Lo Slavia da solo al comando, risorge il Ceske Budejovice

di Simone Quargnal

Con la O2 Extraliga ferma per gli impegni della Nazionale, ecco un’occasione per riordinare le idee, preparandosi per l’ultima parte della regular season.
In prima posizione troviamo, sempre più convincente, lo Slavia Praga. La squadra continua a crescere nel gioco e nella concretezza, specialmente in fase offensiva. Per dare un’idea del potenziale offensivo biancorosso, basti dire che i gol fin qui segnati sono ben 160 e che Bednar e Cervenka, oltre a guidare il team, guidano anche la classifica cannonieri, occupando i primi due posti.
Due scalini sotto, a 83 punti, troviamo i biancorossi di Pardubice. Dopo un inizio di stagione a dir poco sottotono, i cavalli sembrano aver trovato il ritmo giusto. Alle volte mancano ancora di concentrazione, ma finchè Kolar, Pivko e Koukal continueranno a giocare così, per gli avversari sarà sempre un’impresa avere la meglio su questa squadra.

In terza posizione troviamo i gialloneri di Litvinov, che dall’inizio del campionato si divertono a dondolare tra la prima e la quarta posizione della classifica. La squadra, che nelle ultime sei partite ha perso quattro volte, ha nell’eterno Robert Reichel e nel giovane goalie Jaroslav Hubl le punte di diamante. Il team è molto ben amalgamato e propone un gioco di squadra veloce ed estremamente cinico.
A 75 punti troviamo la coppia Karlovy Vary – Sparta Praga: stessi punti ma diversi umori, si potrebbe dire. Mentre la piccola cittadina termale sorride e spera di poter ripetere l’exploit dello scorso anno, nella capitale i tifosi giallorossi inziano a spazientirsi: i loro beniamini hanno perso tutte e cinque le ultime partite e tra i supporters c’è chi mal sopporta gli schemi "old school" di coach Vyborny.
Il Vitkovice è in lenta ma pericolosa caduta: dalla prima posizione di dicembre, la squadra è scivolata fino alla sesta piazza attuale, ad un solo punto dal pericolosissimo Zlin che, guidato dalla giovane stella Sedlacek, punta all’accesso diretto ai playoff.
In ottava posizione, il redivivo Liberec ritorna a fare paura, ottime le recenti prestazioni offerte dal duo Podkonicky-Kasparik. Scendiamo ancora di uno scalino per trovare i draghi biancorossi di Trinec, squadra "tutta all’attacco, sempre e comunque".
In decima posizione (l’ultima utile per i playoff), troviamo l’ex mina vagante Plzen: poco mina e tanto vagante, nell’ultimo periodo.
Una piacevole sorpresa invece è trovare il Ceske Budejovice in undicesima posizione, in serie positiva da cinque partite, che finalmente ha trovato equilibrio e continuità, dopo mesi di buio pressochè totale: ora ai playoff mancano solo 4 punti.
A pari punti (63, per la precisione) troviamo il Kladno, a dir poco deludente negli ultimi due mesi. E, se non fosse per il goalie superstar Miroslav Kopriva, secondo della Lega, la squadra sarebbe ancora più giù. Magari in compagnia dell’Orli, le cui speranza di qualificazione forse non sono nemmeno mai esistite, in questa stagione: ma non nella realtà, solo nella mente dei giocatori.
Chiude la classifica il team di Mlada Boleslav: i cambi di allenatore e di un paio di giocatori non hanno portato miglioramenti: mancano ancora spunti e fantasia in attacco, le idee sono poche, e confuse.

* CLASSIFICA dopo 47 turni *

01. Slavia Praga 85
02. Pardubice 83
03. Litvinov 79
04. Karlovy Vary 75
05. Sparta Praga 75
06. Vitkovice 72

07. Zlin 71
08. Liberec 70
09. Trinec 69
10. Plzen 67

11. Ceske Budejovice 63
12. Kladno 63
13. Orli 60
14. Mlada Boleslav 55