Il 60° Minuto: Le parate di Khabibulin ed due gol in rapida successione stendono i Blackhawks

Sfida intensa ed equilibrata tra Flyers e Capitals che si risolve in OT con il successo di Washington, i Rangers in casa vengono fermati dai Blues, Chicago cade in casa contro Edmonton dopo essere stata in vantaggio ed infine gol e spettacolo tra Ducks e Predators con i paperi che realizzano a fil di sirena il gol vittoria.

I Risultati:

Philadelphia Flyers-Washington Capitals 2-3OT (1-1;1-1;0-0;0-1)
St Louis Blues-New York Rangers 2-0 (0-0;1-0;1-0)
Edmonton Oilers-Chicago Blackhawks 2-1 (0-1;0-0;2-0)
Nashville Predators-Anaheim Ducks 4-5 (2-2;0-0;2-3)

Chicago per il momento le partite contro gli Oilers proprio non le digerisce, per la seconda volta dall’inizio della stagione il match casalingo contro Edmonton finisce con la vittoria ospite.
Se nella partita persa per 7-4 gli ospiti erano andati in vantaggio per primi, in questo caso sono i Blackhawks a sbloccare il risultato con la marcatura di un ex Pisani (Skille) che al 10:22 porta in vantaggio i suoi.

Nel proseguo della partita i padroni di casa mantengono il vantaggio senza però riuscire ad incrementarlo, a negare in più di un occasione il raddoppio è Khabibulin che dopo aver subito il primo gol non concede più nulla.
La partita prosegue su questi binari fino al 07:13 quando Foster (Hemsky-Whitney) in PP indovina l’angolo beffando Crawford; è il momento della svolta perché dopo 14 secondi Gagner (Penner-Hemsky) ricevuto il puck nello slot appoggia lo stesso in rete è il raddoppio ospite.
Chicago nonostante gli sforzi non riesce a rientrare in partita anche grazie all’ottima prova di Khabibulin.

Tra Ducks e Predators le emozioni non sono di certo mancate, ed i padroni di casa sempre in vantaggio per primi sono stati sempre raggiunti sul pari fino ai minuti finali del terzo tempo.
Il vantaggio per i padroni di casa arriva dalla stecca di Selanne (Ryan-Lilja) che al 0:52 si viene a trovare nello slot con la porta spalancata dopo la respinta di Lindback e con facilità mette dentro l’1-0.
I Predators impiagano poco per pareggiare, e al 02:34 Hornqvist devia in gol il tiro di O’Reilly rendendo vano il tentativo di parata di Hiller.
Per i tifosi di casa le emozioni si alternano, al 10:49 Koivu (Selanne-Blake) riceve nello slot ma sembra angolare troppo il tiro, il puck però colpisce il gambale di Lindback e carambola infondo al sacco.
Hiller non dorme sonni tranquilli, al 17:16 un errato disimpegno della difesa dei paperi finisce per innescare Sullivan (Hornqvist) che resta freddo davanti al goalie svizzero infilzandolo per il nuovo pareggio.
Dopo un vivacissimo primo tempo nel periodo centrale, i portieri salgono in cattedra e per gli attacchi non c’è nulla da fare.
Nel terzo tempo però ricomincia il botta e risposta tra i due attacchi, con i goalie che fanno da spettatori venendo trafitti.
Riapre le danze al 0:49 Visnovsky (Parros-Carter) approfittando del traffico davanti alla gabbia, poi però al 06:15 Hiller è beffato dal tiro dalla blu di Franson.
Il secondo gol di serata da parte di Koivu (Lydman-Blake) questa volta in PP spinge nuovamente avanti i Ducks al 10:05, ma è una serata ricca di emozioni e al 16:13 una deviazione di O’Reilly (Franson-Goc) sotto porta manda a vuoto Hiller ridando il pari ai Predators.
I paperi hanno però il merito di credere nella vittoria e questa arriva, a due secondi dalla sirena dopo l’ultimo disperato contropiede prima degli inevitabili OT; Mara (Ryan-Perry) da posizione ravvicinata batte Lindback chiudendo il match.

Tra le stelle brilla più luminosa di tutte quella di Ty Conklin 27-27 autore dello shutout che contribuisce al successo dei Blues; cosi come splende la doppietta di Saku Koivu (Anaheim) ed il gol di Mike Green (Washington).
Da ricordare anche l’altra doppietta di giornata realizzata da Alexander Steen (St Louis).