il rientro in pista del giocatore penalizzato, siamo al minuto numero undici, è lo stesso Fritsche ha superare Hasek per la prima volta dopo un bello scambio Salmelainen-Park. La seconda parte di tempo è invece favorevole ai russi che si rendono pericolosi con un breakaway di Ljuduchin e un tiro dalla distanza di Zhukov, ma in entrambi i casi il portiere svizzero non si fa sorprendere. Al diciottesimo viene penalizzato Budkin per sgambetto e il Servette sfrutta subito l’occasione realizzando il raddoppio con Park che devia in porta un tiro di Pothier.

Il secondo parziale inizia con un tiro di Yunkov dalla sinistra parato, al quale segue un’azione personale di Salmelainen che non riesce a superare Hasek. Al ventottesimo Trachsler ha sulla stecca il disco per chiudere definitivamente la partita, ma a porta sguarnita un difensore dello Spartak riesce miracolosamente a evitare il gol, gol che i russi sfiorano nuovamente al trentaduesimo con Yunkov che approfitta di un errore difensivo per dirigersi in solitaria verso Stephan che è bravissimo a dirgli di no, lo stesso attaccante russo colpirà il palo pochi minuti dopo. Il massimo della pressione lo Spartak lo crea al trentaseiesimo quando si trova in superiorità, ma il Servette non si fa sorprendere e si rendere pericoloso con Mercier e Randegger. Il tempo termina con una doppia superiorità per i ginevrini a cavallo di secondo e terzo periodo.
Doppia superiorità che però non viene sfruttata, dando modo così di riaccendere le speranze dello Spartak che però non riesce a superare Stephan. Al quarantacinquesimo viene assegnato un 5+20 a Bodrov per un brutto sgambetto ai danni di Fritsche che rientrerà nei spogliatoi per l’infortunio subito. I ciqnue minuti di penalità vengono parzialmente compensati dai due minuti assegnati a Savary per gancio. La partita si innervosisce leggermente e si entra negli ultimi cinque di gioco con solo sette giocatori di movimento in pista, quattro per lo Spartak e tre per il Ginevra, con Stephan che si mette ancora in evidenza bloccando due incursioni avversarie. A due minuti dalla fine è Conz, servito da Park, a impegnare Hasek. E’ l’ultima emozione della partita che vede imporsi il Ginevra-Servette, menter lo Spratak Mosca torna a casa senza aver vinto un solo incontro e con sole tre reti segnate.

RETI: 1-0 Fritsche (Park, Toms), 2-0 Park (Pothier)PP

Team Canada-Sparta Praga 4-3 (1-0, 2-3, 0-0, 1-0)
Il Team Canada in avvio sembra il più determinato e dopo cinque minuti Popovic impegna Popperle con un tiro dalla blu, per lo Sparta risponde Kurka un minuto dopo ma Deslauriers para. Il Team Canada cresce e trova la rete vel vantaggio all’undicesimo grazie a Vigier, che è il più rapido a raccogliere un rimbalzo lasciato dal portiere dopo un tiro di Metropolit. Al sedicesimo Kariya ha una buon aopportunità ma la spreca tirando a lato. L’ultima emozione del primo periodo è un tiro di Kwiatkowski che Kratena ribatte.
Di tutt’altra pasta il secondo parziale che vede ben cinque reti nel tabellino, il primo arriva dopo soli due minuti grazie a Pittis che raddoppia per i suoi raccogliendo un tiro di Murphy. Al ventottesimo i cechi accorciano le distanze: passaggio da dietro porta di Kurka, tocco di Smolenak per Peter, uno dei tre rinforzi dello Sparta per la Spengler, e disco nel sette alla destra del goalie canadese. Passano solo quattro minuti e Bell raccoglie nello slot il passaggio di Metropolit e infila Popperle. Lo Sparta non ci sta e prima colpisce la traversa con Ton, poi va nuovamente in gol ancora con Peter, che raccoglie una deviazione di scudo non perfetta di Deslauriers. Al trentaseiesimo viene penalizzato Dupont per trattenuta e un minuto dopo i cechi pareggiano grazie a Vyborny che devia sottoporta la conclusione di Hanzlik. Lo Sparta ci prende gusto e nel finale di tempo sfiora addirittura il vantaggio con Bros, ma il portiere si oppone.
In avvio di terzo periodo è ancora la formazione ceca a sfiorare la rete con Kurka e Du Bois. La nazionale della foglia d’acero risponde con una combinazione Bell-Lehoux-Pittis con quest’ultimo che però manca l’appuntamento col disco. Al cinquantunesimo, in power play per il Canada, Du Bois si immola su un tiro di Bell che altrimenti arebbe finito in fondo alla gabbia; passano cinque minuti e Vigier viene penalizzato per cross-checking, ma lo Sparta non riesce ad approfitare della ghiotta occasione, occasione che si ripresenta all’ultimo minuto quando Kurka non riesce ad avere la meglio su Deslauriers in uno contro uno.
Si va così all’overtime dove gli spazi si aprono, ma al terzo minuto lo Sparta sbaglia un vambio e si ritrova con un uomo in più sul ghiaccio. Inevitabili i due minuti di penalità e così il Canada trova la rete della vittoria grazie a una sventola dalla blu di Dupont.

RETI: 1-0 Vigier (Metropolit, Murphy); 2-0 Pittis (Bell), 2-1 Peter (Smolenak, Kurka), 3-1 Bell (Metropolit, McLean), 3-2 Peter (Smolenak, Macholda), 3-3 Vyborny (Macholda)PP; 4-3 Dupont (Murphy)PP