Bolzano, vittoria sul velluto

di Stefano Bombarda

BOLZANO – ALLEGHE 3–0 (1:0)(1:0)(1:0)

Il Bolzano ospita al Palaonda l’ HC Alleghe nella prima giornata del girone di ritorno.
Nella squadra di casa rientra dalla squalifica Alex Egger mentre gli agordini devono fare a meno di Mario Chitarroni, fermato dal giudice sportivo per due giornate dopo la scazzottata con il giocatore canadese del Pontebba Mario Laroque.
La partita inizia su ritmi blandi con le squadre attente a non scoprirsi e con i rispettivi goalie raramente chiamati in causa.
E’ il Bolzano a rompere gli indugi al minuto 8:45 con capitan Ramoser che, ottimamente servito da Zisser, non riesce a trovare il varco giusto per battere un attento Groeneveld. La squadra agordina appare sottotono, fatica a creare azioni pericolose e si affaccia solo timidamente nel terzo avversario dove i terzini hanno spesso facilmente buon gioco e Håkkinen è chiamato a svolgere esclusivamente interventi di ordinaria amministrazione.

I biancorossi di casa si rendono pericolosi con un contropiede ben orchestrato dalla coppia Corupe-Di Casmirro e con un’azione convulsa sotto porta nella quale sia Pittis che Olson non riescono a trovare la stoccata vincente.Al minuto 15:48 l’ arbitro Lottaroli spedisce David Ceresa in panca puniti per una carica scorretta ai danni di Lorenzi e il Bolzano si trova a fronteggiare la prima inferiorità numerica della partita. Un Alleghe poco lucido e disordinato non riesce però a sfruttare a dovere la situazione di powerplay e si rende pericoloso solo con una mischia davanti ad Håkkinen scaturita da un insidioso tiro di Jamieson. Proprio allo scadere della penalità Borgatello verticalizza splendidamente per Rolly Ramoser che si invola e deposita in rete dopo aver scartato Groeneveld. Questo episodio chiude di fatto un primo tempo avaro di emozioni ma con il Bolzano meritatamente in vantaggio.
Nel secondo periodo ci si attende una reazione dalla squadra di Mike Kelly, ma al contrario è sempre la formazione di casa a tenere saldamente la redini del gioco e a rendersi pericolosa sia con azioni manovrate che in situazioni di contropiede. L’Alleghe continua a giocare sotto ritmo e non riesce a creare pericoli alla porta difesa da Håkkinen, nemmeno nelle situazioni di superiorità numerica che si vengono a creare per le penalità fischiate prima a Pittis e più tardi a Jardine. Durante quest’ ultima gli agordini sono anche sfortunati quando un diagonale ben tirato colpisce la traversa.
Come spesso accade in questi casi è invece il Bolzano a sfruttare in pieno il primo powerplay della serata grazie ad una pregevole triangolazione Pittis-Ansoldi-Olson con quest’ultimo che realizza a porta sguarnita quando corre il minuto 18:41. In chiusura di tempo , al 19:24, altro powerplay infruttuoso per gli ospiti con Ceresa punito per una trattenuta.
Il terzo tempo si apre sulla falsariga del secondo con il Bolzano impegnato ad amministrare il vantaggio senza però rinunciare a farsi vedere dalle parti del sempre ottimo Groeneveld. E’ solo il 2:43 quando Josh Olson segna la rete del tre a zero assistito da Pittis e Jardine con quest’ ultimo davvero bravo a lavorare il disco dietro la porta prima di servire i compagni. La rete decreta in sostanza la fine dell’incontro in quanto l’Alleghe non ha la forza per reagire e continua a faticare nell’ uscita di zona, nella costruzione delle azioni offensive e nella gestione delle superiorità numeriche che anche in quest’ultima frazione vengono letteralmente gettate alle ortiche.
Vittoria quindi piuttosto facile per la squadra di Jari Helle nella quale l’ innesto di Jardine ha fatto bene soprattutto a Olson, apparso in leggera ripresa.
Serata da dimenticare invece per le civette agordine guidate da coach Mike Kelly al quale davvero il lavoro non manca.

Il Tabellino:
1°Tempo: 17:52 R. Ramoser (Borgatello)
2°Tempo: 18:41 Olson (PP) (Pittis, Ansoldi)
3°Tempo: 2:43 Olson (Pittis, Jardine)

Migliori in campo: Bolzano: R. Ramoser – Alleghe: Nicola Fontanive