Italia: contro la Croazia una vittoria di consolazione

Nell’ultima partita l’Italia vince largamente contro una Croazia priva di diversi titolari. Il Challenge è stato vinto dalla Slovenia che ha battuto l’Ungheria per 3-1.

(Székesfehérvár) – Come da pronostico l’Italia supera la Croazia senza troppi patemi, in una gara caratterizzata, ancora una volta, dalla eccessiva fiscalità della terna arbitrale.
Al primo power play gli azzurri passano in vantaggio con Patrick Bona al 2,19 lesto a riprendere un rebound di Vanja Belic. I croati hanno la possibilità di pareggiare al 3.49 con Petar Trstenjak  a porta sguarnita ma la sua mira risulta imprecisa e anziché gonfiare la rete il puck finisce a lato. Al 7.36, in situazione di 4 contro 4, Jonathan Pittis controlla difettosamente il disco, Mario Novak lo recupera e scatta in contropiede, ma Tragust sventa il pericolo: il disco torna all’attaccante bolzanino che imposta l’azione, scambia con Carter Trevisani e raddoppia facendosi perdonare l’errore commesso pochi istanti prima. La pressione azzurra nel terzo d’attacco è costante, gli avversari rimangono barricati in difesa senza riuscire a costruire un’azione; al 16.01 una carica alla balaustra di Nicola Fontanive è punita dal capo arbitro con un 2’+2’+10′, i croati escono dal fortino con un tiro dalla blu di Jan Loboda che non impensierisce il portiere azzurro.

Il leit motiv del secondo periodo non cambia; al 22.19 Girogio De Bettin intercetta il disco, lo serve a Manuel De Toni, il cui tiro è deviato con il biscotto da Vanja Belic. Al 25.03 il goalie avversario si rende protagonista con un doppio intervento sulle conclusioni di Luca Felicetti e Patrick Iannone; il tiro al bersaglio azzurro trova la via del goal al 29.48 ed è confezionato da due asiaghesi DOC: in situazione di superiorità numerica il giovane Tessari, posizionato davanti allo slot, devia il tiro dalla blu di Michele Strazzabosco. Rick Cornacchia richiama Thomas Tragust per dare spazio a Daniel Bellissimo. Passano solo trentasei secondi e la squadra dell’ex “milanese” Pavel Kavcic torna a giocare in inferiorità per la penalità comminata a Jadran Beljo, alla ripresa del gioco Alexander Egger e Stefano Margoni dialogano davanti allo slot, il fassano è premiato con il goal del 4-0. Al 32.52 Patrick Iannone dall’area d’ingaggio fa cinquina. Con la Croazia in disarmo, nel terzo tempo, SAnthony Aquino, al 45.52, e Patrick Bona, al 56.19, superano Gaspar Grosej, subentrato a Vanja Belic, fissando il risultato sul 7-0
Il prossimo appuntamento della Nazionale è in programma per l’11 febbraio per la tappa italiana dell’Euro Ice Hockey Challenge che vedrà gli azzurri impegnati, in una tre giorni, contro Francia, Austria e Ucraina.

Italia – Croazia 7-0 (2-0; 3-0; 2-0)
Italia: Thomas Tragust (dal 29.48 Daniel Bellissimo) – Carter Trevisani – Michele Strazzabosco – Stefano Marchetti – Alexander Egger – Armin Helfer – Trevor Johnson – Armin Hofer – Patrick Bona – Giorgio De Bettin – Thomas Pichler – Roland Ramoser – Matteo Tessari – Patrick Iannone – Anthony Aquino – Stefano Margoni – Luca Felicetti – Manuel De Toni – Stefan Zisser – Jonathan Pittis – Nicola Fontanive. Coach: Rick Cornacchia
Croazia: Vanja Belic (dal 40.00 Gaspar Krosej) – Ivan Sijan – Tomislav Sulevski – Jurica Bednjanec – Jan Loboda – Sasa Belic – Luka Ulaga – Luka Novosel – Niksa Trstenjak – Igor Lazis – Petar Trstenjak – Dominik Kanaet – Marko Lovrencic – Miro Smerdey – Jadran Beljo – Milan Belojevic – Mario Novak – Janko Kucera – Veljko Zibret – SasoRajsar – Damir Jakovac. Coach: Pavle Kavcic
Arbitro: Vlado Babic (Croazia) Linesmen: Gabor Mayer (Ungheria) e Laszlo Wolf (Ungheria)
Penalità: Italia 32 (20/8/4) – Croazia 30 (10/6/14)
Tiri: Italia 66 (23/19/24) – Croazia 18 (8/5/5)
Marcatori: 1-0 (02.19) Patrick Bona (Giorgio De Bettin – Manuel de Toni) PP; 2-0 (07.44) Jonathan Pittis (Carter Trevisani); 3-0 (29.48 Matteo Tessari (Michele Strazzabosco – Luca Felicetti) PP; 4-0 (31.49) Stefano Margoni (Alexander Egger – Anthony Aquino) PP; 5-0 (32.52) Patrick Iannone (Trevor Johnson – Stefano Marchetti); 6-0 (45.51) Anthony Aquino (Alexander Egger) PP; 7-0 (56.19) Patrick Bona (Carter Trevisani – Giorgio De Bettin)
Spettatori: 350
MVP: Matteo Tessari (Italia) e Damir Jakovac (Croazia)

Highlights

Venerdì:
Italia-Ungheria 1-6 (1-1, 0-3, 0-2)
Slovenia-Croazia 4-0 (2-0, 1-0, 1-0)
Sabato:
Italia-Slovenia 1-3 (0-0, 0-2, 1-1)
Ungheria-Croazia 7-1 (3-1, 2-0, 2-0)
Domenica:
Italia-Croazia 7-0 (2-0, 3-0, 2-0)
Ungheria-Slovenia 1-3 (0-0, 1-1, 0-2)

Classifica
Slovenia 9 (10-2)
Ungheria 6 (14-5)
Italia 3 (9-9)
Croazia 0 (1-18)