KHL 2010-2011

L’8 settembre 2010 prenderà il via la terza stagione della KHL. In quella occasione si giocherà l’Opening Cup tra i campioni in carica dell’Ak Bars Kazan e la neonata United Hockey Club Dynamo sorta dalla fusione tra Dynamo Mosca e HC MVD.

Ma torniamo alla passata stagione…

Allo scorso campionato partecipano 24 squadre di cui 21 russe, una bielorussa (Dinamo Minsk), una kazaka (Barys Astana) e una lettone (Dinamo Riga). Quest’ultima sarà la squadra “extra-russa” meglio piazzata nel Final Standings giungendo all’ottavo posto.

La stagione si apre con l’Opening Cup (primo incontro della stagione tra le due finaliste dalla passata Gagarin Cup). Alla TatNeft Arena di Kazan gli AK Bars Kazan battono la Lokomotiv Yaroslavl per 3 reti a 2.

Il secondo trofeo assegnato è la Continental Cup, titolo di cui si può fregiare lo Salavat Yulaev Ufa che al termine della stagione regolare vanta il miglior punteggio sugli altri 23 team della lega.

Iniziano quindi i play-off che ci regalano i campioni delle due divisioni: HC MVD ad ovest e Ak Bars Kazan ad est.

Saranno proprio queste due squadre a contendersi la Gagarin Cup al meglio delle 7 partite. Ed è proprio al 7° incontro che l’Ak Bars riesce ad avere la meglio sulla HC MVD.

http://photo.khl.ru

Ci sono novità per il campionato 2010-2011.

Il Lada Togliatti abbandona la lega a causa di problemi finanziari e si iscrive alla Russian Major League.

Il 30 aprile 2010 giunge la notizia della fusione tra HC MVD (vice-campioni KHL) e la Dynamo Mosca che danno vita alla UHC Dynamo.

Si liberano quindi 2 posti per riportare a 24 i club della lega.

Sei nuove squadre di 4 diversi stati si candidano come nuovi partecipanti: HC Yugra, Krylya Sovetov Moscow e Gazovik Tyumen (Russia), HC Budivelnyk (Ucraina), HC Lev (Repubblica Ceca) e V?tra Vilnius (Lituania).

Budivelnyk e Yugra sono inizialmente accettati nella lega, ma il 24 giugno il Budivelnyk annuncia il suo ritiro in quanto il proprio stadio non è in linea con gli standard KHL. Viene quindi accettata nella lega l’HC Lev che nel frattempo ha traslocato in Slovacchia nella città di Poprad.

Aumenta così da 4 a 5 il numero di stati coinvolti nella KHL: Russia (20 squadre), Bielorussia, Kazakistan, Lettonia e Slovacchia (tutte con una partecipante).

La regular season si disputerà su 56 giornate. Ogni squadra affronterà 4 volte i team della propria division e 2 volte quelli delle altre division. I migliori 8 di ciascuna conference si giocheranno poi i play-off da cui usciranno le due contendenti della Gagarin Cup.

Western Conference

Bobrov Division

Tarasov Division

CSKA Moscow
Dinamo Riga
Dynamo Minsk
SKA Saint Petersburg
Spartak Moscow
UHC Dynamo

Atlant Moscow Oblast
HC Lev Poprad
Lokomotiv Yaroslavl
Severstal Cherepovets
Torpedo Nizhny Novgorod
Vityaz Chekhov

Eastern Conference

Kharlamov Division

Chernyshev Division

Ak Bars Kazan
Avtomobilist Yekaterinburg
HC Yugra
Metallurg Magnitogorsk
Neftekhimik Nizhnekamsk
Traktor Chelyabinsk

Amur Khabarovsk
Avangard Omsk
Barys Astana
Metallurg Novokuznetsk
Salavat Yulaev Ufa
Sibir Novosibirsk

Tags: