NHL 2009/2010: Preview Northeast Division

Nuova puntata sulle preview della nuova stagione NHL: la Northeast division.

bruins-logo

I Bruins hanno attuato una campagna acquisti abbastanza accorta ponendo l’accento sulla distribuzione del Salary Cap sui propri free agent al fine di evitare sorprese; e infatti Tim Thomas e David Krejci sono rimasti nel Massachusetts. Purtroppo per i tifosi dei Bruins però, una partenza eccellente c’è stata: è stato Phil Kessel a fare le valigie direzione Toronto; in cambio dell’ ala di Madison è arrivato a Boston Tomas Kaberle che assieme al goalie Sabourin, e a Derek Morris arrivati rispettivamente da Pittsburgh e da New York sponda Rangers, e alla conferma del veterano Mark Recchi, rappresentano le voci in entrata di questa estate; se il gigante Chara continuerà a dare il proprio contributo dalla blu line e Marco Sturm ed Andrew Ference riusciranno a non far rimpiangere la partenza di Kessel i Bruins potranno la ottima Regular Season dello scorso anno.

sabres-logo

I Sabres perdono Afinogenov che passa ad Atlanta mentre riportano in NHL Di Penta con un contratto di 1 anno (salvo poi assegnarlo a Portland in AHL); altri movimenti di mercato significativi per la franchigia di Buffalo sono quelli che hanno portato al ritorno di Mike Griere dopo i tre anni a S. Josè e la messa sotto contratto, nella free agency, di Steve Montador; da segnalare anche l’arrivo di Cody McCormick da Colorado. Stanti le poche partenze dell’ estate e gli arrivi di buona qualità per i Sabres dovrebbe essere abbastanza agevole il raggiungimento della post season.

habs-logo

Montreal, che durante l’estate ha visto il passaggio di mano nella proprietà per il ritorno della famiglia Molson, ha messo a segno diversi buoni colpi di mercato; primo tra tutti l’ essersi assicurata i servigi di Scott Gomez dai Rangers (mossa che, come anticipato nella preview relativa alle blueshirts è convenuta sia agli Habs che ai Ranger). Per precisa politica non è stato trattenuto nessuno degli Unrestricted free agent della franchigia canadese (erano ben 11) e in particolare ha lasciato il Belle Centre il capitano Saku Koivu che si è accasato ad Anaheim. In entrata, oltre a Gomez sono da segnalare l’arrivo di una serie interessante sia in attacco, con le firme di Cammaleri, Gionta e Moen, sia in difesa, con gli arrivi di Spacek, Hal Gill e Paul Mara, sia in porta con la messa sotto contratto di Curtis Sanford. Dopo non aver brillato eccessivamente lo scorso anno, in cui hanno conquistato il diritto alla post season in extremis, gli Habs sono chiamati alla riscossa.

senators-logo

I Senators sono stati tra i protagonisti, loro malgrado, del mecato estivo, a causa di Dany Heatley che alla fine è stato ceduto a S. Josè; la risoluzione della diatriba con Heatley, che con i suoi mugugni e le sue richieste di essere ceduto aveva reso pesante l’atmosfera del training camp, ha ridato serenità all’ambiente; in entrata poi, il GM Murray ha messo sotto contratto Alex Kovalev oltre a trattenere Chris Neill e Brian Elliott.
Vista la nomina di “mangia-portieri” di Ottawa, sarà interessante vedere se Pascal Leclaire, preso alla Trade Deadline lo scorso anno saprà mantener fede alle aspettative riposte in lui.

leafs-logo

Se c’era una squadra da rifondare, dopo la sciagurata gestione degli ultimi anni targati Ferguson, erano i Leafs e il nuovo GM Burke, arrivato a campionato in corso nella passata stagione, non si sta facendo pregare; l’ ex GM di Anaheim ha lavorato durante l’estate per ringiovanire e dare maggior peso ad una squadra cui gli avversari spesso e volentieri in passato riuscivano ad imporsi anche fisicamente stante la mancanza di centimetri e chili. Dando un’occhiata ai nomi portati in “With and Blue” salta all’occhio quello di Phil Kessel, l’ex attaccante di Boston che Burke è riuscito a portare sulle rive dell’ Ontario in cambio di un Tomas Kaberle mai convincente fino in fondo; inoltre, proprio in relazione ai centrimetri in difetto, sono arrivati a Toronto 2 giganti quali Komisarek e Bouchemin che aggiungeranno centimetri e peso alla franchigia della foglia d’acero. da segnalare poi che anche con Burke prosegue per i Leafs l’abitudine della pista svedese: infatti sono arrivati Canada il goalie Gustavsson e il centro Rickard Wallin: per quest’ultimo si tratta di un ritorno in NHL (ha militato per 2 annate con Wild). Per i Leafs l’obiettivo primario sarà l’accesso alla Postseason che manca all’ ACC da ormai 5 anni (compreso il lockout del 2004-2005), poi chissà: ai Play Off tutto è possibile.

Tags: