Nella battaglia d’Appiano a passare è il Real

(com. stampa Real Torino) – Nonostante le assenze di Stricker e Salonen che costringono coach Zurek a reinventarsi le linee il Real vince un match in rimonta agli shootout, mostrando per lunghi tratti un gioco convincente e predominante che l’Appiano controlla a fatica.
Zurek schiera in prima linea con Fornaciari e Silva un inedito Traversa, mentre in seconda con Lo Preasti e Peruzzo scende in pista Meneghetti, in 3° Covolo gira con Ceretto e Di Fabio, mentre le coppie difensive sono tradizionali. A difesa della gabbia torna Platé che si esibisce in una prestazione maiuscola neutralizzando 30 tiri su 32.
In avvio parte bene il Real: Traversa passa a Fornaciari da dietro porta il cui tiro è respinto di pettorina da Pichler. Un minuto dopo è Klucar dalla blu nel primo powerplay della serata (moltissime le penalità inflitte ai team dal fiscalissimo arbitro Gamper che risulta imparziale ma durissimo: 22 minuti al Real, 20 all’Appiano n.d.r.) a chiamare Picheler all’intervento centrale.

Tanto Real nei primi minuti: al 6’ Tremolaterra dalla blu di polso invita il deck di Lo Presti che impatta però sui gambali di Pichler, ma dal 9’ crescono i padroni di casa: in powerplay s’accende una mischia davanti alla gabbia di Platé con Ebner e Sekula che finiscono in rissa e vengono puniti entrambi.
Al 13’ Coleman apre a sinistra per Campbell che tira in one-time di poco a lato, ma la lunga apnea difensiva della 3° linea capitola poco dopo, quando proprio Coleman batte da poco dopo la blu un coperto Platé.
Pronta la reazione dei torinesi, ma Silva prima e Traversa poco dopo non trovano la rete sotto porta vedendo vanificati gli sforzi da un Pichler “pigliatutto”. In chiusura di tempo, è Braff a slappare in porta e cogliere il palo esterno.
Frazione centrale più emozionante, con un Real in crescita e l’Appiano che sbanda vistosamente in difesa: in apertura prova subito Klucar dalla blu ma Pichler è attento e sventa di gambale.
Al 25’ ancora Klucar prova a scagliare verso la porta, bel deck di Lo Presti che esce di pochissimo a lato a Pichler battuto.
26’: Fornaciari da dietro porta serve un liberissimo Sekula che però slappa centralmente addosso a Pichler.
34’: Moro dalla blu su invito di Peruzzo dalla sinistra, ma il gambale di Pichler dice ancora no.
35’: continua il forcing torinese con Lo Presti che tenta la soluzione individuale in slalom, ma il goalie atesino respinge il back dalla sinistra e la seguente mischia viene risolta dai Pirati non senza affanno.
36’: nel giro di pochi secondi il Real si mangia letteralmente 2 goal fatti: Pichler sventa l’impossibile ma la rete è ormai matura nell’aria.
Al 36,43, infatti, Sekula serve in uscita un bellissimo disco a Fornaciari che, trovandosi lanciato a rete in uno contro zero non fallisce e appoggia in rete dopo aver seduto Pichler: 1-1 (vedi foto articolo n.d.r.).
L’ultima frazione è la più bella: in avvio è subito il Real a mettere il muso avanti: in 3 contro 3 per l’ennesimo fiume di penalità, è bravo Traversa ad aprire da dietro porta sul cerchio d’ingaggio di destra all’accorrente Klucar che slappa in porta, Pichler para ma concede un ampio rebound su cui si fionda Tremolaterra che ribadisce in porta: 1-2.
L’Appiano non ci sta e mette alla frusta la gabbia di Platé che sale in cattedra:
Al 45’ Ebner da sinistra di polso esalta la pinza del goalie torinese.
48’: Tutzer dalla blu prova dalla destra di potenza, ma ancora la pinza di Platé dice di no.
Al 50’, dopo un lungo martellamento, arriva il goal del pareggio: puck sulla blu da Campbell a Braff che staffila raso ghiaccio un insidioso puck che trova un varco fra selve di pattini (e invasioni di slot sospette n.d.r.) e s’insacca: 2-2.
Al 51’ però è ancora il Real a sfiorare la rete con una mischia furibonda da cui i Pirati escono indenni con molto affanno, ma dal 53’ al 55’ sono i 15 tifosi del Real giunti a sostenere la squadra in trasferta a vivere col fiato sospeso: doppio powerplay atesino per circa 1,30 minuti. Il Real si difende strenuamente e dove non arriva un difensore, c’è Platé pronto a sventare, così gli ultimi minuti si vivono con azioni all’arma bianca da una parte e dall’altra ma l’overtime è sostanzialmente giusto.
Il supplementare vede Peruzzo aprire il walzer delle occasioni, con un bel back dalla destra bloccato da Pichler.
Al 3’ Finocchiaro chiama all’intervento il gambale di Platé, mentre sulla ripartenza Peruzzo scambia con Lo Presti che, in una bella azione manovrata sulla sinistra tira ma Pichler sventa ancora.
Al 4’ l’ennesimo powerplay per l’Appiano potrebbe chiudere i conti, ma Platé sventa le ultime 2 occasioni atesine e porta il team sabaudo agli shoot-out.
Per il Real segnano Fornaciari e Silva (facilitato da una papera del goalie Fabris, subentrato a Pichler per i rigori n.d.r.), mentre sull’altro versante, Platé viene superato solo un volta e, chiudendo ogni varco consegna al 5° tiro la vittoria al Real!

APPIANO – REAL TORINO 2-3 S.O. (1-0; 0-1; 1-1; 0-0; 0-1)
Tiri: Appiano 32 – Real 39
Penalità: Appiano 20 – Real 22
Spettatori: 280