EVB-Chiavenna si rigioca. Bolzanini penalizzati in classifica

(com. stampa EV Bozen ’84) – A seguito di una decisione del Giudice Sportivo Unico, che definire scandalosa è un eufemismo, relativa alla partita di serie C, EV Bozen contro HC Chiavenna in data 22. novembre, la partita contro il Val Venosta, in origine da disputare oggi alla Sill, deve essere disputata su campo neutro. Dato che il campo neutro deve essere distante almeno 30 km, abbiamo optato di giocare a Laces alle ore 20.30.
Ricordiamo che l’HC Chiavenna si era rifiutato di continuare la partita dopo il primo tempo – durante il quale un giocatore chiavennate si era leggermente infortunato (10 giorni riposo, questa la prognosi), asserendo che la sicurezza die giocatori non sarebbe garantita. In sostanza il Chiavenna lamentava l’assenza dell’ambulanza (non prevista dal regolamento) ovvero l’arrivo dopo ben oltre 10 minuti. Le norme organizzative federali prevedono però solo la presenza del medico e la reperibilità dell’ambulanza in un tempo di 10 minuti. Entrambe le richieste erano pienamente adempiute.

La decisione normale sarebbe stato il 5:0 per l’EV Bozen per abbandono della squadra ospite. Quella emessa dal Giudice Sportivo è invece una vera e propria mazzata per l’EVB:
squalifica del campo per 1 giornata, penalizzazione di 1 punto, recupero della partita e pagamento delle spese al Chiavenna! La decisione è poi stata inviata con una tempistica quasi criminale, cioè in maniera tale da rendere impossibile la richiesta della sospensiva che avrebbe dovuta pervenire alla FISG di Roma entro le ore 12 del giorno successivo. Ovviamente la società ha presentato un circostanziato ricorso ora al vaglio della Commissione Federale d’Appello alla quale, fiduciosa, la società si rimette.