Val di Fassa: «Per noi era importante iniziare alle 20.45»

(com. stampa SH Val di Fassa) – La Sportiva H.C.Val di Fassa con questo comunicato intende chiarire la sua posizione verso gli organi di stampa, i tifosi e tutti gli appassionati, in merito alla decisione di giocare in casa alle 20,45 per il proseguo della stagione.
Consapevoli dell’accordo della L.I.H.G. con gli organi di stampa di iniziare tutti gli incontri alle 20,30 abbiamo comunque deciso di posticipare gli incontri casalinghi di 15 minuti comunicando il tutto già in sede di stesura calendari. Alla data del 9 dicembre  2010 nessuna comunicazione contraria o di diniego della richiesta di spostamento dell’orario da parte della Federazione, della Lega e di Società Sportiva ci è mai pervenuta.
All’assemblea di fine campionato 2009/2010 tenutasi a Bolzano tra Società, ufficio stampa Lega e rappresentanti della Stampa, abbiamo manifestato la nostra intenzione di posticipare gli incontri casalinghi di soli 15 minuti motivando tale decisione  per due ragioni:

Primo soddisfare la richiesta degli operatori turistici e dall’Azienda di Promozione Turismo della Valle di Fassa (nostro sponsor) di iniziare ogni evento ad un orario consono alle esigenze degli ospiti della Valle.
Secondo per il fatto che la stampa locale Il Trentino e L’ Adige hanno sempre snobbato il campionato italiano di serie A di Hockey su ghiaccio e l’Hockey Club Val di Fassa nonostante gli incontri casalinghi iniziassero alle ore 20.30 e facendo pervenire i comunicati stampa alle testate in oggetto appena finita la partita. In tale sede il giornalista che pubblica per i quotidiani Alto Adige e Trentino, si scusava per la mancanza del quotidiano di Trento e si giustificava asserendo che lui invia gli articoli ma la redazione non li pubblica.
I quotidiani della Provincia di Bolzano, che indubbiamente riservano molto spazio per l’hockey, nelle edicole della Valle di Fassa si trovano in poche copie, forse 3 o 4 e così il tifoso fassano se vuole informarsi sull’andamento della propria squadra e del movimento deve per forza rivolgersi ad altre fonti che trova in internet, alla radio, alla tv e via di seguito.
E’ da dire poi che la situazione fino a ieri non è cambiata…, non vi era traccia del campionato di hockey seria A e dell’ Hockey Club Val di Fassa sui quotidiani trentini da due mesi nonostante continuiamo ad inviare regolarmente i comunicati stampa…
Ci dispiace aver causato dei disagi e malumori tra gli addetti ai lavori, ma chiediamo di rispettare la nostra decisione rivolta a favorire il pubblico che viene allo stadio a sostenere i nostri colori vivendo la vera emozione del nostro Sport “dal vivo”. La Valle di Fassa, come le altre zone turistiche dove si pratica l’Hockey su Ghiaccio sono delle vetrine importantissime per far conoscere questo Sport al di fuori dei “confini ristretti della regione hockeistica”. Il turista che per la prima volta assiste ad una partita dal vivo si innamora immediatamente dell’hockey diventandone un appassionato fidelizzato che promuove il nostro sport e ne ricerca informazioni una volta tornato a casa.
Convinti della bontà delle nostre decisioni e ragioni; contrari a qualsiasi tipo di polemica che possa danneggiare il movimento e chi lavora per promuoverlo, continueremo come sempre insieme a tutti gli appassionati, i tifosi e gli addetti ai lavori, gli “Amici” e i “figli degli amici con i loro capricci” a far crescere l’Hockey su Ghiaccio italiano.