Battere il Canada allora è possibile…

Questa fase intermedia dei Mondiali di Sledge Hockey sta riservando continue sorprese. Ieri si sono avverati i sogni di qualificazioni alle prossime Paralimpiadi per Italia e Repubblica Ceca, nel primo match di oggi un altro risultato inaspettato: gli Stati Uniti battono la corazzata canadese 2-1 ai rigori. Dopo aver dominato il girone A i campioni in carica canadesi perdono la possibilità di lottare per la riconferma al titolo.

Nonostante l’inizio immediato ad elevato ritmo il risultato non si sblocca nel primo periodo, al 17′ il più giovane giocatore del torneo, Adam Page (classe ’92) segna assistito da Chris Manns per il vantaggio americano. Il Canada cerca in tutti i modi di pareggiare, con Cook, Dixon e poi il veterano St. Germaine ma, tanta tenacia viene premiata solo a 2′ dal termine dell’incontro, da un ingaggio vinto Raymond Grassi tira e Marc Dorion segna.

Ultimo assedio canadese ma il ventenne portiere americano Steve Cash (eletto poi miglior giocatore USA) fa un’ottima guardia. I dieci minuti di overtime passano tra continui capovolgimenti di fronte e così, come è successo per Italia-Germania, la partita si deciderà ai rigori nei quali è ancora il giovanissimo Adam Page a segnare il gol decisivo che porta gli Americani dritti alla finale per il titolo.
Grazie a questa vittoria gli Americani si prendono anche una bella rivincita dopo che l’anno scorso durante i Mondiali di Marlborough avevano perso 3-0 in casa contro i vicini canadesi.

Canada: Rosen – Dixon, Labonte (C), Noot, Grassi – Westlake, Bridges (A), Bowden (A) – Nicholson, Murray, Dorion – Cook, Lord, Matheson.

USA: Cash – St. Germanie, Connelly, Manns, Hallman, Hannah – Shaw, Chace, Yohe (C) – Page, Emmerson, Jones – Lipsett, Pauls.