I Killer Bees a segno contro il Rodi-Dalpe

17 goal e netta supremazia dei varesini.

Il Rodi-Dalpe si presenta a Varese con un organico di giovani dall ’85 al ’90, sotto la guida di Coach Guscetti. L’incontro si avvia con un Varese arrembante che sussegue cambi velocissimi delle linee con numerose incursioni nell’area piccola avversaria. Al 4.21 Teruggia concretizza assistito da Sansonna, accompagnando il disco in porta superando Cretti. Solo 12 secondi dopo al 4.32 è Cesarini con un tiro da distanza ravvicinata a gonfiare la rete, servito da Raimondi. Le Api prendono possesso della partita allungando con Milani al 7.15, Rizzo al 12.28, Sansonna al 13.08 in una azione magistrale in powerplay su assist di G.Malacarne. Al 17.02 è il momento di Rotolo seguito da Suominen assistito da Rizzo al 18.39.Il primo tempo si chiude su uno schiacciante 7 a 0 ma Coach Cacciatore pretende il massimo dai suoi invitando i varesini a mettere in pratica il lavoro svolto in settimana per sfruttare al meglio l’incontro.

Al rientro in pista la musica non cambia e dopo pochi minuti è di nuovo Rotolo al 23.28 ad aumentare il punteggio seguito a breve da Cesarini 25.36. Al 30.15 il Rodi-Dalpe cambia il portiere dando spazio a Tamagnoli. Dopo soli quattro secondi è Rizzo al 30.19 a superare il backup svizzero seguito da Raimondi 34.19 e di nuovo da Rotolo al 37.15 assistito da Rizzo.Al 37.29 arriva il goal della bandiera del Team svizzero che approfitta della confusione sotto porta con Pellandini. Secondo tempo che si chiude sul 12 a 1.
L’ultimo terzo scorre inesorabilmente sullo stesso copione, portando a quota 17 i goal del Varese, grazie a una doppietta di Suominen al 43.48 e 47.34. Al 52.38 la difesa varesina si fa cogliere impreparata di nuovo da Pellandini che supera Sanclemente sul rimbalzo del suo stesso tiro dalla blu. L’ultimo goal in chiusura è di Sansonna al 57.33.
Una partita senza storia nel quale il tabellone ha rispecchiato fedelmente la realtà in campo. Onore comunque ai ragazzi del Rodi-Dalpe che non hanno mai smesso di metterci l’anima pattinando fino all’ultimo con intensità.
Le Api sono ora in testa alla classifica, leader anche nella differenza reti con un imbarazzante tabellino di 31 reti segnate in due incontri e con 9 giocatori su 10 nella classifica top scorer delle lega. I Killer Bees hanno saputo tenere alta la motivazione e l’impegno, mantenendo alto il ritmo e sfruttando al meglio l’incontro con uno sguardo al futuro, senza pensare al risultato già schiacciante alla fine del primo tempo.

LINK ALLA CLASSIFICA:
http://f.regioleague.swiss-icehockey.ch/platform/apps/resultservice/index.asp?MenuID=515&ID=2422&Menu=2&Item=23

Ufficio Stampa KB