Il Fassa vince anche a Torre Pellice ed è primo

VALPELLICE  – FASSA 1-2 (1:1)(0:1)(0:0)

Brutta prestazione della Valpe ieri sera davanti ai 1800 spettatori del Cotta Morandini che di certo non si aspettavano una squadra così in difficoltà di fronte a un avversario agguerrito e ben organizzato, ma di modesta qualità tecnica e di organizzazione della manovra. Al Fassa è bastato farsi avanti un paio di volte e poi raccogliersi di fronte a Dennis per raccogliere il massimo bottino da una partita che ha avuto pochi spunti per la cronaca.

Il primo tempo è stato gradevole, con la Valpe subito in avanti a cercare la prima vittoria casalinga. È specialmente il nuovo arrivato Anthony Aquino a iniziare bene, rendendosi pericoloso due volte, prima sfruttando un bell’invito di Beauregard, poi con un’azione personale. In entrambi i casi Dennis blocca. L’inizio è di stampo bianco-rosso. Al quarto ci prova Luciano Aquino dopo uno spettacolare giro su se stesso, ma il tentativo è fuori misura, non di molto. Bisogna aspettare il sesto minuto per vedere la prima occasione per gli ospiti: in una mischia sottoporta spunta la stecca di Edwardson, Kowalski fa buona guardia. La pressione valligiana viene finalizzata all’ottavo dalla terza linea. Petrov dietro porta finta un passaggio in balaustra, poi in backhand serve Pozzi davanti alla porta, libero di infilare Dennis in ritardo nella parata in slide. Un minuto più tardi la Valpe va vicina al raddoppio. In inferiorità numerica (fuori Trudel), L. Aquino scappa sulla sinistra e mette al centro per l’accorrente Sisca che, da posizione favorevolissima, devia il puck oltre la traversa. Al dodicesimo minuto il pubblico si scatena dopo un plateale sgambetto di Manfroi su Petrov, ma viene ammutolito quando pochi istanti più tardi Edwardson scappa allo stesso giocatore estone sulla destra, recapitando a Crampton un disco che deve essere solo spinto in rete. La reazione Valpe non tarda. Capitan Grossi con un buon passaggio pesca Ruggeri sulla blu, ma la botta al volo dalla distanza è pinzata in bello stile da Dennis. È questo l’ultimo sussulto di un primo periodo che ha visto la partita spegnersi dopo il pareggio degli ospiti.

Nel secondo periodo il Fassa trova il vantaggio dopo trenta secondi, grazie a una mischia furibonda davanti alla porta di Kowalski decisa da un tocco ravvicinato di Margoni e qui la partita a poco a poco rallenta e perde di interesse. La Valpe è in palese difficoltà nel gestire il gioco, mentre gli ospiti sono completamente a proprio agio una partita molto difensiva, che lascia poco spazio ai bianco-rossi. “Per la prima volta abbiamo dovuto fare la partita, ma l’avevo previsto. Loro avevano sempre quattro o cinque giocatori nel proprio terzo e noi non siamo riusciti a concretizzare. E nel finale la frustrazione ha avuto il suo ruolo” – così Vogin nel dopo partita. Intorno a metà del periodo centrale la Valpe ha qualche accenno di ripresa, ma sono le parate di Kowalski a tenere a galla i bianco-rossi. Al diciassettesimo la squadra di casa ha due occasioni, con Ruggeri prima e con Iannone poi, ma il Fassa è schierato sul ghiaccio alla perfezione e non lascia nemmeno uno spiraglio per gli avversari, a parte una grossa occasione non sfruttata da Grossi nel finale. “Abbiamo giocato molto bene dietro” – ha dichiarato coach Stirling dopo il match – “ma all’inizio siamo stati fortunati a non essere sotto di due gol dopo i primi dieci minuti. Una volta che siamo entrati in partita però siamo stati molto bravi, in particolare il nostro penalty killing è stato eccezionale”.

Nel terzo periodo la musica non cambia, alla Valpe è mancato un direttore d’orchestra in grado di coordinare i solisti. Coach Vogin mischia le carte in tavola provando a schierare insieme i fratelli Aquino, ma la difesa del Fassa rimane impenetrabile. Nella seconda metà del periodo si scaldano gli animi dopo un intervento su Runer a disco lontano, ma la rissa è sedata in fretta. Ci prova la Valpe negli ultimi minuti, togliendo Kowalski e inserendo addirittura cinque attaccanti più Trudel, ma Dennis fa buona guardia e permette ai fassani di portare a casa tre preziosissimi punti. In virtù del successo esterno il Fassa è ora primo in classifica.

Prossimo appuntamento per la Valpe giovedì ad Alleghe, mentre il Fassa se la vedrà in casa contro i campioni in carica del Bolzano. Sabato 10 invece a Torre Pellice sarà di scena il Val Pusteria.

Sono on line le foto: https://www.hockeytime.net/foto/serie-a1/?album=27&gallery=244