Il 60° Minuto: La doppietta di Crosby non evita ai Penguins la sconfitta

Prevalgono i successi casalinghi nella serata di venerdì 5 novembre, ma grande la prestazione esterna dei Rangers che impongono un 3-0 ai Devils nella loro tana, i Panthers travolgono in casa gli Hurricanes, e con punteggio tennistico gli Stars hanno la meglio contro i Coyotes.

I Risultati:

New York Rangers-New Jersey Devils 3-0 (1-0;1-0;1-0)
Boston Bruins-Washington Capitals 3-5 (0-0;0-1;3-2)
Montreal Canadiens-Buffalo Sabres 3-2 (1-1;2-1;0-0)
Carolina Hurricanes-Florida Panthers 4-7 (3-3;0-1;1-3)
Calgary Flames-Minnesota Wild 1-2 (1-1;0-0;0-1)
Phoenix Coyotes-Dallas Stars 3-6 (0-1;1-4;2-1)
Detroit Red Wings-Edmonton Oilers 3-1 (1-0;1-1;1-0)
Pittsburgh Penguins-Anaheim Ducks 2-3 (0-0;1-3;1-0)

La quarta partita fuori dalle mura amiche porta in dote la seconda sconfitta per i Penguins, se nel primo periodo le due squadre si sono studiate senza rendersi mai troppo pericolose, nel secondo sono i pinguini i più propositivi in attacco, però i padroni di casa sono spietati e sfruttano tutte le occasioni avute chiudendo di fatto il match in 7 minuti.

IL primo gol è di Ryan (Visnovsky-Carter) al 07:35 che chiude in rete un azione insistita dei Ducks, al 12:22 è ala volta di Getzlaf (Perry-Ryan) che assistito alla perfezione nello slot non sbaglia freddando Fleury.
Chiude questa perentesi dei padroni di casa Koivu (Visnovsky-Selanne) che al 14:26 dopo un rebound concesso fa Fleury riesce nonostante l’intervento deciso dei difensori nel tentativo di fermarlo a depositare il puck in fondo al sacco.
Sotto di tre gol, pur avendo espresso un buon gioco, i Penguins continuano a premere nel terzo offensivo, e lo forzo viene ripagato al 17:27 in PP Crosby (Letang-Goligoski) devia il puck sotto porta portando i suoi sul 3-1.
I Ducks nel terzo tempo spariscono dal ghiaccio facendosi vivi verso Fleury solo poche volte (4 tiri totali ) ma Hiller regge bene subendo solo il secondo gol di Crosby (Dupuis-Letang) che però non serve ai Penguins per evitare la sconfitta.

I Canadiens passano sul ghiaccio della HSBC Arena, supportati in gabbia da un grandissimo Price 29-31 che regge ottimamente gli attacchi avversari.
Partono forte i padroni di casa nel primo periodo, impegnando a più riprese il goalie ospite, senza però riuscire a superarlo almeno fino al minuto 17:18 quando un contropiede fulmineo dei Sabres (3 contro 1) porta al tiro, e alla conseguente rete Grier (Ennis-Montador).
I Canadiens un minuto dopo però pareggiano con Halpern che ricevuto il puck dopo l’ottimo lavoro dietro alla gabbia difesa da parte di Darche e Gorges fa secco Lalime.
Anche nel secondo tempo prosegue su alti ritmi l’incontro, e nuovamente sono i Sabres a riportarsi avanti al 09:02 con Leopold (Grier-Gaustad) che nella confusione che si era venuta a creare davanti a Price è il più lesto ad appropriarsi del disco e depositarlo alle spalle del goalie ospite.
I Canadiens come nel primo periodo però trovano in brevissimo tempo il pareggio, questa volta trascorrono solo 50 secondi tra il gol dei padroni di casa e il pareggio che realizza Pouliot (Darche-Halpern) da distanza ravvicinata.
La svolta definitiva per la partita è al minuto 17:12 del secondo tempo quando da posizione angolata alla destra di Lalime, Pouliot (Halpern-Markov) trova l’incrocio dei pali per il sorpasso dei Canadiens.
Il terzo tempo vede protagonisti i due goalie che mantengono immutato il risultato che vede il successo esterno per Montreal.

Nell’introduzione si diceva del successo corsaro per i Rangers, beh grande merito per la vittoria va a  Henrik Lundqvist 33-33 che con il suo shutout sbarra la strada alle conclusioni dei diavoli.
Si guadagna un posto nel podio giornaliero anche Loui Eriksson (Dallas) che segna e fa segnare, per lui 2 gol e 2 assist; infine spazio anche per un altro goalie Niklas Backstrom 33-34 (Minnesota) che concede un solo gol ai Flames.
Ci sono poi delle doppiette per Brandon Dubinsky (Rangers), Benoit Pouliot (Montreal), Stephen Weiss (Florida), Brad Richards (Dallas) e Sidney Crosby (Pittsburgh).