Intervista con Ryan Menei, il matchwinner contro il Maribor!

Di Franca e Seba P.

Quella con il Maribor alla luce del risultato può essere sembrata una passeggiata, ma come mi ha detto Ryan Menei durante l’intervista nessuna partita è mai facile, inclusa quella di ieri sera.

HT: Per favore Ryan un commento a caldo sul risultato di stasera…è stato facile vincere?
RM: Nel primo tempo abbiamo cercato di affondare subito il colpo decisivo, grazie anche alla difesa che ha fatto diligentemente il suo lavoro. Nessuna gara è mai facile purtroppo, ma quando tutto gira per il verso giusto come stasera allora si vince, e noi stasera lo meritavamo! Siamo felici del risultato, non importa se era un torneo o no, è stata la prima vittoria di questa stagione, ci darà forza per il proseguo sicuramente.

HT: quattro assists stasera per te, eri veloce, agile, particolarmente inspirato, ma come ti senti in questo momento per quanto riguarda la tua condizione fisica?

RM: Io mi sento molto in forma, sto giocando con molti bravi giocatori e il nostro allenatore (Jimmy Camazzola) ci sta seguendo molto bene, e un po’ alla volta stiamo trovando tutti la nostra miglior condizione atletica.

HT: Raccontami qualcosa circa le tue precedenti esperienze sportive nel nord America, so che gli ultimi due anni hai fatto delle ottime prestazioni, molti punti…ma qual è stata la migliore in assoluto?
RM: L’anno scorso a Mississippi ho avuto una grande stagione, è stato fantastico, eravamo un bel gruppo…un’altra buona stagione è stata nelle juniores in Canada qualche anno fa, ci hanno insegnato a essere dei leader, lì ti aiutavano a crescere sportivamente, sai avevamo solo 16-17 anni…

HT: Un bilancio circa le due partite giocate fino ad adesso dal tuo team e ti chiedo se state lavorando in particolare su qualche aspetto durante gli allenamenti o no.
RM: Veramente no, Jimmy ci sta facendo lavorare su tutto, prepariamo al meglio ogni singola gara, probabilmente il power-play è sempre una delle cose da migliorare in assoluto, perché lì ci si gioca a volte il risultato di una gara, ad ogni modo stiamo procedendo bene, quindi sono contento.

HT: Il campionato quest’anno sarà più impegnativo dell’anno scorso, perché giocherete in media ogni 3-4 giorni, quindi prevediamo quasi nessun giorno libero, come affronterete tutto ciò?
RM: Guarda, in North America si giocano 4-5 partite alla settimana, quindi per me è abbastanza normale, penso comunque che giocare cosi spesso possa solo che beneficiare i giocatori. Si ha la possibilità di rimanere concentrati su tutto, in modo che ogni gara giocata prima si sia solo passato e nient’altro.

HT: Sei qui da appena una settimana, domanda di rito, come ti trovi con la squadra, la città, il modo di vivere italiano?
RM: La squadra mi piace molto, è incredibile, ci sono tanti giocatori interessanti ad Asiago, quando ero in Canada, non sapevo cosa aspettarmi dall’Italia, perché sapevo che era tutto molto differente…e infatti! La mia città è molto più grande di Asiago, ma la adoro già!

HT: Nel tuo futuro ci sarà la nazionale italiana? Scommetto che è uno dei tuoi tanti sogni…
RM: Certamente, io ho il passaporto italiano che mi da la possibilità di poter entrare, sai è sempre bellissimo poter rappresentare la propria nazione, io vivo in Canada, ma ho origini italiane, quindi fra due anni farò di tutto per poter entrare in nazionale.

HT: C’è una particolare ragione per cui hai deciso di venire a giocare qui in Italia?
RM: Si, sai a un certo punto della carriera di un giocatore di hockey ci si può rendere conto che l’NHL non è adatta a te, quindi si cerca di migliorare il più possibile per fare una buona carriera. Io ho voluto venire qua per arricchire il mio curriculum sportivo, per fare una nuova esperienza, ma anche perché mi sento metà italiano, sai, mio padre è nato nel sud Italia, quindi io mi sento come se fossi nato qui!

Si ringrazia la Emisfero Ipermercati Asiago e il giocatore Ryan Menei per la disponibilità concessa.

———————————————–

ORIGINAL VERSION

Interview with Ryan Menei, the matchwinner of the game with Maribor!

By Franca & Seba P.

The game with Maribor of yesterday has seemed easy to win seeing the result, but as Ryan Menei said me, no game is easy.

HT: Please Ryan, give me an opinion about the result of the game..Was it easy to win or not?
RM: During the first time we tried to sink the winning shoot immediately, thanks to defense men too, that made their good work. No games are easy to win unfortunately, but when everything goes in the right way as tonight you win, and we deserved that!

HT: Four assist for you, you were agile, speed, particularly inspired, but how do you feel in this period as for as your physical condition?
RM: I feel very good, I’m playing with a couple of good players and our coach Jimmy Camazzola is following us in the best way and step by step we are finding our best athletic condition.

HT: Tell me something about your previous experiences in the North America, I know you had two last great seasons, but which is the best absolutely?
RM: Last year in Mississippi I had a great season, it has been fantastic, we were a really good team..Another good season I played during the juniors in Canada, they taught you to be leader, helped you to grow up…you know, we were just 16-17 years old…

HT: A balance about the last two games of your team, are you working hard in particular on something during the practices or not?
RM: Not really, Jimmy is preparing us about everything, every game is prepared in the possible way, probably power play is very important, sometimes it helps you to change the result of a game, anyway we are working hard, so that’s good.

HT: Championship of this year will be more engaging than last year, cause you’ll play about every three days, no days off, but how will you face that?
RM: Well, in the North America I used to play 4-5 games a week, so for me it’s quite normal, anyway playing a lot can just benefits players and the whole sport. It helps you to remain concentrated about every game, so as games played before remain behind you and nothing else.

HT: Ritual question, you have been here since last week, what’s your opinion about the city, people, and team?
RM: I like it very much, it’s incredible this team, there are a couple of really good players here, Asiago is beautiful, I didn’t know what to expect coming from Canada, cause I know it was different from my country. Anyway, even if Asiago is smaller than my city, I have already learned to love it!

HT: In the future would you play in the blue team? I’m sure it’s one of your many dreams…
RM: For sure, I have got an Italian passport that gives me this chance. You know, it’s always nice to could represent your country, I live in Canada, but I have Italian origins, so in two next years I’ll do all is possible to entry in the national team.

HT: Is there a particular reason for which you decided to come to play in Italy?
RM: Yes, you know, during the career of an ice hockey player you could realize that NHL is not indicated for you, so you do all your best to have a great career anyway. I decide to come here to make reach my curriculum, but also to make experience. Then you know I feel half Italian, my father comes from Italy, He was born in the South Italy, so It¬’s like I was born here!

Thanks to Emisfero Ipermercati Asiago and to Ryan Menei for the availability allowed.

Tags: