Vittoria convincente per il Milano Rossoblu

di Andrea V.

MILANO – EPPAN 5-3 (2:0)(1:2)(2:1)

Tre punti importanti per il Milano che fanno morale e che consentono alla squadra milanese di consolidare l’ottava posizione in classifica.

Avvio bruciante del Milano che al 3.07 sigla la rete del vantaggio con il giovane Delfino su bel passaggio dall’angolo di Slak. Milano controlla abbastanza agevolmente gli avversari in un primo tempo caratterizzato da molte penalità, ed il Milano che capitalizza al meglio una delle superiorità numeriche con Migliore portando cosi a due le reti di vantaggio al termine del primo tempo.
Secondo parziale con le squadre che si affrontano a viso aperto ed è ancora il Milano a sfruttare al meglio una superiorità numerica con Slak che realizza la rete del 3-0. Tutto sembra andare al meglio per il ragazzi allenati da coach Insam, ma al termine di una penalità subita da Delfino, Ebner riesce a trafiggere per la prima volta Della Bella, autore anche questa sera di una maiuscola prestazione; gli ospiti galvanizzati dalla rete spingono sull’acceleratore e prima della seconda sirena vanno ancora a segno con Twordik, sul finale della seconda frazione una entrata eccessivamente dura da parte di Massimo Ansoldi viene sanzionata con sei minuti di penalità.

Milano inzia il terzo periodo in superiorità numerica ma l’organizzazione del power play non è delle migliori e nemmeno un’altra penalità subita dagli ospiti che consente al Milano di giostrare in 5 contro 3 migliora le cose, anzi il difensore meneghino Raymo perde un disco in attacco ed è costretto al fallo per evitare guai peggiori, ma invece di subire il contraccolpo il Milano trae profitto della situazione e segna con Remar la rete del 4-2.
Il terzo periodo è assai spigoloso, il Milano è costretto a tratti a giocare in doppia inferiorità numerica ma supera indenne ogni difficoltà, quando ormai sembra tutto deciso il Milano si complica le cose permettendo ad un coriaceo Appiano di realizzare la rete del 3-4 mentre il Milano sta giostrando in situazione di superiorità numerica. A questo punto l’Appiano comincia a credere nella rimonta e mette alle strette la difesa meneghina, coach Garnier chiama un timeout al fine di togliere il proprio portiere e schierare un sesto giocatore di movimento sul ghiaccio, l’azzardo non riesce e Remar ne approfitta per realizzare la rete del definitivo 5-3 con cui Milano si aggiudica la partita.