Il Bolzano vince anche a Cortina

di Alberto Manaigo

Cortina – Bolzano 2-5 (1-2/0-1/1-2)

Gara 2 di semifinale all’Olimpico di Cortina: ad affrontarsi Cortina e Bolzano. Nel Bolzano assenti Durdins e Schaafsma, mentre il Cortina può mettere a referto tutti i propri effettivi. Nemmeno due giri di lancette e il Bolzano passa in vantaggio con un gol simile a quelli di Jardine in Gara 1: ancora Jardine, da dietro allo slot tenta di portarsi avanti, il disco rimane sul primo palo e Dorigatti tocca in rete. La reazione del Cortina non si fa attendere ed un’azione impostata da Adami e conclusa da Souza va vicino al gol del pareggio. Con Dorigatti in panca puniti il Cortina spinge sull’acceleratore: Souza e Cullen provano con diverse conclusioni a bucare Hakkinen che capitolerà all’8:05 proprio su una conclusione di Souza. Metelka vede un’ostruzuione di Cullen e questa volta è il Bolzano a poter giocare in superiorità numerica per due minuti: a seguito di una buona circolazione del disco nel terzo ampezzano il puck arriva sulla stecca di Clair che non ci pensa due volte e conclude a rete infilando Maund per il vantaggio bolzanino. Si andrà al riposo con questro risultato nonostante i ragazzi di Adey ci provino ripetutamente cercando di sfruttare un’altra superiorità numerica a loro favore.

Dopo 3 minuti e 49 secondi il Bolzano allunga e come in Gara 1 il terzo gol altoatesino è ad opera di Ignatjevs, questa volta con un tiro dalla blu nel traffico. Il Cortina prova a riportarsi sotto, ma Hakkinen è sempre pronto a contrastare i tentativi ampezzani. Al 12:36 bell’inserimento di Souza nel terzo biancorosso e suggerimento per Krestanovich che manca il bersaglio. Ci prova anche McLeod con alcuni inserimenti dalla destra ma le sue conclusioni terminano sempre nella pinza di Hakkinen. Al 12:58 brivido per gli scoiattoli: Lutz perde un disco in attacco e Jardine ne approfitta a lanciarsi in contropiede: l’opposizione di Mulick e Maund gli negano la gioia del gol. Ancora un’occasione ampezzana al 15:42: Watson mette in mezzo un disco che si alza dal ghiaccio ed Adami lo colpisce al volo facendo la barba al palo.
Dopo 4 minuti nel terzo drittel la prima linea ampezzana prova l’azione in velocità: McLeod chiede il triangolo con Krestanovich, ma manca la conclusione di un soffio. Il gol arriva al 10:46: dopo un’azione in velocità di Kristoffersson è Cullen a ribadire in rete il rebound lasciato da Hakkinen. I ragazzi di Adey ci credono e provano a spingere, ma al 18:11 un errore della difesa ampezzana spegne le velleità biancocelesti, lasciando campo libero a Clair che serve Zisser per il quale è impossibile sbagliare. L’ultima marcatura arriva a porta vuota con il classico empty net goal ad opera di Florian Ramoser.
Il Bolzano si porta, dunque, avanti per 2-0 nella serie infrangendo il fattore campo e passando sul ghiaccio di Cortina. Gara 3 avrà luogo al Palaonda di Bolzano nella giornata di Sabato.