21a: Hannover e Krefeld perdono, Berlino fatica

di Claudio Brescia

La 21a giornata vedeva parecchie squadre di vertice impegnate contro formazioni di coda, ma gli incontri si sono rivelati facili solo sulla carta: i capolisti Scorpioni di Hannover sono stati sconfitti dal terzultimo ERC Ingolstadt, le Aquile di Mannheim hanno perso contro gli Ice Tigers di Norimberga, mentre il Berlino si impone di misura sul Duisburg, ultimissimo in classifica, ed i Metro Stras di Düsseldorf, attuali detentori del record stagionale con 8 vittorie di fila, vengono sconfitti al supplementare dal Colonia, vicecampione, quintultimo e attuale detentore del record stagionale con 7 sconfitte in serie.

Vittoria a sorpresa dell’ERC Ingolstadt che batte gli Hannover Scorpions 3-2 (1:1, 0:1, 2:0, 39-34 al tiro). Ospiti in goal al 4’ 46” del primo tempo in superiorità numerica e pareggio dei padroni di casa a 7” dalla fine del periodo, mentre nel 2° tempo gli Scorpioni allungano nuovamente le distanze al 17’ 47”, nuovamente in superiorità. Nell’ultimo drittel reti di Ingolstadt al 5’ 12” con Jakub Ficene (non assistito) ed al 13’ 58" in superiorità. Allo 0’ 19” del 3° drittel Nikolaus Mondt e Yannic Seidenberg si beccano un 2 + 10 a testa per una divergenza di punti di vista.

Vittoria per gli Ice Tigers di Norimberga che sconfiggono le Aquile di Mannheim: nonostante l’ottimo mento di forma, le Aquile subiscono la rimonta dei bavaresi che s’impongono all’overtime 3-2 (0:1, 1:1, 1:0, 1:0, 34-32 al tiro). Dopo il vantaggio degli ospiti nel 1° tempo ed il raddoppio al 2’ 08” del 2°, parte la rimonta delle Tigri in goal al 15’ 24 del 2° tempo ed al 16’ 52” (in superiorità numerica) del 3° drittel. All’1’ 19” del supplementare le Tigri si aggiudicano l’incontro.
Tornano alla vittoria i Grizzly Adams di Wolfsburg che battono i Pinguini di Krefeld 5-1 (1:1, 3:0, 1:0) con un perentorio 42-19 al tiro ma, pur essendo la formazione più prolifica del campionato (82 punti), la prima linea dei padroni di casa raccoglie punti in una sola azione, lasciando la seconda linea a fare la parte del leone. I Grizzly aprono le marcature al 15’ 34” in doppia superiorità numerica ed al 19’ 22” sono gli ospiti a realizzare in singola superiorità. Nel 2° tempo sale in cattedra la 2a linea di Wolfsburg: al 9’ 19” Andreas Morczinietz conquista il disco e fa tutto da solo, mentre al 12’ 51” lo special team sfrutta una superiorità numerica, ed al 16’ 30” piazza il colpo del 4-1 che spezza le gambe agli ospiti. Sempre la seconda linea nell’ultimo drittel segna la rete del definitivo 5-1. A mitigare la carestia di reti che affligge la prima linea dei Grizzly ha dunque contribuito tutta la squadra, che ha raccolto punti con 3 linee.
Francoforte, altra formazione delle zone alte della classifica, viene sconfitta dai penultimi Huskies di Kassel 2-1 (1:0, 0:1, 1:0) in una partita avara di reti nonostante la vivacità al tiro (31-34). Al 13’ 15” del primo drittel aprono le marcature i padroni di casa in superiorità numerica e gli ospiti pareggiano all’8’ 50” del secondo periodo, anche loro in superiorità, mentre allo 0’ 22” del 3° tempo arriva la rete che chiude l’incontro. La chiave della partita è stato il nervosismo dei Leoni di Francoforte che, raccogliendo il doppio delle penalità rispetto agli Huskies, non hanno potuto sfruttare pienamente il loro potenziale offensivo: nei 45 minuti collezionati dai Leoni in 12 penalità svetta Jeff Heerema che, con un intervento di gomito, prende 5 + 20 minuti (12 minuti su 6 interventi per Kassel).
Gli Orsi Polari di Berlino giocano la 5a partita in otto giorni e, nonostante il roster di ben 35 giocatori, i campioni in carica faticano a battere le Volpi di Duisburg (la difesa più perforata della Liga con 86 reti al passivo) per 3-2 (35-29 al tiro). Davanti a 13.800 spettatori, nel primo periodo Berlino tira nettamente di più (14-6) ed al 9’ 29” André Rankel, in superiorità numerica, fissa il parziale sull’1-0. Il secondo tempo è più equilibrato ma se lo aggiudicano gli ospiti con una rete dell’ex cannoniere dei Vipers Milano Daniel Tkaczuk che, al 18’ 27”, pareggia il conto. Nel drittel conclusivo Berlino va a segno con Nathan Robinson al 4’ 24” ed al 10’ 36” sfrutta nuovamente una superiorità numerica con Sven Felski. Al 18’ 45” è Anton Bader che, come 6° uomo di movimento, realizza su assist di Daniel Tkaczuk (1 goal + 1 assist) la rete che chiude l’incontro sul 3-2.
Vittoria all’overtime per gli Squali di Colonia che, davanti ai 12.954 spettatori di casa, battono 6-5 (39-42 al tiro) i DEG Metro Stars di Düsseldorf in una partita perfettamente equilibrata: tutti i tempi regolamentari si sono chiusi in parità (1:1, 2:2, 2:2). Nel primo drittel rete degli ospiti al 3’ 13” e pareggio dei padroni di casa dopo 1’ 14”, mentre nel secondo periodo i padroni di casa allungano le distanze al 13’ 51” ed al 15’ 29” e gli ospiti pareggiano tra il 17’ 20” ed il 18’ 56”. Il contro break dei Metro Stars prosegue nel terzo tempo con 2 reti ma gli Squali agguantano il pareggio sempre in superiorità numerica tra il 12’ 16” ed il 17’ 56”. Sul 5-5 si va al supplementare, dove il goal decisivo arriva dopo al 3’. Tra i padroni di casa serata indimenticabile per Todd Warriner, che realizza addirittura 5 assist, e Christoph Melischko (2 reti + 2 assist), buona partita di Dave McLlwain (2 + 1); per gli ospiti in evidenza Ryan Ramsay (2 reti), Patrick Reimer (2 assist), e Shane Joseph e Brandon Reid (1 + 1 a testa).
Nonostante il 34-19 al tiro ed il 4-0 finale, la vittoria degli Hamburg Freezers allenati da Maurizio Mansi sulle Pantere di Augsburg è stata meno facile di quanto dicano le statistiche: dopo lo 0-0 del primo periodo è la 3a linea ad aprire le marcature al 7’ 28” del secondo tempo ed a raddoppiare al 10’ 36” dell’ultimo drittel e, poco dopo, si vede anche la 2a linea che va in rete al 12’ 15”. Al 14’ 18” una divergenza di punti di vista costringe in panca puniti 3 giocatori per gli ospiti e 2 per i padroni di casa che 16’ 10” sfruttano il vantaggio e segnano, sempre con la 3a linea, la rete che chiude l’incontro. Per i Freezers buona gara di Richard Mueller e Travis Brigley con due reti a testa, mentre Peter Sarno e Francois Fortier servono 2 assist ciascuno.
Vittoria per le Tigri di Straubing allenate da Bob Manno che battono ai rigori gli Isrelohn Roosters 5-6 (1:2, 2:1, 2:2, 0:0, 0:1, 33-32 al tiro). Anche in questo incontro è stato determinante il nervosismo: delle 10 reti segnate nei tempi regolamentari, 3 sono state realizzate in doppia superiorità numerica e 4 in superiorità singola. Nonostante la sconfitta, serata memorabile per Tyler Beechey, che segna 3 reti e serve un assist, ed ottima gara di Robert Hock (3 assist per il top scorer della Liga) tra i padroni di casa, mentre per gli ospiti si segnalano Brian Maloney con 2 reti e Eric Chouinard con una rete e due assist.

Tags: ,