Le Api tornano da Ginevra con un ottimo terzo posto

I Varesini salgono sul podio perdendo solo la semifinale con l’Hc Goubing.
I Killer Bees tornano soddisfatti dal primo torneo internazionale di Ginevra. L’evento che vedeva molte squadre provenienti da Germania, Rep. Ceca, Francia, Svizzera ed Italia, si è rivelato ottimo banco di prova per il gruppo varesino.
Le Api in girone con Hc Flames Geneve, Munich Universitad e Hc Amiens raggiungono la città nella tarda serata di venerdì attendendo il primo incontro alle 8.20 nella primissima mattinata. L’avversario è l’Hc Amiens Gothiques , una delle più ostiche formazioni presenti. Il regolamento prevede due tempi da venti minuti senza interruzione del tempo. I francesi partono bene marcando da subito il vantaggio che perdura per tutto il primo periodo. Nel secondo parziale le Api prendono confidenza e sono protagonisti di un tremendo ritorno con dapprima il pareggio di Teruggia, che dà il via all’allungo prima con Derek Toletti, che torna la goal dopo due anni di stop, seguito dalla doppietta di Rizzo che fissa il risultato sul 4 a 1.Note negative sono l’assenza dal ghiaccio di Rotolo per una contrattura ai lombari e l’infortunio di Teruggia che stoicamente giocherà tutte le partite del torneo con un importante contrattura al trapezio, per la quale serviranno due settimane di cure fisioterapiche.

Galvanizzati dal grande risultato alle 11.20 l’avversario e l ‘Hc Academique Flames di Ginevra. Il ghiaccio per questo match non verrà rigenerato dalla rolba e facendo esperienza dei trascorsi innevati del campo di Faido, sono le Api a partire a razzo con Rizzo, Di Pietro e Toletti. Il secondo periodo si apre con la marcatura di Suominen che congela la partita sul 4 a 0.
Dopo la breve pausa per il pranzo , con la convinzione di poter concludere la giornata in testa alla classifica evitando lo scontro in semifinale con l’Università di Praga che domina incontrastata il girone B, si risale sul ghiaccio con Hc Munich. I tedeschi sono un ottima squadra , con un portiere in grado di fare la differenza. Le Api imprimono la loro pressione verso il terzo avversario non riuscendo però a gonfiare la rete. Così è il Munich a portarsi in vantaggio. La reazione varesina non si fa attendere,Malacarne G. e Matteo Bianchi ribaltano in pochi minuti il risultato. I tedeschi si rifanno sotto in powerplay riportandosi sul 3 a 2 quando Rizzo e Malacarne G. chiudono la partita sul 5 a 2, garantendo ai varesini la semifinale che si disputerà con l’Hc Goubing già sconfitti 6 a 1 dall’Università di Praga.
La squadra rientra in albergo in serata dopo aver ospitato il team Ceco sul proprio Bus per un tour della città.
La mattina seguente la voglia di vincere è molta, arrivare in finale darebbe l’opportunità alle Api di confrontarsi con una squadra di scuola Ceca ,con la quale mettere alla prova il livello di tutto il gruppo.
La semifinale si avvia da subito male per le Api che accusano uno sfortunato auto-goal su deviazione di Vischi da sotto porta. Dopo alcuni minuti i varesini impongono il loro ritmo ed è il portiere Guillame, che verrà decretato migliore portiere del torneo , a salvare il risultato. Finalmente alla fine del primo periodo arriva il goal di Bianchi M. che riporta la parità tra le squadre. Al rientro i varesini sono padroni del campo ,quando iniziano a fioccare le penalità. Al contrario delle molte penalità che i varesini hanno accusato durante la stagione, questa volta sono i più insospettabili a finire in panca come Bianchi M., Di Pietro, Cesarini , Suominen e Rizzo. Le Api subiscono lo svantaggio in 5 contro 3, ma poco dopo riescono a riagganciare gli svizzeri grazie ad un azione concretizzata da Malacarne G. Gli ultimi minuti sono trepidanti quando nuovamente al 18.48 i Killer Bees si ritrovano 5 -3. C’è il tempo solo per l’ultima azione poiché il cronometro non viene fermato, Malacarne E. si invola nell’angolo offensivo quando viene cinturato e spinto da tergo verso la balaustra,gli animi si scaldano soprattutto dalla panchina e da parte di Coach Cacciatore in prima persona, la difesa del Goubing recupera il disco attaccando in 5 contro due ,con Malacarne rimasto infortunato sul ghiaccio, segnando il 3 a 2 che esclude le Api dalla finale. Tanto è il rammarico e a nulla valgono le scuse del responsabile tecnico del Torneo che ha assistito all’accaduto, dove la terna arbitrale ha nettamente favorito gli svizzeri, a causa delle errate decisioni prese a favore di una sola squadra.
Cacciato il rammarico per la finale sfumata c’è un terzo posto da conquistare sfidando il Munich. La partita parte a senso unico prima Malacarne E. con tre goal seguito dal fratello Giuseppe con altre due reti fissano il primo tempo sul 5 a 0 che chiude la partita. Nel secondo parziale viene schierato il backup Brugnoni e le Api allungano ancora con Cesarini e Toletti.C’è ancora il tempo per i goal della bandiera dei tedeschi che chiude il match sul 7 a 1.
La finale che vede in campo gli svizzeri del Goubing e l’Università di Praga è anch’essa a senso unico con i Cechi che dominano in lungo e in largo portandosi sul
7 a 0 fino a pochi secondi dal termine ,quando arriva il goal simbolico dei rosso-crociati.
Da segnalare la premiazione di Ilka Suominen come migliore “centro” del torneo,grazie alle sue numerose coperture difensive con un gran lavoro in aiuto del reparto arretrato ed in impostazione del power-play.
Un Torneo interessante dal quale si raccolgono ottime impressioni per il gioco espresso e per la condizione fisica di tutto il gruppo. Concluso ufficialmente il calendario degli impegni ora la squadra non interromperà del tutto i lavori ma proseguirà gli allenamenti off-ice nella palestra WE-FIT del CENTRO COMMERCIALE di GAVIRATE sponsor fin dalla prima stagione della società varesina. John Cacciatore dopo aver impostato il lavoro di Work-Out rientrerà il 28 Aprile a Los Angeles per ripresentarsi a Varese alla metà di Agosto. Leader e responsabile del lavoro “estivo” sarà Derek Toletti che ,grazie alla sua formazione professionale maturata negli anni di lavoro e studio nel campo del Fitness e della preparazione dedicata all’hockey su ghiaccio prenderà il comando come preparatore atletico.
Dal punto di vista societario i lavori non si fermano, già martedì 7 al palaghiaccio di Bellinzona è prevista la riunione della Federazione Ticinese in vista della stagione 2009/10 mentre sono attivi i contatti con nuovi e vecchi sponsor pronti a sostenere il progetto per il prossimo anno.

Da segnalare inoltre il raggiungimento di quota 200 fans nella pagina ufficiale di Face Book dedicata ai Killer Bees dove tutti i tifosi ricevono settimanalmente gli aggiornamenti riguardanti la squadra:

http://www.facebook.com/posted.php?id=1306884044&share_id=77198148676#/pages/Varese-Italy/Varese-Killer-Bees-Hockey/46237166664?ref=ts