Passo falso delle Eagles

(com. stampa EV Bozen ’84) – Affrontare una partita con sufficienza non è mai una buona idea. Le Eagles hanno imparato questa lezione in occasione dell’ultimo incontro di campionato che le vedeva opposte alle Lakers di Appiano. Le tre partite precedenti terminate rispettivamente 5:0, 6:0 e 8:1 non dovevano essere prese come metro. Questo il messaggio dello staff prima della partita. Rimasto lettera morta però, per cui dell’incontro le due squadre si ricorderanno a lungo. Ciascuna in maniera diversa.

Benché in media tecnicamente più dotate, le Eagles hanno sempre faticato a giocare contro le Lakers che fanno della disciplina tattica la loro arma migliore. Anche in questo caso con la piccola ma importante differenza che le Lakers per larghi tratti sono riuscite a giocare alla pari con le Eagles e di superarle addirittura in quanto a impegno e spirito battagliero. Il primo tempo è caratterizzato dai tentativi, sterili, delle bolzanine di scardinare la difesa delle ospiti in cui il portiere Rita Flor giganteggia. Le azioni delle Eagles risultano comunque prevedibili e troppo egoiste. Non solo, contro le impostazioni tattiche, Katharina Sparer, il pezzo da novanta delle Lakers, gode di tante, troppe libertà. E le sfrutta portando una caterva di dischi anche interessanti davanti alla porta difesa da Giulia Mazzocchi. Quando al 18° del primo tempo Diana Da Rugna riesce a superare il muro dell’Appiano sfruttando al meglio i preparativi di Evelyn Bazzanella, tutti pensano che la partita in fondo avrebbe preso la strada di sempre. E’ assurdo che proprio la rete che dovrebbe sbloccare le Eagles frena il loro gioco.

Il secondo tempo che finisce a reti inviolate ne è espressione. Le Eagles continuano a sfacchinare ma vengono controllate abbastanza agevolmente dall’Appiano che astutamente si concentrano sulla marcature delle giocatrici chiave anche raddoppiando se necessario. La frazione di gioco conclusiva vede le Eagles lanciate all’attacco per aumentare il bottino, ma a segnare è l’Appiano. Doris Prossliner sfrutta un’indecisione della retroguardia delle aquile e in qualche maniera riesce a spingere il disco oltre la linea di porta. Mentre l’Appiano giustamente festeggia, lo sconcerto tra le Eagles è grande. Anche un cambiamento nella composizione delle linee non da gli sperati frutti.
Anche il forfait di Diana Da Rugna dopo due tempi e l’assenza di Rebecca Fiorese non possono servire da scusante per il passo falso collettivo. Onore all’Appiano quindi che si è meritato un punto insperato alla vigilia credendoci semplicemente di più.

EV Bozen Eagles – HC Appiano Lakers 1:1 (1:0)(0:0)(0:1)
Marcature: Diana Da Rugna (EVB, 17.46), Doris Prossliner (HCE, 47.18 )
Penalità: EVB Eagles 4, HC Eppan Lakers 6

Prossimo incontro: domenica, 7.02.2010 -12.30 h – HC Asiago vs EV Bozen Eagles ad Asiago