41ª giornata… alla sirena

di Alessandro R.

Alla penultima giornata della stagione regolare potremmo dire che "les jeux sont faits", o quasi.
Il Renon mette al sicuro il primo posto battendo facilmente il Pontebba ultimo in classifica: per gli uomini di Ivany il primato matematico consentirà di giocare la partita di sabato come un prezioso allenamento e di tirare il fiato in vista del rush finale che sta per iniziare. L’incontro si decide nel primo tempo, con i padroni di casa già avanti di tre reti grazie alle marcature di Smith, Hafner e Ashtashenko. La rete di Ciresa nel secondo drittel riapre la partita e carica i friulani, ma un perentorio terzo periodo -scandito da altre tre reti dei Rittner Buam- chiude il testa-coda della giornata con un risultato che non lascia spazio ad alcun dubbio.
Al Palaonda un match interessante, con le due squadre animate da diversi stimoli: il Bolzano per difendere il secondo posto dagli attacchi del Cortina, l’Asiago per inseguire fino alla fine il sogno playoff. Le illusioni vicentine sembrano infrangersi alla prima sirena, quando i campioni d’Italia si trovano avanti di ben quattro reti (doppietta per Olson, Dorigatti ed ancora a segno il nuovo arrivato Clair). I leoni ritornano in partita con un sontuoso periodo centrale ed un sempre ottimo Luciano Aquino, l’uomo squadra della compagine di coach Camazzola: si va alla frazione finale sul 4-3, ma una rete per parte spegne le ultime velleità di playoff di un Asiago che esce sconfitto (ma a testa alta) al termine di una stagione finalmente all’altezza della situazione.

Tiene il ritmo anche il Cortina, che espugna lo Scola di Alba di Canazei con un positivo 5-3. Da segnalare la rete di Kristofferson, l’ultimo arrivato sotto le Tofane assieme a Lutz, e quella del giovane Giugliano; tra i pali della porta ampezzana buona presenza di Alberti, con Maund tenuto a riposo. Il Fassa è volenteroso, ma le polveri bagnate dei suoi attaccanti hanno fatto sì che gli scoiattoli portassero via bottino pieno.
Il match più interessante si gioca però al LungoRienza di Brunico, dove arriva un Alleghe incredibilmente ancora in corsa per i playoff nonostante una stagione da dimenticare. Partono forte gli ospiti, in vantaggio al primo powerplay con Fabrizio Bicio Fontanive. Groeneveld è in gran spolvero e così gli alleghesi -che non disdegnano di ripartire in contrpiede- chiudono in avanti il primo periodo. In apertura di secondo docccia fredda per gli uomini di Kelly, raggiunti grazie alla rete di Jarmuth. L’Alleghe le prova tutte perchè due punti non bastano: per continuare la stagione nei piani alti serve il bottino pieno. Obbligata pertanto la decisione di togliere Groeneveld dalla gabbia per sfruttare l’uomo di movimento in più; ma ad approfittarne sono i lupi, che trovano la rete del vantaggio grazie al neoaqcuisto Alatalo. Agordini fuori dai playoff e lupi meritatamente dentro: complimenti a coach Mair, in grado di imprimere la virata decisiva dopo un inizio incerto e deludente (il Renon è avvisato!); per l’Alleghe la stagione finisce all’insegna della delusione nonostante il tanto impegno profuso questa sera.

Tags: