Prima uscita per i Cimbrhockey ed è podio!

Sabato 05 e domenica 06 luglio si è svolta sugli Appennini, presso Cerreto Laghi (RE), la “Salame Cup”, torneo di hockey su ghiaccio per squadre senior. Organizzata dai neonati Frozen Goofies di Bologna, la manifestazione è stata rivolta a team non iscritti ad alcun campionato federale: la denominazione connota anche l’accezione eno-gastronomica del torneo che anima organizzatori e partecipanti.

Tra le sei partecipanti del torneo, c’erano anche i Cimbrhockey FHB, gruppo di amatori tesserati per i Falchi Hockey Bosco che da gennaio si allenano assieme. Per loro è stato il debutto, bagnato dall’esordio con le nuove maglie ufficiali, arancio-nero-giallo-verdi col logo della formazione in pieno petto.
Oltre ai lessinici, ed alla formazione organizzatrice dei Goofies (squadra B degli Wizards Bologna), c’erano Gnocco & Piada Forlì, Jazzon Cavalese, Lame Seals Milano e Olimpiade di Grosseto.
I cimbri hanno portato a casa un sorprendente terzo posto, vincendo le partite con Bologna (4-1), Grosseto (10-0) e Cavalese (1-0), e perdendo contro Milano (4-0) e di misura con Forlì (2-3). La classifica finale vede proprio i forlivensi vincitori con 15 punti, seguiti da Milano con 12 e da Bosco con 9; fuori zona-podio troviamo con 6 punti i bolognesi, a 3 i trentini ed a 0 i simpatici grossetani.

L’ottimo risultato dei veronesi è stato ottenuto nonostante un organico striminzito: sono scesi in campo Andrea Rossi e Massimiliano Ederle come portieri; Gianni Melotti, Michele Gandini, Michele Dal Dosso e Marcello Florio come difensori; Nicola Scala, Sandro Pazzocco e Samuel Gobbi come attaccanti. Gobbi, il più giovane della rosa, è stato il capocannoniere della squadra.

Sentiti complimenti all’organizzazione del torneo, per aver allestito una duegiorni indimenticabile ed efficiente; grazie anche per aver fornito i risultati dettagliati ed alcune stupende immagini degli incontri. Per chi volesse leggere altri commenti sull’evento, consigliamo di dare un’occhiata al forum di HockeyTime.net.
Auguriamo alle avversarie di continuare il proprio percorso di divertimento e crescita, in maniera da alimentare un movimento hockeystico che, per quanto riguarda i “bassifondi del non professionismo” viene palesemente trascurato dalla Federazione.
Infine un ringraziamento doveroso va alla neonata squadra degli amatori FHB, che da gennaio mette grande passione sul ghiaccio; a Gianni Melotti che, anche giocando, riesce a ricoprire in maniera fruttuosa il ruolo di allenatore; a Claudio Toffanin, che ha creato dal nulla questa piccola ma già stupenda realtà.

FHB Ufficio Stampa