C26 – Ghiaccio bollente di Chiavenna, la spunta il Bozen

(com. stampa EV Bozen ’84) – Era nei pronostici che i Weasels non sarebbero stati accolti a Chiavenna da amici. Che ci fosse bisogno delle forze dell’ordine per riportare ordine nel pubblico ertamente no. Nonostante i mozziconi di sigaretta accesi lanciati sulla panchina dei Weasels nonché gli sputi i Weasels però hanno giocato fino in fondo la loro partita.

Ci sono sempre persone povere di “spirito” tra il pubblico quindi non è il caso di drammatizzare l’accaduto e nemmeno l’inqualificabile azione del Presidente dei locali che aprendo la porta della panchina dei Weasels ha lanciato una frase offensiva senza ragione contro gli ospiti per giunta sbattendo la porta in testa all’accompagnatore – le sue scuse al termine della partita erano comunque bene accette. Per il resto a Chiavenna si è visto una partita entusiasmante fatta di gioco maschio e belle azioni. Il Chiavenna rinnovato nell’organico si presenta tonico e disposto a lottare su ogni disco per contrastare i Weasels tecnicamente più dotati. Passano in vantaggio i White Weasels al 3° del primo tempo con un potente tiro di Manuel Basso che si infila sotto la traversa dell’incolpevole Antinori. Superiorità numerica sfruttata quindi nel migliroe die modi da parte die Weasels. I 600 spettatori spingono i locali che al 14° pareggiano con Pascal Blanc lasciato colpevolmente solo sulla blu e libero di scoccare il disco del momenaneo 1:1. Si tempe il peggio per il tetto dello stadio quando 90 secondi dopo Moreno Orio allunga sul 2:1 con un gol fotocopia del primo. Due minuti dopo i Weasels sono nuovamente in superiorità e Hannes Hölzl non si lascia sfuggire l’occasione segnando con un’azione personale di pregevole fattura. La partita è un continuo susseguirsi di emozioni e azioni da gol su entrambi i lati con il Chiavenna velocissimo nelle ripartenze. La difesa die Weasels riesce a metterci una pezza fino a 4 secondi dalla fine del primo tempo quando Moreno Orio mette a segno il 3:2. La pausa arriva in un momento proprizio per i Weasels che hanno necessità di riordinare le idee. E lo fanno nel migkiore die modi perché i secondi 20 minuti sono di appannaggio die Weasels. Al 7° Martin Pircher fa secco Antinori con un precisissimo quanto potente tiro al volo al sette. Con Pierangelo Rigamonti in panca puniti, un minuto dopo i Weasels fanno nuovamente centro. Thomas Unterfrauner lascia di sasso gli avversari e con l’accelerazione che gli è tipica brucia tutti compreso il portiere costretto a raccogliere il 4° disco dalla rete. La facilità con cui i Weasels hanno cambiato faccia alla partita non passa senza strascichi psicologici. Tanto che il Chiavenna è costretto a subire anche il 5:3 ad opera del capitano Peter Aichner che infila Antinori tra i gambali. E’ ora che il pubblico inizia a non gradire più e iniziano insulti e sputi. La cosa non sfugge al sempre attento capo arbitro che chiede l’intervento della forza pubblica che riesce a riportare ordine sugli spalti. La seconda pausa porta consiglio.

Al 10° del periodo conclusivo Matthias Mair dall’alto della sua esperienza, chiude virtualmente la partita deviando in rete d’astuzia un tiro di Martin Pircher. Il quarto gol del Chiavenna di Nicola Pau a 8 minuti dal termine riaccende le speranze dei locali ma solo per poco perché i Weasels riescono ad amministrare abbastanza agevolmente il vantaggio.
Per finire, senza spirito di polemica, chiediamo al Chiavenna di farsi un esame di coscienza se il servizio di pronto intervento era così impeccabile come il sodalizio si attende dalle altre società, lamentela che poi aveva portato all’abbandono della Sill. E’ comunque quantomeno strano che il medico non sia intervenuto per prestare le necessarie cure a Roland Battisti colpito da una steccata in faccia con copiosa fuoriuscita di sangue finché non è stato richiesto dai Weasels ed è strano che l’infortunato ha dovuto attendere oltre cinque minuti il suo arrivo in panchina dato che il medico dovrebbe sempre trattenersi a bordo pista. Solo a chi è senza colpe è permesso scagliare la prima pietra…

HC Chiavenna – EV Bozen White Weasels 4:6 (3:2)(0:3)(1:1)
Marcature: Manuel Basso (EVB, 02.11), Pascal Blanc (CHI, 13.09), Moreno Orio (CHI, 14.26), Hannes Hözl (EVB, 16.38 ), Moreno Orio (CHI, 19.56), Martin Pircher (EVB, 26.26), Thomas Unterfrauner (EVB, 27.04), Peter Aichner (EVB, 35.34), Matthias Mair (EVB, 49.21), Nicola Pau (51.52)
Penalità: HC Chiavenna (26), EV Bozen 84 (20)

Prossimo incontro: 24.01.2010 – 18.30 h – HC Como vs. EV Bozen White Weasels a Como