La Repubblica Ceca liquida la Bielorussia

di Simone Quargnal 

Repubblica Ceca – Bielorussia 3-0 (0-0; 2-0; 1-0) 

Va in scena stasera la sfida tra Bielorussia e Repubblica Ceca. Entrambe le squadre sono già matematicamente sicure di approdare ai quarti; servono però punti, perché chi perderà sarà costretto ad affrontare la corrazzata russa. 

La Bielorussia, vera sorpresa del girone F, riesce a limitare il gioco dei più blasonati avversari per una buona metà dei sessanta minuti. Gli uomini di Hanlon infatti si concentrano fra le due linee blu, obbligando i Cechi a buttare il disco in avanti, senza la possibilità di creare azioni lunghe e peicolose. Da segnalare solo un paio di occasioni, una per parte: prima una grande azione di Grabovski e poi un goal divorato al Ales Hemsky. 
Nel secondo drittel la Bielorussia, oltre a limitare il gioco avversario, inizia anche ad attaccare. Stepanek però si oppone sempre, e lo stesso fa il suo collega Koval su una perla di Mikalek al 12′. L’opening goal arriva al 10’02”, ed è la Repubblica Ceca a segnarlo, in inferiorità numerica: Grabovski perde il disco a centro ghiaccio e Cajanek ne approfitta. Il goal stende i Bielorussi, capaci d’ora in poi di impensierire Stepanek solo in situazioni di powerplay. A fine periodo, stavolta con l’uomo in più, arriva il raddoppio, firmato da Patrick Elias, assistito da Hemsky e Jagr. 

Nel terzo periodo la Bielorussia non organizza le contromosse, andando a prendersi delle penalità frutto della stanchezza, e così Jagr e soci si ritrovano a giocare per quasi dieci minuti in costante superiorità numerica. Il goal che fissa il risultato arriva al 15’52”: ancora Cajanek, ancora in powerplay. 
Premiati come migliori giocatori della serata, il goalie Bielorusso Vitali Koval, autore di molti interventi decisivi e Petr Cajanek, che con la doppietta di oggi diventa il capocannoniere del suo team. 

La porta della Repubblica Ceca è ora inviolata da più di 120 minuti; Stepanek oggi ha dovuto affrontare solo 18 conclusioni. La Bielorussia dovrà affrontare la corrazzata russa ai quarti, mentre la Repubblica Ceca deve attendere l’esito della supersfida Canada-Finlandia per conoscere il suo piazzamento e quindi il suo avversario.