IL 60° Minuto: La serata degli Shutout

Serata esaltante per i portieri, meno ovviamente per gli attaccanti, in 6 partite disputate sono ben 4 i goalie che centrano lo shutout.
Tra le due franchigie di New York sono i Rangers ad esultare, mentre gli Avalanche sono fermati in trasferta dagli Hurricanes all’OT.
Buffalo con Miller in grande spolvero lascia Columbus al palo; spostandoci nella Western Conference Calgary ai rigori s’impone fuori casa contro Minnesota.
Chicago inciampa in casa contro Vancouver e anche i Ducks sono sconfitti in casa dai Red Wings.

I Risultati.

New York Islanders-New York Rangers 0-2 (0-0;0-1;0-1)
Colorado Avalanche-Carolina Hurricanes 1-2OT (0-0;0-0;1-1;0-1)
Columbus Bluejackets-Buffalo Sabres 0-5 (0-2;0-1;0-2)
Calgary Flames-Minnesota Wild 3-2SO(0-0;1-1;1-1;0-0)
Vancouver Canucks-Chicago Blackhawks 3-0 (0-0;1-0;2-0)

Detroit Red Wings-Anaheim Ducks 4-0 (1-0;2-0;1-0)

Buffalo non spreca l’occasione di vincere difronte al proprio pubblico, e Miller aiuta i compagni con uno shutout (a dire la verità il goalie non è mai stato assediato tagli attaccanti avversari).
Nei primissimi minuti gli ospiti cercano di farsi vedere aggressivi dalle parti di Miller, ma Buffalo rompe in pochi minuti l’accerchiamento e quando si presente dalle parti di Garon sono dolori per gli avversari.
Al 05:58 il primo gol dei padroni di casa che colpiscono dopo un preciso contropiede, di Hecht (Ennis-Grier) la rete del vantaggio; il raddoppio al 14:54 è frutto di un PP ben sfruttato (a fine serata ottima prestazione dello special team 3-6) con Pominville (Stafford-Vanek) che fa 2-0.
Sempre in PP nel secondo tempo al 12:01 è Stafford (Roy-Vanek) che arrotonda il parziale; gli animi si vanno scaldando e il gioco è frammentato dalle risse che si vengono a creare (Commodore, Boll e Dorsett per Columbus e Mccormick, Montador e Kaleta per Buffalo) ma nemmeno queste impediscono ai Sabres di colpire altre due volte.
Le altre due realizzazioni dei padroni di casa arrivano nel terzo tempo più precisamente al 15:31   con Ennis (Morrisonn) e al 19:13 con Vanek (Ennis-Roy) in PP.

I Paperi sopratutto all’inizio hanno molte colpe, concedere spazi ai Red Wings è rischioso, e questo rischio è costato caro ai visto che dopo essersi fatti intercettare un puck destinato in zona neutra hanno dovuto assistere impotenti al capolavoro balistico da posizione molto angolata di Franzen (Filppula) che dopo nemmeno un minuto di gioco ha già portato in vantaggio la sua squadra.
Hiller al 06:17 deve salvare la porta con Holmstrom pronto ad infilare il 2-0 ed invece dalla parte opposta è Howard che al 14:15 con i gambali ferma un tentativo offensivo di Perry.
Si passa al secondo tempo e subito un errore della difesa dei Anaheim al 06:28 costringe Hiller alla prodezza, intercettando con la pinza il tiro a colpo sicuro di Helm.
I Red Wings con un contropiede perfetto raddoppiano al 14:02 Holmstrom (Zetterberg-Datsyuk) pronto sul rebound di Hiller.
I Ducks nonostante il punteggio giocano bene facendo correre molti pericoli alla difesa degli Wings ma trovano un ottimo Howard a fermare i loro tentativi; il contropiede al 14:15 di Perry è fermato dal goalie ospite.
IL secondo tempo è agli sgoccioli ma gli ospiti riescono ad allungare ancora di Cleary (Rafalski) al 18:26 il 3-0.
Nel terzo tempo le due squadre non si risparmiano, mettendo alla prova sia Hiller che Howard, ma per il goalie svizzero negli ultimi minuti arriva il 4-0 di Detroit che a 30 secondi dalla sirena con Filppula (Ericsson-Franzen) mette i titoli di coda alla sfida.

Si diceva di una serata con i portieri protagonisti ed allora non stupisce che il podio sia occupato tutto da estremi difensori: prima posizione a Jimmy Howard (Detroit), le sue 41 parate hanno fermato i Ducks.
Seconda piazza per Roberto Luongo (Vancouver) 32 parate per lui che mandano in bianco i campioni in carica; per finire Cam Ward non fa shutout come i colleghi ma parando 34 dei 35 tiri di Colorado contribuisce in maniera sostanziosa alla vittoria della sua squadra