Letang all’OT ridà il sorriso ai Penguins

Washington Capitals-Pittsburgh Penguins 2-3 1stOT (1-0;0-1;1-1;0-1)

Capitals in vantaggio 2-1 nella Serie

gol-vittoria-letang
Letang festeggiato dopo il gol vittoria

La tensione è alle stelle, siamo nel primo supplementare con i padroni di casa che attaccano senza sosta dall’inizio del tempo senza però trovare impreparato Varlamov; al”11:23 però dopo l’ennesima mischia furibonda nello slot dei Capitals c’è un ingaggio in zona d’attacco vinto dai Penguins con il puck che arriva a Letang (Eaton-Crosby) appostato nei pressi della blu, conclusione immediata del difensore, e disco che dopo aver colpito un palo termina in gol con la Mellon Arena che esplode di gioia.

Questa la conclusione di gara 3, ma all’inizio le cose per i Penguins non si erano messe affatto bene: uno svarione difensivo (incomprensione tra Fleury e i compagni di reparto) porta Ovechkin (Green) a concludere a rete trovando la porta sguarnita, il gol gela il pubblico presente, è l’ottavo centro in post season del russo.
Sotto di un gol nei primi minuti i padroni di casa rischiano ancora in difesa, ma con il passare dei minuti avanzano il raggio d’azione andando ad impegnare Varlamov senza però riuscire a superarlo, vani sono i tentativi di Guerin e Malkin.
I Penguins pressano con insistenza, ed i Capitals sono costretti ad adoperare le maniere cattive per fermarli, ma le numerose occasioni in PP non vengono però sfruttate.

Nel secondo periodo Washington cerca il secondo gol concedendo inevitabilmente qualche contropiede, uno di questi (2vs1) è condotto in maniera splendida da Fedotenko (Talbot-Letang) che riporta la sua squadra in parità.
I Capitals spariscono dal gioco non riuscendo più ad essere pericolosi Crosby e compagni invece pur avendo il pieno controllo del gioco non riescono ad aver ragione di Varlamov che è il giocatore rivelazione di questi playoff, arma in più per i Capitals che proprio in gabbia avevano problemi.

Nel terzo periodo che segue lo stesso live motiv pardini di casa all’attacco ed ospiti che si difendono, al 15:01 l’ennesima superiorità concessa dai Capitals viene finalmente sfruttata  con Malkin (Crosby-Gonchar) che porta la sua squadra a condurre per 2-1.
Con soli 5 minuti da giocare il gol di Malkin potrebbe essere decisivo, ma ai Capitals viene concessa un opportunità in PP e Backstrom (Ovechkin-Semin) la finalizza riportando in parità l’incontro.
L’Ot poi premia la squadra di Pittsburgh, che così può guardare con più ottimismo a gara 4.

Un Varlamov (39-42)
ancora una volta super, non è sufficiente in questo caso e i Penguins possono esultare, ma il power play dei pinguini è da rivedere, un solo gol è stato realizzato con 7 opportunità a disposizione, i Capitals invece su 2 occasioni hanno segnato un gol; tra i padroni di casa buona prova di Crosby (2 assist) e ovviamente di il match winner Letang.