Torna il sorriso in Friuli

di Fabio Bertolini

PONTEBBA – VAL PUSTERIA 7–4 (4:0)(1:2)(2:2)

Dopo quasi 20 giorni si torna a giocare sul ghiaccio di Pontebba, i padroni di casa ricevono gli altoatesini del Val Pusteria. La partita si decide soprattutto nel primo tempo, dove, con un parziale di 4 a 0, i friulani mettono una seria ipoteca sui tre punti.

La partita inizia e dopo un minuto e mezzo le Aquile si trovano già in doppia superiorità (Barber e Tallari), occasione troppo ghiotta per essere sprecata, così dopo un tentativo di Lutz il Pontebba passa in vantaggio, al 2.19 con Rigoni che è il più veloce ad approfittare dopo un tiro di Ciresa (1-0). Guenette e Sparre ci provano mentre il Brunico si fa vedere per la prima volta dalle parti di Carpano al 5’ con Iannone, poi Limnell. Si apre la panca puniti per il Pontebba al 5.49 (Faggioni) e ma le conclusioni di Pichler e Mair non cambiano il risultato così rientra il penalizzato e un minuto più tardi le Aquile raddoppiano, Guenette da sulla destra a Koivisto che fa partire un diagonale imparabile per Ploner (2-0). Un tiro di Mair è parato e non c’è due senza tre, al 13.03 Margoni gestisce il disco sulla sinistra, passa sulla blu a Larocque che di prima intenzione fa partire una bordata incredibile che gonfia per la terza volta la rete pusterese (3-0). Timeout chiamato dal coach del Val Pusteria Mair che decide di far esordire in serie A il nuovo portiere Nissinen; ma non serve a nulla, il Pontebba passa indenne un’inferiorità e al 16.28 arriva il poker, seconda rete di Rigoni servito da Margoni (4-0). Oberrauch prova a dar la carica ai suoi al 19’ ma Carpano non ne vuole sapere di prendere gol così si chiude il primo tempo e seconda fase che inizierà con i friulani in superiorità.

Powerplay che dura solamente 50 secondi nel secondo periodo a causa di un colpo col bastone fischiato a Larocque ma è sempre il Pontebba a fare la partita, i più pericolosi sono Aquino e Guenette, il portiere se la cava con qualche indecisione. Al 24.07 c’è una doppia penalità contro le Aquile (Armani e Limnell) ma il 5vs3 del Val Pusteria è veramente poca cosa, solo i difensori Jarmuth e Vodrazka creano qualche pericolo. Partita molto spezzettata in questi minuti, ospiti nervosi, vola qualche colpo proibito ogni tanto e al 28.02 Colcuc da un 2+2 per eccessiva durezza a Vodrazka e 2 minuti a Guenette per colpo col bastone. Altre due penalità colpiscono il Brunico in trenta secondi, Sparber e ancora Vodrazka, in 5vs3 il Pontebba è implacabile così arriva la quinta rete, Sparre da a Guenette che con un preciso tiro fredda Nissinen (5-0). Aquile che calano d’attenzione e in 72 secondi il Val Pusteria riapre la partita, al 38.29 in contropiede Vodrazka e al 39.41 Bernakevitch finalizza una bell’azione di Barber. Sirena dei 40 minuti e squadre a riposo sul 5 a 2.
Dopo la prevedibile strigliata di Surenkin ai suoi inizia l’ultimo periodo e c’è subito una penalità ai danni del Val Pusteria (Pichler), servono solo 23 secondi per andare a rete, Niessinen perde malamente il disco, il primo a conquistarlo è Guenette che, al 42.25, a porta vuota insacca (6-2). Sparre impegna nuovamente il goalie pusterese che para. L’arbitro torna a fischiare penalità, prima Oberrauch, un minuto più tardi ci son 6 uomini sul ghiaccio per il Pontebba e al rientro dell’attaccante giallonero arriva la rete ospite, al 47.16 Watson fa partire una bordata dalla blu, Carpano concede il rebound dove il più veloce è Bernakevitch, doppietta anche per lui (6-3). Colcuc continua a fischiare penalità, 4 in poco più di due minuti, da una parte sono Limnell, Larocque e Ambrosi i puniti mentre al Brunico vengono fischiati 6 uomini sul ghiaccio. Gli ospiti in superiorità numerica hanno l’occasione di riaprire seriamente la partita e non se la fanno sfuggire, al 52.46 arriva la rete di Watson con un potente tiro (6-4). Di qui alla fine però il Brunico non ha la forza per offendere nuovamente, il Pontebba chiude bene tutti gli spazi così al 59.18 Mair prova a giocare con 6 uomini di movimento e toglie il portiere. Porta vuota e il primo ad approfittarne è Aquino, che dalla destra del suo terzo difensivo insacca per il definitivo 7 a 4.

MARCATURE:

1 – 0: 02.19 2pp RIGONI (Ciresa)
2 – 0: 08.54 KOIVISTO (Guenette)
3 – 0: 13.03 LAROCQUE (Margoni)
4 – 0: 16.28 RIGONI (Margoni, Ciresa)
5 – 0: 35.48 2pp GUENETTE (Sparre, Limnell)
5 – 1: 38.29 VODRAZKA (Barber)
5 – 2: 39.41 BERNAKEVITCH (Barber)
6 – 2: 42.25 pp GUENETTE
6 – 3: 47.16 pp BERNAKEVITCH (Jarmuth, Barber)
6 – 4: 52.46 pp WATSON (Barber)
7 – 4: 59.34 en AQUINO (Tomasello)

PENALITA’:

PONTEBBA: 22’ (6+8+6)
BRUNICO: 22’ (6+10+6)

TIRI:

PONTEBBA: 47 (18+15+14)
BRUNICO: 43 (14+15+14)

ARBITRI: Colcuc (Stella, Rebeschin)

SPETTATORI: 785

FORMAZIONI:

PONTEBBA: Carpano; Ambrosi, Limnel, Armani, Bolibruck (A), Lutz, Larocque; Sparre, Ciresa, Margoni (C), Aquino, Rigoni (A), Tomasello, Guenette, Faggioni, Koivisto. NON ENTRATI: Hopfgartner; Betti; Delfino, Rizzo, Stampfer; ALLENATORE: V. Surenkin

BRUNICO: Nissinen, Ploner; Vodrazka, Trevisani, Jarmuth, Hofer, Willeit, Mair (A); Pichler (C), Oberrauch, Drenker, Bona, Marchiori, Platter, Iannone, Barber, Tallari, Bernakevitch, Watson, Sparber. ALLENATORE: S. Mair