Atlant sempre in testa, il Salavat insegue

di Alessandro Seren Rosso

Dopo un mese e mezzo di gioco le gerarchie della KHL appaiono decisamente più chiare.
In prima posizione nella classifica generale continuiamo a trovare l’Atlant Mytischi. Guidati dall’inossidabile duo Mozyakin-Leschev e coperti dall’esperienza di Magnus Johansson (che giocatore!) la squadra di Kanareikin ha collezionato quarantacinque punti in diciotto partite. L’Atlant inoltre può contare sull’ottimo tandem di portieri Emery – Kolesnik.
In seconda posizione assoluta troviamo i campioni in carica del Salavat Yulaev Ufa, che oggi ha triturato il Torpedo Nizhny Novgorod con il punteggio di 7-1, mandando in gol anche il diciassettenne Kirill Polozov. A metà partita si è però fermato il portiere di riserva Tarasov a causa di un infortunio di entità ancora sconosciuta. Il Salavat ha soltanto un punto di ritardo sui rivali dell’Atlant, ma è a capo

L’Ak Bars segue le due lepri a distanza, trentasette punti in diciassette incontri per loro. Sergei Zinoviev è finalmente tornato sul ghiaccio e la squadra convince nonostante l’infortunio di Morozov. La top-five è completata dal Metallurg Magnitogorsk, al momento la squadra più in forma del campionato dopo la recente serie di risultati positivi, e dal Lokomotiv Yaroslavl.
La classifica è cortissima infatti nel giro di cinque punti troviamo ben dieci squadre, tra cui l’Avangard Omsk e le tre squadre moscovite e lo SKA S. Pietroburgo. Fanalini di coda l’Amur Khabarovsk, il Vityaz Chekhov, il Khimik Voskresensk e la Dinamo Minsk, che recentemente ha esonerato l’allenatore Hughes assumendo il russo Vasili Spiridonov.

Tags: