Real Torino – HC Valpellice 2-3 (1-2;1-0;0-0;0-0;0-1)

di Alessandro Seren Rosso

Secondo derby stagionale, seconda conclusione ai rigori, che però questa volta sorridono ad una Valpe guidata da un Demetz straordinario come forse mai si era visto nelle precedenti sfide intraprovinciali degli ultimi anni. Il Real invece non ha disputato la sua miglior partita stagionale, ed anche se va riconosciuta la forza di volontà di aver riacciuffato il pareggio dopo essere stata sotto 2-0 in casa dopo quaranta secondi sicuramente sul piano del gioco è mancata molta della brillantezza di inizio stagione.

Come detto prima la Valpe si è trovata sopra di due reti dopo i primi due tiri, mai successo prima nell’era-Bobba. Dopo l’ingaggio iniziale vinto da Traversa, la difesa di casa ha un’incertezza decisiva e permette a Petrov, alla destra di Bobba, di servire l’accorrente Lefebvre. Per lui è un gioco da ragazzi insaccare in rete. Pochi istanti più tardi Meneghetti si accomoda in panchina e quindi gli ospiti possono approfittare del primo powerplay dell’incontro.

Dopo soltanto quaranta secondi di gioco la Valpe raddoppia: Surma dietro porta serve Sirén liberissimo sulla sinistra a tre metri da Bobba, il veronese non è prontissimo e si fa infilare tra braccio e gambale.
E’ davvero un brutto Real. Manca il ritmo, il mordente ed i giocatori più rappresentativi non riescono a dare la svolta alla partita. Intorno a metà primo periodo i torinesi sprecano diverse superiorità numeriche, che però costringono il Real a venire allo scoperto. I ragazzi di Zurek prendono coraggio ed al diciottesimo accorciano le distanze: Traversa scende a sinistra in assoluta libertà, serve Peruzzo al centro che a sua volta serve Lo Presti, libero di infilare Demetz tra i gambali e riaprire la partita.

Nel secondo periodo il Real cresce, galvanizzato dal gol in chiusura di prima frazione. La formazione di Zurek scende in pista con un atteggiamento completamente diverso. È però la Valpe ad avere la prima occasione con Stricker in powerplay, Bobba è attento. Ma all’ottavo minuto, dopo un’azione insistita nel terzo offensivo della Valpe, Traversa trova l’angolo giusto e dal cerchio destro infila il disco nel sette alla sinistra di Demetz, portando la gara sul 2-2.
Nel proseguimento del secondo periodo si vedono diverse penalità consecutive contro la Valpe, il Real gira molto bene il disco, ma deve fare i conti con un Demetz veramente in ottima forma, anche se in un’occasione, al trentatreesimo, è stata la scarsa mira di Bianco a graziare il portiere altoatesino, dopo uno splendido invito di Traversa dalla destra. Al trentanovesimo però il portiere ospite è stato davvero strepitoso nel ribattere un tiro a botta sicura di Peruzzo dopo un invito di Lo Presti in un rapido due contro uno.

La terza frazione inizia con un powerplay per la Valpe a causa di una penalità fischiata contro il Real per troppi uomini sul ghiaccio, ma la difesa di casa chiude tutti gli spazi. Al quarantaseiesimo Traversa lancia Peruzzo, ben stoppato da Demetz, il quale si ripete pochi istanti più tardi sullo stesso Traversa.
Dopo un’occasione per Milec a seguito di un errore della difesa torrese la partita si addormenta un po’. Le squadre sono un po’ stanche e l’incontro scende di ritmo ed intensità. È un lampo della seconda linea di casa ad illuminare nuovamente il match con una splendida combinazione che manda al tiro Fornaciari, ma tanto per cambiare Demetz è ben piazzato e blocca sicuro. Nell’ultimo minuto dei sessanta regolamentari la Valpe spinge: quando il tabellone indica quaranta secondi alla fine Lefebvre lavora un bel disco dietro porta e serve Petrov solo nello slot, Bobba però non si lascia sorprendere e salva il risultato, mandando la partita al supplementare.

Un minuto e mezzo dopo l’inizio dell’overtime viene mandato fuori Sirén ed il Real ha una ghiottissima opportunità con l’uomo in più, ma non riesce a produrre nulla a parte un paio di tiri di Moro ben controllati da Demetz. Ad un minuto dal termine è la Valpe a poter usufruire di un powerplay a causa di un fallo di Strapaty e a portarsi vicinissima al golden goal, ma la gran conclusione di Surma dalla blu si infrange sul palo alla sua sinistra.

Ai rigori super-Demetz para tutti e quattro i rigori tirati dai torinesi – splendida la pinzata sul terzo tentativo ad opera di Peruzzo, mentre Bobba riesce a stoppare soltanto Sirén e Surma, facendosi superare da De Frenza e Silva. La Valpe continua così il suo periodo di ottima forma, il Real invece dovrà interrogarsi sulle motivazioni di questa sconfitta, perché il pareggio dei tempi regolamentari è dovuto soltanto a due colpi della prima linea, non ad un gioco di squadra che stasera è davvero mancato.