KHL: Le città della Bobrov Division

Presentiamo in 4 puntate ad uscita settimanale le città sedi delle squadre partecipanti alla KHL.

khl bobrov KHL: Le città della Bobrov Division

KHL, Bobrov Division

MOSCA

Squadre: CSKA Moscow, Spartak Moscow, UHC Dynamo (la squadra ha base anche a Balashikha)

Mosca è la capitale della Russia e la città più popolosa d’Europa. In essa vivono oltre 10 milioni di abitanti (14 milioni nell’area metropolitana) ovvero il 10% dei cittadini russi.
Fu fondata nel 1147 da Jurij Dolgorukij. Lo stemma della città raffigura un cavaliere con una lancia in mano mentre uccide un basilisco ed è identificato con “San Giorgio e il drago”.
Sorge sulle sponde del fiume Moscova ed occupa una superficie di 1.081 chilometri quadrati.
Storicamente è stata capitale dell’Unione Sovietica, dell’Impero Russo, dello Zarato Russo e del Gran Ducato di Mosca.
Dal 1879 ad oggi la minima temperatura registrata è stata di -44°C e la massima di 40°C (registrata nel luglio 2010)
Dotata di 6 aereoporti e 2 porti fluviali, ha come suoi principali monumenti la Piazza Rossa e il Cremlino.
E’ gemellata con varie città sparse per il mondo, tra cui Riga, sua rivale in KHL.

2003 04 18 Moscow Kremlin KHL: Le città della Bobrov Division

Il Cremlino


BALASHIKHA

Squadra: UHC Dynamo (la squadra ha base anche a Mosca)

Fondata nel 1830, sorge sulle sponde del fiume Pechorka, 20 km a est di Mosca.
Vi risiedono circa 188mila cittadini, su un area di 28,72 km quadrati.
Città sorta in epoca recente, ha i suoi principali punti d’interesse in “monumenti moderni”, quali la Balashikha Arena (con 6000 posti a sedere) e l’antenna della Moscow Radio Centre 13, alta 300 metri.

Balashiha radio station KHL: Le città della Bobrov Division

Antenna della Moscow Radio Centre 13

SAN PIETROBURGO

Squadra: SKA Saint Petersburg

E’ la seconda città più grande della Russia con 4 milioni di abitanti (popolazione in leggero calo negli ultimi 20 anni).
La città fu fondata il 27 maggio 1073 dallo Zar Pietro il Grande, l’edificazione fu affidata ad architetti torinesi e costò il sacrificio di 30.000 operai deceduti durante le costruzioni.
Fu fondata con l’attuale nome, nel 1914 ribattezzata Pietrogrado, nel 1924 divenne Leningrado, per poi tornare San Pietroburgo il 6 settembre 1991.
La città sorge alla foce del fiume Neva, sul Mar Baltico; l’area cittadina include alcune isole.
Il centro storico della città e i relativi monumenti sono inclusi nella lista dell’UNESCO dei Patrimoni dell’umanità. Tra i principali monumenti si può ricordare la “Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato”,
La città è dotata di due porti (uno fluviale e uno marittimo) ed è uno dei principali centri artistici e culturali d’Europa.
Tra le molte città gemellate possiamo ricordare la nostra Milano.

St. Petersburg church KHL: Le città della Bobrov Division

Chiesa del Salvatore sul Sangue Versato

RIGA

Squadra: Dynamo Riga

La città è situata alla foce del fiume Daugava sul Mar Baltico. Con circa 709mila abitanti è la capitale della Lettonia. Risulta inoltre essere la città più popolata delle repubbliche baltiche.
Essendo situata sul mare e godendo del “riscaldamento” invernale di quest’ultimo, le temperature invernali raggiungono “solo” i -20°C. Gli autunni sono però molto piovosi e nebbiosi.
E’ stata fondata il 18 agosto 1201 dal vescovo tedesco Albrecht von Buxthoeven.
Il suo centro storico è inserito dall’UNESCO tra i Patrimoni dell’Umanità.
Tra le varie città gemellate con la città baltica c’è la nostra Firenze.

Riian vanhakaupunki KHL: Le città della Bobrov Division

Veduta della città

Fonte: Wikipedia

Tags: