Grandina su Selva: match point al Real

(com. stampa Real Torino) – E’ Tommaso Traversa l’eroe di gara 5, con 3 goal ed un assist il centro torinese guida il Real ad espugnare il Pranives di Selva, fatto che permette al Real di passare a condurre nella serie play-off 3-2 e di avere il match-point in casa, domenica 28 al Tazzoli.
Il Real riesce dunque nell’impresa insperata, con una partita accorta, di grande attenzione e spessore tecnico, l’armata torinese espugna la roccaforte ladina restando avanti per 50’ su 60’.
Ma andiamo con ordine: Real privo di Covolo e Borghi per squalifica e Lefebvre per infortunio, recupera Salonen e lascia in tribuna Fornaciari per turn-over.
Il Gherdeina risponde con il recupero di Kevin Senoner e Wanker, mentre perde per squalifica Moroder e Spinell.
Il primo periodo è equilibrato, con squadre accorte e più propense a non subire che a realizzare, ed il Real gioca con grande precisione: cambi veloci, grande attenzione e pronte ripartenze dopo le scorribande gardenesi.

In chiusura di periodo è proprio il Real a passare in vantaggio: al 19’ Traversa lanciato sulla sinistra scende nel terzo e passa con un bel taglio in flip a destra all’accorrente Stricker: tiro al volo e 0-1!
Avvio di secondo in sofferenza con il Gherdeina in pressione in avanti e Platé è chiamato ad interventi decisivi e determinanti, mostrando grande sicurezza.
Il Gherdeina martella il terzo torinese per tutta la frazione centrale, il Real colpisce in ripartenza e col passare dei minuti è anzi la squadra sabauda a crescere e dare l’impressione di “averne di più”.
Nell’ultima frazione, tuttavia, è il Gherdeina a trovare un fortunato pareggio: al 47’ Insam scocca uno slap dalla blu spizzicato: puck che rotea pericolosamente e rimbalza davanti allo slot tradendo Platé per un pareggio più fortunato che meritato: 1-1.
Il Real, che affronta il match a 3 linee per i primi due tempi e poi scala a 2 centri con 3 cambi di ali nel terzo indovina le mosse e in chiusura, quando i più tengono d’occhio il cronometro per l’overtime, trova il vantaggio che infrange le speranze ladine; 57’: in penalty killing Sekula conquista il puck nel terzo, libera in neutra Traversa che con una pattinata devastante s’invola verso un isolato Grossgasteiger in uno contro zero e, dopo una finta che mette “sedere sul ghiaccio” il goalie gardenese, sigla l’1-2 che segna il match.
Gli ultimi 3 minuti, con il fiato sospeso sono una cavalcata trionfale: il Gherdeina toglie al 59’ il portiere per tentare la carta dell’extra-attacker, ma mentre il sestetto ladino non riesce a tenere il terzo, è ancora Traversa che dalla neutra trova il goal a porta vuota (erroneamente imputato a Lo Presti n.d.r.).
Il Gherdeina chiama time-out e prova a riorganizzare l’ultimo assalto, ma anziché tenere il puck e far valere la superiorità numerica, i ladini perdono il disco e concedono ancora a Traversa, servito da Sekula dal proprio terzo il disco del definitivo 1-4 che consegna il match-point ai torinesi.
Nel dopopartita, abbiamo scambiato 2 parole con il vice-Presidente Massimo Traversa dagli spogliatoi: “Partita perfetta! Abbiamo giocato bene e in modo molto preciso, con cambi veloci e molto attenti. Strategia ottima, in cui ogni ingranaggio ha fatto il suo ed ha contribuito al risultato. Un primo periodo in cui ci siamo fasati ed abbiamo calibrato il forechecking che si è poi rivelato l’arma vincente della serata, lasciando pochi spazi agli avversari e trovando in ripartenza le nostre reti. L’attenzione alle penalità, ed un’ottima prova di Platé hanno fatto il resto…”

GHERDEINA – REAL TORINO 1-4 (0-1; 0-0; 1-3)
Tiri: Gherdeina 15 (?) – Real 45
Penalità: Gherdeina 6 – Real 14
Spettatori: 354