U13 – Feltre, partita persa ma con onore

(com. stampa HC Feltreghiaccio, G.D.G.) – La serie negativa della nostra formazione U. 13, che dura ormai da tre partite, non si interrompe purtroppo ad Asiago (domenica 7 novembre 2010), nel solito sentitissimo (da parte dei picchietti) incontro contro la U. 13 locale. La concomitanza con la bella vittoria di sabato della U. 11 contro i pari età sempre di Asiago rende ancor più amaro il boccone, poiché, a parere di chi scrive, la vittoria, oltre che assolutamente alla portata dei nostri ragazzi, sarebbe stata, per quel che si è visto in campo, più che meritata. La mole di gioco svolta dai picchietti e l’innumerevole quantità di occasioni da gol create e mancate avrebbero infatti giustificato anche una loro vittoria con largo margine: dice però il detto…..”chi è causa del suo mal, pianga se stesso”. Non ci si deve deprimere: la bella prestazione deve aiutare i picchietti a risollevarsi già nella prossima di campionato contro il Val di Sole.

La cronaca. Il primo tempo si chiude sull’1 a 0 per l’Asiago. Non vorrei sbagliarmi ma si è trattato dell’unico tiro in porta avversario, a fronte di almeno quattro limpide occasioni dei nostri attaccanti. Verso la fine l’arbitro annulla un gol alla nostra prima linea per “uomo in area”. Mi capita di vedere spesso a Bolzano partite di serie A e di gol così ne ho visti convalidare una marea, ma posso comunque sbagliarmi.
Molto combattuto il secondo terzo, che i feltrini riescono a chiudere in pareggio (3-3) con tre reti rispettivamente di Riccardo Nachtigal, capitan Matteo e Marco, che sfrutta una corta respinta del portiere asiaghese. Il tema della partita è lo stesso del primo terzo: maggior mole di gioco delle nostre linee, tante occasioni sprecate. Ben più freddi, invece, gli attaccanti avversari.
Sul terzo tempo vi sarebbero molte cose da dire, che porterebbero a trattare di un argomento di cui non voglio parlare. Mi attengo quindi solo alla cronaca. La generosità dei picchietti viene premiata al 30’46” quando Ale Pagnussat colloca il disco alle spalle del portiere avversario. Siamo per la prima volta in vantaggio, ma come in precedenza la rete è lo striminzito risultato di una serie di tiri verso la porta asiaghese con un palo pieno colto da Matteo che ancora risuona. Due minuti dopo un veloce contropiede porta l’Asiago sul pareggio. L’incontro, decisamente bello ed in bilico sino alla fine, viene purtroppo deciso all’ultimo cambio da un’altra veloce azione dei nostri avversari, a cui bisogna rendere onore per come hanno lottato su ogni disco sino alla fine.
Statistica: le reti subite si dividono equamente tra le tre linee, 2 la prima, 1 la seconda, 2 la terza, così come quelle segnate 2 la prima, 1 la seconda, 1 la terza. Ci si rivede a Malè!!