Play off: Timrå , Linköpings e HV71 in semifinale

di CFS

Dopo 5 incontri dei quarti di play off si conoscono già le 3 delle quattro semifinaliste.
Sorprende in negativo l’esclusione dei campioni uscenti del MODO, che in questi play off si sono fatti beffare da un Timrå che ci ha sempre creduto. Nel primo incontro dopo un positivo avvio il MODO si è fatto rimontare i due gol di distacco negli ultimi minuti regolamentari fino a cedere nell’overtime. Nel secondo incontro il Timra già a metà del secondo periodo è in vantaggio per 3 a 1 ed alla fine saranno ben cinque le reti contro due del MODO. Terzo incontro con i campioni uscenti molto deludenti, con un attacco molto sterile ed il Timrå a “bombardare” la porta difesa da Krizan: nel secondo drittel saranno ben 4 i dischi che il golie dovrà raccogliere da fondo rete, propiziati anche da due power play (di cui uno 5vs3) e ben 15 tiri contro la metà del MODO. Terzo periodo con cambio di portiere, Zajkowski al posto di Krizan: il MODO si lancia in attacco mentre il Timra si limita a contenere per un finale 6 a 3 che non ammette repliche. Con tre match point a disposizione, nel quarto incontro il Timra scende sul ghiaccio più rilassato ed il MODO prende d’assedio la porta difesa da Backlund andando a segno con due gol in power play nel primo periodo e dopo un secondo tempo a reti inviolate, il Timra impatta, ma questa volta Sundstrom e compagni (per lui alla fine ben quattro assist) nel giro di due minuti vanno altre due volte a segno; il Timra a tre minuti dalla fine prova la carta del sesto uomo di movimento approfittando di una penalità inflitta gli avversari ed accorcia le distanze, ma questa volta il MODO non permette l’aggancio andando a segno per la quinta volta chiudendo l’incontro 5 a 3. Delusione davanti a pubblico amico a gara cinque dove il MODO dice addio a play off: dopo un primo tempo combattuto, sale in cattedra il Timra che chiude la serie con un perentorio 5 a 0.

Il Linköping ha avuto la meglio sul Djurgården. Gara uno vinta di misura dai Leoni con un gol di Weinhandl nel primo periodo. Secondo incontro al Cloetta Center dove i padroni di casa regolano la pratica con un 4 a 1 grazie ad un secondo tempo impeccabile ed ad un attacco molto fruttuoso. Terzo incontro e questa volta è il Djurgården a portare a casa la partita con doppietta di Ölvestad nel secondo periodo. Ad inizio del terzo il Linköping accorcia con Joakim Eriksson e tenta la carta del sesto uomo di movimento ma è Ottosson a chiudere i conti segnando a porta vuota per il 4 a 2 finale. Il numero 4 porta fortuna ai Leoni in gara quattro, saranno infatti quattro i gol segnali(contro uno) e tutto si concentra nei quattro minuti finali: dopo essere passati in vantaggio nel primo periodo e raddoppiando ad inizio terzo, il Djurgården accorcia le distanze al 56° con Bremberg e toglie il portiere per cercare il pareggio approfittando anche di una superiorità numerica, ma Persson porta tre i gol segnando a porta vuota. Il Djurgården ci riprova ancora con il sesto uomo di movimento ma anche questa volta i padroni di casa portano a quattro le segnature con Junland. Gara cinque chiude la sere a favore dei Linköping per 4 a 2 risultato mai messo in discussione con i leoni sempre all’attacco. Spettacolare gol di Daniel Fernholm(ex Bolzano) in pallonetto dalla balaustra che sorprende tutti e si insacca alle spalle di Larsson.
L’HV71 dopo aver dominato la Regular season prosegue la propria marcia in semifinale, anche se la prima partita dei quarti, in casa dello Skellefteå, è chiusa a favore dei padroni di casa grazie ad un gol in power play di McDonell all’ultimo minuto, dopo un incontro equilibrato con un gol per parte nel primo e nel secondo periodo. Nel secondo incontro il risultato finale è lo stesso, 2 a 1 ma questa volta a favore dell’HV71 che sfrutta benissimo i power play andando a segno con Davidsson e con Ledin; nel terzo periodo Thomas Larsson accorcia le distanze, ma non basta e l’HV71 porta a casa la partita. Nel terzo incontro vita facile per l’HV71 che dopo il momentaneo vantaggio dello Skellefteå con Lindström, pareggia sul finire del primo periodo con Söderberg e poi buca la difesa dello Skellefteå per altre sei volte con marcatori tutti diversi: dopo le reti di Luoma e Gustafsson lo Skellefteå sostituisce il portiere, Dahlberg sostituisce Hadenov, ma l’HV71 prosegue con il tiro a segno con Thörnberg, Hrdina Jämtin e Fredriksson, facendo “saltare i nervi” agli avversari con Lundström e Mäenpää mandati dagli arbitri anzitempo sotto la doccia. Gara quattro lascia a secco lo Skellefteå grazie alla doppietta di Voutilainen, entrambi i gol in superiorità numerica, ed ad un ottimo Stefan Liv shut out per lui, capace di fermare i 28 tiri in porta degli avversari, fissando il risultato sul 2 a 0. Quinta e decisiva partita per l’HV71 che con un "tennistico" 6 a 0 chiude i conti e passa in semifinale: partita giocata su buoni ritmi con 40 tiri per l’HV71 ed i 31 dello Skellefteå, con i portieri a fare la differenza; secondo shut out per Stefan Liv, mentre l’alternanza dei portieri per lo Skellefteå non frena l’attacco dell’HV71 che va a segno con Hrdina (doppietta), Thörnberg, Voutilainen, Johansson e Ledin.
Färjestad e Frölunda sono al momento sul 3 a 2 favore del Färjestad.