Il 60°Minuto: La doppietta di Daniel Sedin non basta i Canucks crollano contro gli Wild

Giornata con dei risultati interessanti: Boston vince contro Washington, successo esterno dei Flames ai danni dei Predators, ma soprattutto il largo successo di Minnesota contro Vancouver ed il crollo casalingo degli Sharks travolti dagli Hurricanes.

Boston Bruins-Washington Capitals 3-1 (2-0;0-1;1-0)
Calgary Flames Nashville Predators 1-0OT (0-0;0-0;0-0;1-0)
Vancouver Canucks-Minnesota Wild 2-6 (1-3;1-3;1-0)
Carolina Hurricanes-San Jose Sharks 5-2 (2-0;1-2;2-0)

Il buon giorno si vede dal mattino, dice il proverbio ma questa volta il detto non è stato d’aiuto ai Canucks che nonostante il vantaggio messo a segno con il gol di D.Sedin (H.Sedin-Edler) dopo 58 secondi, soccombono sotto i colpi degli Wild.
I Padroni di casa impiegano in effetti poco tempo per pareggiare al 06:04 Zidlicky (Cullen-Miettinen) in PP fa 1-1 mentre un minuto più tardi è il tiro di Latendres (Sefalk-Havlat) che sfrutta un bellissimo gioco da biliardo di Sefalk a gonfiare la rete per il vantaggio dei padroni di casa.

Per Luongo i problemi non sono ancora finiti, al 18:10 altro PP ed altra marcatura degli Wild, realizzata questa volta da Clutterbuck (Latendresse-Havlat).
Nel secondo periodo il copione si ripete in maniera perfetta, cambiando gli attori, la parte viene però recitata alla perfezione, in gol va al minuto 07:54 Madden (Burns-Schultz), seguito al 12:21 da Brunette (Zidlicky-Miettinen) e un minuto più tardi in PP da Cullen (Koivu-Zidlicky) per un parziale di 3-0 nel secondo tempo che porta il totale sul 6-1.
Nel terzo tempo non succede più nulla tranne il gol utile ahimè solo per le statistiche di D.Sedin (H.Sedin-Samuelsson).

Gli Hurricanes fanno il colpaccio, e stendono in trasferta gli Sharks, il tabellino dei marcatori si sblocca dopo 5 minuti quando da un errore nell’impostazione del PP da parte dei padroni di casa  nasce il vantaggio degli Hurricanes Staal (Larose-Babchuk).
San Jose non si preoccupa dello svantaggio e attacca a testa bassa trovando però la netta opposizione di Ward che è bravo ma anche fortunato un bolide di Clowe sbatte sulla traversa graziando il goalie.
Gli Hurricanes soffrono ma colpiscono verso la fine del periodo, al 17:35 per essere precisi con il gol di Cole (Gleason-Skinner).
Nel secondo tempo ancora gli ospiti in rete al 02:43 con Dwyer (Jokinen-Larose) per un incredibile 3-0; gli Sharks per non ci stanno e grazie alla doppietta di Marleau assistito da (Boyle-Thornton) al 06:34 e da (Setoguchi-Murray) al 09:46 si rimettono in partita.
Carolina però sfrutta il vantaggio, e grazie alla protezione della gabbia data da un ottimo Ward si dedica alla fase offensiva riuscendo a segnare altre due reti nel terzo tempo, la prima al 02:11 con Larose (Staal) mentre la seconda al minuto 07:05 grazie alla marcatura di Pitkanen (Kostopoulos-Mcbain)

Lo spazio riservato alle stelle di serata è questa volta monopolio del reparto difensivo, Miikka Kiprusoff (Calgary), che centra lo shutout con 34 parate, altra posizione ed altro portiere Cam Ward (Carolina) è un muro contro gli assalti di San Jose 41-43, ed infine Marek Zidlicky (Minnesota) con 1 gol e 2 assist.
Degna di nota ma inutile per la sua squadra è la doppietta di Daniel Sedin (Vancouver)