NHL Playoff 2010: Gli Habs domano Washington

Montreal Canadiens – Washington Capitals 3-2 OT (1-1; 0-0; 1-1; 1-0 OT)

E’ Plekanec l’eroe della serata per Montreal che, scesa sul ghiaccio della capitale per incontrare i freschi vincitori del President Trophy, riesce ad imporsi all’ overtime e a portare a casa il primo punto della serie. In vantaggio grazie a Cammalleri al giro di boa del primo periodo, gli Habs vengono prima raggiunti al 15’36” dalla rete di Joe Corvo e poi, dopo un periodo centrale dominato dai goalie, subiscono addirittura il sorpasso con il goal di Niklas Backstrom dopo 47″ dall’ ingaggio iniziale della terza frazione. A riportare il match in parità ci pensa Scott Gomez: è l’ex di New Jersey e New York infatti a realizzare la rete del pareggio al 7’34” e a portare il match agli extratime dove, come detto è Plekanec il giustiziere dei padroni di casa.

E’ una rete importantissima per la nostra squadra,” a dichiarato  Plekanec a fine gara, riferendosi alla sua realizzazione. “Sono contento di avere segnato ma non importa chi segna nei Plaoffs, le statistiche non contano“.


Boston Bruins – Buffalo Sabres 1-2 (0-1; 1-1; 0-0)

Tutti aspettavano Ryan Miller e il goalie di Buffalo e del Team USA alle ultime olimpiadi canadesi non ha deluso le attese. E’ infatti merito in grande parte sua se i Sabres sono riusciti a portare a casa il punto dell’ 1-0 nel match di apertura della serie con i Bruins. Per Miller, 38 salvataggi ed una prova maiuscola che gli frutta la nomina a “first star” del match. Avanti grazie alla rete di Vanek dopo 4’52” del primo periodo, i Sabres si vedono raggiunti da Boston che va a segno poco prima della metà del periodo centrale con Recchi che riesce a dare l’unico dispiacere della serata a Miller. La rete della vittoria arriva poi con Rivet al 14’10” della stessa frazione centrale.


Los Angeles Kings – Vancouver Canucks 2-3 OT (0-0; 2-2; 0-0; 0-1 OT)

Finisce all’ overtime anche la prima sfida tra Vancouver e Los Angeles, andata in scena sul ghiaccio del General Motor Place; se a mettere a segno la rete decisiva della sfida ci ha pensato Mikael Samuelsson all’ 8’52” del primo overtime, i tifosi di casa devono un monumento a Roberto Luongo autore di un salvataggio a dir poco sensazionale 2 minuti prima quando ha letteralmente tirato fuori dalla porta un tiro di Jack Johnson. Da menzionare anche l’ottima prova di Jonathan Quick: per il goalie di Los Angeles, nonstante la sconfitta, sono da registrare 41 interventi decisivi. Per quanto riguarda i regolamentari le reti sono arrivate da Stoll e Modin per LA e da Samuelsson e Daniel Sedin per i Canucks.

(Per le dichiarazioni: www.nhl.com)