Un Real tutto cuore strappa due punti a Merano

(com. stampa Real Torino) – Con un goal in extra-attacker a 13” dalla sirena conclusiva, di cuore, frutto di una volontà ferrea e cercato fino all’ultimo, il Real acciuffa per i capelli l’overtime ed i conseguenti shoot-out poi vittoriosi.
Il Real si presenta a Merano ancora privo di Salonen, Covolo e Mantovani, coach Zurek schiera in gabbia Martino Valle Da Rin, il Merano, al gran completo, per problemi cromatici cambia maglia e ne indossa una bianco-azzurra senza nomi.
Partenza tambureggiante per i torinesi, che al 1’ si affacciano in avanti con Capitan Lo Presti che scambia con Traversa, la cui conclusione è a lato di poco.
Un minuto dopo è il Merano a rispondere: Nick Romano dalla destra prova ad alzare in back-hand ma Valle Da Rin devia di scudo. Sul ribaltamento ancora Real: Silva insiste da dietro porta e si propone davanti allo slot, ma Baur (Bobba è backup in panchina n.d.r.) congela sul ghiaccio.

La partita è intensa, ben giocata su ambo i fronti, con attacchi manovrati e difese attente; al 9’ è Palla che intercetta un disco sulla blu, entra nel terzo offensivo, si gira e di polso chiama in causa la pinza di Valle Da Rin.
A metà tempo il Merano mette le mani sulla partita: 10’, Belcastro tira dalla sinistra, Martino respinge di gambali ma sul rebound il più rapido è Mitterer che insacca l’1-0. Passano 2’ ed i padroni di casa allungano: in powerplay il Merano fa valere i suoi blue-liner e sull’asse Lyness-Virta coadiuvati da Romano siglano sotto la traversa un goal dalla blù di polso.
Il Real non ci sta, e poco dopo dimostra di non essere affatto in villeggiatura: Stricker suona la carica dialogando con Silva, ma sulla deviazione del varesino Baur si salva acrobaticamente. Passa un minuto e Traversa, innescato in 1 contro 0 s’invola su Baur e lo trafigge con un preciso slap all’incorcio: 2-1 e partita aperta.
Il finale di periodo è vibrante: Stricker fallisce un 1 contro 0, ma dall’altra parte Valle Da Rin salva su Belcastro con una pericolosa deviazione davanti allo slot, mentre al 19’ Klucar slappa dalla blu e vede il pinzone di Baur negare il pari.
Seconda frazione: ottima partenza degli Zurek-boys che per i primi 6-7 minuti martellano la gabbia delle aquile meranesi: Traversa in avvio slalomeggia nel terzo atesino e poi impegna il gambale di Baur, poco dopo è Sekula dalla blu, Baur di scudo, ma sul rebound Silva è in ritardo di frazioni di secondo.
Al 26’ Meneghetti prova dalla blu in powerplay, ancora scudo e sul rebound Stricker coglie la gabbia esterna.
29’: Il Merano allunga. E’ infatti Hilden a sfruttare il powerplay e, ricevuto slap dalla blu, in decking alza sotto la traversa ingannando Martino: 3-1.
Il Real non ci sta è al 31’ sfrutta bene il powerplay: Fornaciari (sapientemente spostato in prima linea da coach Zurek, fatto che cambierà le sorti dell’incontro n.d.r.) da dietro porta mette davanti all’accorrente Peruzzo che trafigge Baur: 3-2.
Ma la realtà è dura, e al 33’ ancora l’italo Romano porta avanti le aquile sfruttando un bell’assist di Lyness dalla destra e, lasciato colpevolmente solo, trafigge Valle Da Rin: 4-2 e tutti a bere il the.
L’ultima frazione è intensa, possente e molto bella: il Real scende sul ghiaccio convinto di potercela fare, il Merano forse pecca di presunzione e non spinge come nei primi minuti e i risultati sono evidenti: al 45’ passano i torinesi che con Fornaciari sulla blu in powerplay aprono a destra per Sekula che slappa in one-time all’incorocio: 4-3.
Il Merano fa qualche bella sortita in avanti e all’8’ è Tribus a impegnare Valle Da Rin dalla sinistra, ma se Lyness impegna in slap al 51’ Da Rin dalla blu, pochi secondi dopo il Merano pensa di aver chiuso i conti: Mitterer in mischia trova la stoccata vincente e sigla il 5-3.
Finita? Niente affatto. Il Real si riversa in avanti, spinge, ci crede e con cuore e testa da avvisaglie ai meranesi: al 53’ Fornaciari dalla sinistra coglie un palo pieno su tiro ravvicinato, e poco dopo Lo Presti – Traversa tirano in combinazione dalla destra con Baur battuto e disco che ballonzola nello slot senza entrare.
Al 57’ però, Silva in percussione sulla sinistra genera una mischia davanti allo slot su cui proprio Alex mette la zampata vincente: 5-4. Non passa che un minuto e, giocata la carta dell’extra-attacker dai torinesi, è Fornaciari a siglare il pareggio del 5-5 a 13” dalla sirena!
L’overtime vede un Merano poter sfruttare il powerplay, ma Martino è eccellente nel neutralizzare tutti i tentativi meranesi, al 3’ Silva prova con un giro dietro porta, ma Baur congela e si va tutti agli shootout.
La sequenza, sempre da cardiopalma, vede in casacca Real andare a segno Fornaciari con un bel goal di rovescio stecca (per l’italo-finnico sono 2 goal e 3 assist stasera!) e Peruzzo con un bel diagonale, mentre nel Merano solo Romano riesce a superare Valle Da Rin che, in 4 tiri, completa la vittoria in rimonta del Real in riva al Passirio.
Vittoria meritata per intensità e volontà questa, per i ragazzi sabaudi si tratta della prima vittoria in Alto Adige nella storia senior del Real Torino, una partita emozionante e che, speriamo, aprirà una serie di risultati positivi.

Hc Merano Junior – Hc Real Torino 5-6 d.t.r (2-1, 2-1, 1-3, 0-0, 0-1)