Guida ai Play-off (Eastern conference)

Di Filippo A.

BOSTON BRUINS-MONTREAL CANADIENS
Sfida ormai classica ad Est per la lotta alla Stanley, ma rispetto alla passata stagione, si Invertono le posizioni con i Bruins che sono i primi ad Est mentre i Canadiens si trovano relegati all’ottava piazza, l’ultima disponibile dopo aver rischiato una clamorosa esclusione per mano di Florida proprio nell’anno del centenario.
Dal punto di vista prettamente numerico, la serie sembra chiusa giù in partenza, con Boston troppo forte almeno sulla carta, ma in passato questa serie ha regalato non poche emozioni, senza andare troppo indietro nel tempo basta ripensare allo scorso anno con i Canadiens che prevalgono a gara 7 dopo una serie combattutissima. Altro fattore da non sottovalutare che potrebbe dare quella spinta in più ai Canadiens, questo è l’anno del loro centenario.
A Boston la Stanley Cup manca dal 1972 e l’ultima appariizone in finale è datata 1990 mentre Montreal ha vinto l’ultima coppa nel 1993.

Dal punto di vista numerico Boston (116 punti) chiude questa stagione ragolare con 53 vittorie 19 sconfitte e 10 sconfitte all’OT/SO, 274 gol fatti e 196 subiti.

Per Montreal (93 punti) 41 vittorie 30 sconfitte e 11 sconfitte all’OT/SO i gol fatti sono 249 ma i subiti sono 247.

Le Chiavi statistiche della Serie:

Per quanto riguarda il PP il migliore tra le due formazioni è quello dei Bruins 23.6% (primo della lega) mentre per i Montreal un 19.2% (13 posto ).

Anche per il penalty killing i Bruins si collocano al dodicesimo posto 82.4%, mentre i Canadiens si piazzano all’ undicesimo con la medesima percantuale 82.4%.

i giocatori con piu cariche per Boston sono Zdeno Chara (169) e Aaron Ward (151) per Montreal invece sono Mike Komisarek (191), Tom Kostopoulos (167) e Guillaume Latendresse (140).

Negli ingaggi Patrice Bergeron is (Boston è il migliore dei suoi 54.5%, dall’altra parte troviamo Saku Koivu (Montreal) a guidare 54.1%.

Un giocatore che potrebbe fare la differenza nella serie è Marc Savard che è risultato sesto nella lega per numero di assist serviti (63) e nono per numero di punti ( 88 ).

La sfida dal punto di vista dei portieri la sfida apparentemente sembra vinta da Tim Thomas che è primo nella percentuale si savlataggio .933% e nel GAA 2.10, mentre i due goalie di Montreal non hanno disputato una grande stagione.


WASHINGTON CAPITALS-NY RANGERS
La seconda contro la settima, ma se guardiamo le partite della stagione regolare, nonostante le 4 vittorie dei Capitals contro l’unica dei Ranges la differenza tra queste due formazioni non è così marcata, infatti nei quattro incontri disputati il divario nel punteggio è stato sempre minimo e in due occasioni sono serviti, gli OT per dare la vittoria ai Capitals e gli SO per il successo dei Rangers.
Le differenze tra le due ci sono però, una sicuramente è la costruzione della squadra, se Washington è stata studiata attorno alla stella Ovechkin, la franchigia di NY invece è costruita attorno al goalie Henrik Lundqvist.
Se la stella di Ovechkin assistito dai compagni brillerà come ha saputo mostrare durante la stagione per i Rangers non ci sarà scampo, anche perché il fattore casa è per i Capitals che hanno mostrato quanto sia difficile espugnare il Verizon Center.
Storicamente parlando per i Capitals è la seconda apparizione consecutiva alla lotta per la Stanley Cup e l’ultima volta che hanno raggiunto la finale è stato nel 1998.
i Rangers invece l’ultima apparizione in finale è stato nel 1994 anno nel quale hanno poi vinto la coppa.
I Capitals chiudono la stagione regolare in seconda posizione ad est (108) punti 50 vittorie 24 sconfitte e 8 sconfitte all’OT/SO
I Rangers invece concludono in settima posizione (95 punti) con 43 vittorie 30 sconfitte e 9 sconfitte all’OT/SO

Chiavi statistiche della Serie

Per quanto riguarda gli Special team il PP dei Capitals è risultato il secondo della lega 25.2% mentre per i Rangers con un 13.9% siamo al 29 posto.
Nel penalty killing s’invertono le posizioni con Washington in 17° posizione 80,6% e la franchigia di NY al primo posto con 87,8%.

I giocatori con più cariche in balaustra sono, per i Capitals Alexander Ovechkin (243), Milan Jurcina (157) e John Erskine (128), mentre tra i Rangers Ryan Callahan (265), Brandon Dubinsky (251) e Daniel Girardi (206).

I due giocatori che conquistano più dischi all’ingaggio sono David Steckel per i Capitals 57.9% mentre Brandon Dubinsky per i Rangers 53.6%.

Primo in tutta la lega con 56 gol è Alexander Ovechkin mentre terzo per assist serviti è il suo compagno di squadra Nicklas Backstrom (66), lo stesso Ovechkin per quanto riguarda gli asisst si piazza in 10° posizione (54).
Per quanto riguarda i punti è secondo nella lega (110) mentre Nicklas Backstrom chiude al nono posto ( 88 ).
Sempre Alexander Ovechkin è secondo nella lega con 19 PP G mentre Mike Green è quarto con 18 PPG.

Il numero 8 di Washington ha poi guidato la lega come per quanto riguarda i punti in power play (46) e ha il maggior numero di punti per partita (1.39).


NEW YERSEY DEVILS-CAROLINA HURRICANES
L’ultima occasione che ha visto di fronte Devils ed Hurricanes era proprio in un primo turno nel 2006 e in quell’occasione Carolina con un 4-1 nella serie aveva liquidato la pratica, vincendo poi la Stanley Cup.
Dopo tre anni le due formazioni si ritrovano faccia a faccia, per gli Hurricanes è un ritorno alla post season dopo due anni di purgatorio, mentre i Devils non sono andati oltre le semifinali.
In questa stagione su quattro incontri ci sono state 3 vittorie degli Hurricanes contro l’unica dei Devils.
Le due formazioni hanno due grandi goalie su Brodeur, non credo ci sia nulla da dire, mentre per Cam Ward si tratta di un ritorno dopo la vittoria della coppa nel 2006, con il goalie che era stato nominato miglior giocatore del torneo.
I Devils nelle passate stagioni avevano puntato tutto sul portiere sommato ad una grande difesa, mentre quest’anno si ritrovano ad avere una delle linee più prolifiche della lega (Zach Parise-Travis Zajac-Jamie Langerbrunner).
Sommando tutto le due squadre si equivalgono e potrà nascere una grande serie, influenzata dalle prestazioni dei portieri, ricordiamo che normalmente Brodeur arrivava ai playoff dopo aver giocato molte partite delle stagione regolare mentre avendo subito l’infortunio è restato fuori per molte partite. Allo stesso tempo Ward se continua ad avere lo stesso rendimento di questa ultima parte di stagione, potrà essere una brutta gatta da pelare per l’attacco di Carolina.

Per la squadra di New Jersey (106 punti) in questa stagione le vittorie sono state 51 24 le sconfitte e 4 le sconfitte in OT/SO.
Gli Hurricanes (97 punti) invece hanno vinto 40 incontri, ne hanno persi 30 con 7 sconfitte all’OT/SO.
Chiavi statistiche della serie
Il power play delle due formazioni è simile con i Devils che si sono piazzati 15° con 18,9% mentre Carolina 18° con 18,7%.
Per il penalty killing ancora equilibrio tra le due squadre con i Devils 20° 79.9% e gli Hurricanes 19° 80.4%.
I giocatori con più cariche in balaustra per le due franchigie sono Michael Rupp (136), Bobby Holik (135)e David Clarkson (134) per New Jesey mentre Tuomu Ruutu (228), Erik Cole (180) e Tim Gleason (171) sono i migliori per quanto riguarda i Carolina.

Negli ingaggi i giocatori leader delle due squadre sono, per i Devils Bobby Holik 59.3% mentre Carolina ha in Rod Brind’Amour il migliore 61.0%.

Per New Jersey il bomber è Zach Parise con 45 gol (terzo nella lega) mentre tra gli Hurricanes è Eric Staal con 40 gol (quinto della lega) il più pericoloso.
Nel plus minus buone le posizioni finali di Travis Zajac (+33 quarto ) e Zach Parise (+30 ottavo).
Sia Zach Parise che Eric Staal sono all’ottavo posto per quanto riguarda i power play gol (149), Staal poi è settimo nella lega per gol vittoria ( 8 ).


PHILADELPHIA FLYERS-PITTSBURGH PENGUINS
Quarta ed ultima sfida ad est, ed è quella che sulla carta è la più incerta, la voglia di rivincita dei Flyers eliminati dai Penguins l’anno scorso in finale di Conference sarà tanta, anche se il fattore ghiaccio è dalla parte dei Penguins.
La squadra di Philadelphia è stata abbastanza costante come rendimento durante tutta la stagione, mentre Pittsburgh ha passato un periodo nel quale si trovava addirittura in decima posizione.
Per quanto riguarda i giocatori le stelle di Crosby e Malkin sappiamo cosa possono fare se in forma, ma non bisogna sottovalutare i giocatori dei Flyers e soprattutto Briere che dopo una sfortunata regular season avra voglia di rifarsi; un ruolo importante sarà anche quello dei due portieri l’anno scorso in gran forma durante la post season.
In questa stagione nei 6 incontri disputati il bilancio vede avanti i Penguins per 4-2.

I Penguins hanno concluso la loro corsa in quarta posizione (99punti) con 45 vittorie, 28 sconfitte, con 9 partite perse all’OT/SO.
Per i Flyers invece quinta posizione (99 punti) 44 vittorie 27 sconfitte e 11 sconfitte all’OT/SO
Per i Penguins l’ultima coppa vinta risale al 1992 e invece l’ultima apparizione in finale è dell’anno scorso, per i Flyers invece l’ultima coppa è datata 1975, mentre l’ultima apparizione in finale è del 1997.

Chiavi statistiche della Serie

Nel power play i Penguins sono in 20 posizione con 17.2%, mentre i Flyers sono 6 con 22.5%; per quanto riguarda invece il penalty killing sono ottavi i Penguins 82.7% mentre i Flyers si trovano in sesta posizione 83.0%.

I giocatori con più cariche in balaustra per le due squadre sono Brooks Orpik (309), Matt Cooke (262) e Chris Kunitz (207) per Pittsburgh, mentre Andrew Alberts (157), Daniel Carcillo (151) e Mike Richards (147) sono i migliori di Philadelphia.

Per i face off il leader dei Penguins è Sidney Crosby con 51.3%, per i Flyers è invece Mike Richards 49.0%

Il goleador di Phialadelphia è Jeff Carter secondo nella lega con 46 gol

Nei assistsono invece superiori i giocatori di Pittsburgh con Evgeni Malkin e Sidney Crosby rispettivamente primo e secondo nella lega con 78 e 70 assist; per quanto concerne i punti i due sopra citati si trovano in prima e terza posizione con Evgeni Malkin (113) e Sidney Crosby (103).

Evgeni Malkin si trova in ottava posizione con 14 PPG messi a segno, mentre Mike Richards è primo con 7 SHG, e Simon Gagne-Jeff Carter chiudono in quarta posizione con 4 SHG.

Per quanto riguarda i gol vittoria Jeff Carter Philadelphia guida con 12 gol mentre Petr Sykora Pittsburgh è terzo con 10 gol.

Tags: