Il Fassa torna alla vittoria

(com. stampa HC Fassa, Roberto Santamaria) – Il Fassa Salumi Levoni ritrova i tre punti casalinghi dopo la debacle con il Cortina per merito di una prestazione entusiasmante e a tratti perfetta. I Ragazzi di Stirling hanno chiuso la pratica Renon disputando un primo periodo di rara intensità, costringendo gli uomini di Ivany al ruolo di semplici sparring partners. I fassani, ancora privi di Manfroi (rientro previsto il 5 dicembre ad Alleghe) e Power (ancora un mesetto out) propongono un line up rivoluzionato rispetto le ultime uscite. Il torello Giudice trova finalmente spazio in prima linea a fianco di Edwardson e Crampton,
mentre Piffer giostra in compagnia di Bonello e Margoni.
Il Fassa parte bene come contro il Cortina e trafigge Cloutier al primo affondo. Bonello è lesto a recuperare il puck nel terzo difensivo e servire Lomanno che si invola in situazione di 2 v 1 e serve lo smarcato Margoni che infila il goalie alto atesino sul primo palo con un tiro di polso secco e preciso. Sul vantaggio il Fassa vola e con una terza linea finalmente competitiva sfiora il raddoppio con Iori abile a superare l’estremo alto atesino ma non il palo alla sua destra.

Il gol è nell’aria e lo confeziona ancora Margoni. Dantone serve il numero 29 ex Pontebba sulla sinistra che da posizione defilata fa partire un blast a mezza altezza che batte per la seconda volta nel periodo Cloutier. La prima frazione davvero gustosa per i padroni di casa si chiude con 45 secondi di power play nei quali Cloutier se la vede davvero brutta prima dell’intervento liberatorio sancito dalla sirena. Ivany tuona nello spogliatoio e gli ospiti si presentano sul ghiaccio con diverso piglio. Bastano, infatti, soli 2 minuti agli alto atesini per perforare l’incolpevole Dennis con Ansoldi in mischia. Il Renon ci prova, ma dopo 3 minuti in situazione di power play il Fassa si riporta sul + 2. Lomanno (ancora decisivo) butta il disco nella mischia chiamando all’intervento di gambale Cloutier il quale appoggia il puck sulla stecca dell’accorrente MacDonald che lo batte con un preciso diagonale.
Nel terzo periodo succede tutto nei primi 3 minuti. Edwardson serve magistralmente nello slot Giudice, che con un delizioso tocco batte Cloutier tra i gambali.
Partita chiusa? Niente affatto. Tre minuti dopo il Renon accorcia le distanze con Johansson (deludente il suo debutto) grazie al tiro rasoghiaccio di Gruber sfiorato nel traffico dallo svedese. Il Renon ci crede e produce un paio di minuti di vero assalto, ma il fortino ladino regge bene supportato anche dalle dea bendata che manda sui montanti due conclusioni degli ospiti.
In pratica l’incontro termina qui, con lo scorrere del tempo il Fassa prende le misure del Renon rompendo tutte le trame degli ospiti in zona neutra.
Partita estremamente godibile con buon ritmo e trame di gioco dei padroni di casa conditi da una foga agonistica da play off che fa ben sperare per il futuro.
I ladini organizzati in tutti i reparti hanno offerto al proprio pubblico (unici perdenti della serata gli assenti!) gran parte del miglior repertorio. Con questa performance i punti di vantaggio sulla quinta in classifica salgono a 4 e domani sera ad Asiago ci sarà sicuramente da divertirsi.

Fassa-Renon 4-2 (2-0/1-1/1-1)
Reti:
1’30 Margoni (Lomanno, Crampton)
11’21 Margoni (Dantone MacDonald)
2’19 Ansoldi (Nemecek)
5’43 MacDonald (Crampton, Lomanno) PP
0’26 Giudice (Edwardson, Bonello)
3’16 Johansson (Gruber)

Prossimi Impegni
Sabato 28 novembre ore 20.30
Asiago-Fassa Salumi Levoni

Sabato 5 dicembre ore 20.30
Alleghe-Fassa Salumi Levoni