Un campionato femminile più ricco

Dopo due lunghi anni con un campionato giocato a tre squadre e sopravvissuto col rotto della cuffia avremo finalmente un torneo più ricco. Alle tre formazioni veterane (le campionesse in carica dell’Agordo, l’EV Bozen ’84 erede delle Eagles e il Real Torino erede delle All Stars) si presenteranno ai nastri di partenza l’Appiano Lakers, che l’anno scorso ha disputato solo amichevoli, e l’Asiago di Lievore, formazione completamente nuova.

Dopo un doppio girone di andata e ritorno che partirà questa domenica, il 18 ottobre con Asiago Appiano alle 12.30, ci saranno i play-off per le prime quattro classificate al meglio di tre incontri: semifinali 21 e 28 febbraio con l’eventuale bella il 7 marzo e finali il 14, 21 e 28 marzo. La prima “rivincita delle rivincite” tra Bolzano e Agordo si giocherà in serata alla quarta giornata, martedì 10 novembre al Palaonda.

Sono previste tre soste per la nazionale: dal 2 all’8 novembre, dal 14 al 20 dicembre e dall’8 al 14 febbraio.
Si potrà schierare massimo una giocatrice straniera, cosa che comunque l’anno scorso non era successa, e le squadre si dovranno presentare sempre con due portieri a referto.

Per preservare la longevità del movimento è stato messo l’obbligo alle squadre di reclutare durante la stagione almeno 5 atlete più un portiere al loro primo tesseramento. A fine anno verrà anche organizzato un torneo giovanile.
Per il prossimo anno inoltre si prevede per le società l’obbligo di iscriversi con almeno una squadra mista under 8 o under 10 con un minimo di 6 atlete. Ci sarà la possibilità per questo di associarsi con altre compagini con un modello farm-team.

[TABLE=80,0]