L’eterno Jagr trascina i suoi: cinquina ceca alla Danimarca

di Simone Quargnal

Rep. Ceca – Danimarca 5-0 (1-0; 3-0; 1-0)

La Repubblica Ceca ha esordito battendo la nazionale danese per 5-0, giocando un ottimo hockey. Una medaglia – obiettivo dichiarato per questo torneo – non sembra poi così lontana.

Nel primo periodo si capisce subito che i cechi hanno la partita in pugno: pur giocando – volendo essere generosi – al 70% delle loro capacità, riescono a portarsi in vantaggio al 7′, con un fortunoso gol del numero 17 Hlinka. Egli, tentando una finta, perde il controllo del disco che va comunque ad infilarsi tra i gambali del portiere danese Galbraith.
La Danimarca propone un gioco sterile (appena 3 tiri nell’intero primo periodo) ma fisico e nel secondo drittel Jagr e soci sono costretti ad alzare il ritmo del match. I Danesi, sotto pressione, non riescono a tener testa agli avversari, rimediando tre penalità, che vengono sfruttate tutte: da Jan Marek, da Petr Cajanek e da Ales Hemsky: 4-0.

La partita è ormai decisa e nel terzo drittel entrambi i team calano d’intensità, risparmiando le energie per i prossimi incontri. C’è tuttavia ancora tempo per la rete del definitivo 5-0, messa a segno dal solito Jaromir Jagr, tanto per cambiare in powerplay, già presente sul tabellino dei marcatori con due assists.

Convincente quindi la prestazione della nazionale ceca, apparsa solida in difesa, ben organizzata in attacco ed estremamente cinica ed efficace in powerplay. La Danimarca ha fatto quanto ha potuto, forse i primi a non credere fino in fondo nell’impresa erano proprio loro: se sono rimasti in partita per la prima mezz’ora, lo devono esclusivamente ai grandi interventi del loro goalie Galbraith, che ha evitato che la sconfitta assumesse dimensioni imbarazzanti.
I prossimi impegni, lunedì: Repubblica Ceca – Norvegia e Danimarca – Finlandia.

no images were found