Al Torino, di rigore, il derby piemontese

di Francesco Seren Rosso

VALPELLICE -REAL TO 3-4dtr (2:1)(1:1)(0:0)(0:1)

Valpellice e Real Torino si affrontano per la prima volta nella loro storia in serie A2 ed è stata come forse non ci si poteva aspettare vista la differenza tra i nomi in pista, una partita decisamente combattuta che si è conclusa alla lotteria dei rigori i torinesi, ma il Valpellice può recriminare per non esser riuscito a difendere un doppio vantaggio e non aver concretizzato un dominio che apparso schiacciante per lunghi tratti, in particolar modo nel primo periodo e per qualche errore arbitrale di troppo.

Qualche novità nelle formazioni: Da Rin mette a difesa della gabbia Platè al posto di Demetz mentre in porta per il Real è confermato Valle Da Rin in porta al posto di Bobba non ancora al meglio. Assente in casa Valpe anche Lefevbre, mentre rientra Runer sebbene ancora dolorante al polso.

Dopo un minuto scarso arriva il primo brivido per la porta torinese con una mischia dopo un tiro di De Frenza. Dopo 1’46" Meneghetti viene penalizzato per bastone alto e dopo 2’26" i padroni di casa si rendono pericolosi: De Frenza riceve dalla sinista e tira, Valle Da Rin para di gambale, sul rimbalzo il primo ad arrivare è Siren che tira al volo dalla destra, ma il portiere avversario blocca. Appena Meneghetti rientra in campo il Real si trova di nuovo con l’uomo in meno a causa di una carica con bastone di Sekula e stavolta i biancorossi non si fanno sfuggire l’occasione, portandosi in vantaggio al quarto: Siren da dietro porta trova Stricker nello slot che al volo fulmina Valle Da Rin. Il Real è chiuso nella sua zona e subisce i continui assalti dei Bulldogs, tant’è che il primo tiro verso la porta di Platè arriva al minuto 8’11" con Lo Presti che serve Covolo, ma la sua conclusione viene bloccata a terra ed un minuto dopo Meneghetti impegna due volte la difesa avversaria. Il pareggio ospite arriva un po’ a sorpresa al 14’05" col Real in doppia superiorità: tiro dall blu di Strapaty, Platè para di gambale, il rimbalzo è di Lo Presti che insacca a mezza altezza. La parità dura due soli minuti: è il sedicesimo quando Surma serve De Frenza che leermente spostato sulla destra lascia partire un perfetto tiro di polso che si infila nel sette alla sinistra del portiere ospite. Nel finale di tempo vengono assegnate due penalità al Real, prima a Meneghetti per colpo di bastone e poi a Sekula.

E così in avvio di secondo periodo i padroni di casa, trascorsi appena 31" trovano nuovamente la via della rete grazie ad una precisa deviazione di De Frenza sottoporta che corregge un tiro di Virta. Il Valpellice subito dopo può contare su un altro power play a causa dell’ennesima infrazione di Meneghetti e sfiorano la rete con un tiro di Petrov deviato di gambale. Il ritmo della partita scende anche a causa delle molte penalità inflitte dal severissimo capo arbitro De Col ad entrambe le squadre ed è proprio in superiorità numerica che il Real accorcia le distanze al 13’51": Sekula lavora sulla destra e serve Traversa che nello slot tocca il disco superando un’incolpevole Platè. I padroni di casa continuano comunque a gestire la gara ma non riescono a atrovare la via della rete e così il secondo parziale si conclude col punteggio di tre reti a due.

Il terzo tempo inizia con un brivido per i valligiani con Covolo che da due passi sbaglia la conclusione tirando fuori a porta praticamente libera. Il Valpellice cede qualche metro di campo così gli avversari iniziano a farsi sotto: al settimo Peruzzo dalla destra impegna Platè, poi i torinesi usufruiscono di due superiorità, ma non trovano la rete nonostante stazionino costantemente nel terzo avversario, ad eccezion fatta per un contropiede di De Frenza fermato da valle Da Rin. Il gol del pareggio arriva così al 17’44": Fornaciari riceve sulla blu offensiva, entra nel terzo e va verso la porta, la sua conclusione è parata dal portiere, ma sulla ribattuta Milec sulla destra riesce a trovare lo spiraglio giusto. Il terzo periodo si chiude ancora con i padroni in superiorità per un’ostruzione di Lo Presti.

L’overtime vede il Valpellice gettarsi all’attacco e sfiorare il gol più volte, ma l’occasione più ghiotta capita sulla stecca di Silva, che servito nello slot involontariamente da Strapaty, si fa pinzare la conclusione a botta sicura da Valle Da Rin. Viene anche annullato, al minuto 2’38", un gol al Valpellice per un presunto spostamento della porta, il risultato non cambia e si va così ai tiri di rigori, col Real che deve forzatamente rinunciare a Peruzzo che si prende due minuti di penalità al 4’40".

I primi a tirare sono i padroni di casa che realizzano con un perfetto rigore di De Frenza, al quale Fornaciari non risponde poichè Platè para. Secondo rigore e secondo gol valligiano con Surma, altra ottima conclusione, ma Traversa realizza anche lui mantendendo le distanze. Terzo giro ed errore per entrambe le squadre, ad opera di Silva e Covolo, entrambi parati. Il quarto shoot out è quello della svolta: Petrov sbalgia, venendo anticipato dal portiere prima di riuscire a concludere, mentre Lo Presti infila Platè. Stricker è l’ultimo rigorista del Valpellice, ma tira alto, mentre Milec non sbaglia consegnando così la vittoria e i due punti agli ospiti.

HC VALPELLICE BULLDOGS – REAL TORINO HC 3-4 d.t.r.
Marcatori: 04.04 (1-0) Stricker; 14.05 (1-1) Lo Presti; 16.10 (2-1) De Frenza; 20.31 (3-1) De Frenza; 33.51 (3-2) Traversa; 57.45 (3-3) Milec; Rigore Decisivo (3-4) Milec

Formazione HC VALPELLICE BULLDOGS
P.: Demetz, Platè;
D.: Bonnet, Ermacora, Mondon Marin, Ricca, Rivoira, Runer, Siren, Virta, Tremolaterra;
A.: Coco, Canale, De Frenza, Grossi, Lefebvre, Petrov, Silva, Surma, Stricker, Viglianco, Vignolo;
All. Massimo Da Rin

Formazione REAL TORINO HC
P.: Bobba, Valle Da Rin;
D.: Bianco, Falco, Gorza, Moro, Sekula, Strapaty, Tortone;
A.: Ceretto, Covolo, Di Fabio, Fornaciari, Lo Presti, Meneghetti, Milec, Peruzzo, Rossi M., Soravia, Traversa;
All.: Drahoslav Zurek

SEQUENZA RIGORI: De Frenza gol, Fornaciari parato; Surma gol, Traversa gol; Silva parato, Covolo parato; Petrov parato, Lo Presti gol; Stricker alto, Milec gol