Russian Superleague 2007/08: le quarte partite dei playoffs

di Alessandro Seren Rosso

Si sono disputate in giornata le quarte partite degli ottavi di finale. Le eventuali quinte partite si giocheranno lunedì 10 a campi invertiti.

Amur Khabarovsk – Salavat Yulajev Ufa 2 – 7 (serie 1 – 3)

Nonostante la grande grinta dell’Amur il Salavat si aggiudica partita e serie abbastanza facilmente con una vittoria per 7 – 2. Decisiva la grande prestazione di Igor Volkov, autore di una tripletta. Due gol anche per Koltsov. Completano lo score per gli ospiti Chernov ed Antipov, mentre per i padroni di casa sono andati a segno Arekaev e Golubtsov.

Neftekhimik Nizhnekamsk – Metallurg Magnitogorsk 3 – 2 (serie 2 – 2)

Si andrà allo spareggio per decidere la squadra che passerà ai quarti di finale tra Neftekhimik e Metallurg Magnitogorsk. La squadra di Krikunov è passata in vantaggio dopo soli diciassette secondi con il solito Konstantin Makarov, a segno nonostante fosse l’unico giocatore della squadra di casa nello slot contro quattro giocatori del Metallurg più il portiere. Al terzo il Metallurg pareggia con Platonov, ma viene nuovamente superato dai padroni di casa al tredicesimo grazie a Hlystov. Al diciassettesimo Korolev pareggia nuovamente, ma il tre a due definitivo è fissato con il gol della doppietta di Makarov, al ventitreesimo. Il Metallurg avrà comunque il vantaggio del fattore campo per lo spareggio. “Il Metallurg ci ha già battuto nel 2004, ora è il tempo della vendetta” – ha dichiarato combattivamente Rafik Yakubov, direttore generale del Neftekhimik.

Severstal Cherepovets – Khimik Mytischi 1 – 2 ot (serie 2 – 2)

Un supplementare in questa serie ormai non fa più notizia. Il Severstal spreca così il primo match point, per di più dopo essere stati in vantaggio per 1 – 0 con un gol di Trubachev dallo slot, ben servito da Straka. Il Khimik tuttavia non si arrende e al quarantesimo Mozyakin intercetta un disco dietro porta mal giocato da Shinin e con un wristshot buca Vyukhin per il pareggio. Nel supplementare è Boikov, a quarantacinque secondi dalla sirena, a regalare la vittoria ai suoi con un’azione personale condotta nel terzo offensivo.

Lada Togliatti – Lokomotiv Yaroslavl 4 – 6 (serie 1 – 3)

Il Lada lotta, ma non basta. La squadra di Togliatti passa subito in vantaggio con Ketov, ma si fa raggiungere e superare nel giro di due minuti con Konkov e Irgl. Il Lada riesce a pareggiare al ventiquattresimo con un gol in powerplay di Filin, ma il Lokomotiv firma il tre a due con Mikhnov al trentunesimo. Tre minuti più tardi il Lada pareggia nuovamente i conti con Krivonozhkin, ma il secondo gol di Mikhnov porta ancora avanti il Lokomotiv. Nel terzo periodo due gol di Yashin per gli ospiti e un acuto di Vorobiev per i padroni di casa fissano il punteggio sul 4 – 6 finale, e sulla vittoria del Lokomotiv nella serie.

Spartak Mosca – SKA San Pietroburgo 5 – 3 (serie 2 – 2)

Con un’altra grande prova di carattere lo Spartak riesce a pareggiare clamorosamente la serie ed a spingere l’SKA allo spareggio. Al ventitreesimo gli ospiti passano in vantaggio con Heward, complice una difesa di casa davvero deficitaria che lascia tirare gli avversari tre volte di fila. Lo Spartak però prima pareggia con Rybin, poi si porta avanti con Drozdetsky, l’ex di turno, in powerplay. Al trentottesimo l’SKA si porta sul 2 – 2 con But, ma non fa i conti con Rybin che va a segno altre due volte per completare la tripletta personale. Quando Koznev insacca il gol del 3 – 4 ormai è troppo tardi e lo Spartak riesce anche a segnare il quinto gol a porta vuota ancora con Drozdetsky.

Dinamo Mosca – Avangard Omsk 3 – 2 (serie 2 – 1)

Chiude i conti anche la Dinamo, imponendosi in casa sull’Avangard per 3 – 2. Apre i conti Rylov in powerplay, dopo un bell’assist da dietro porta di Kharitonov. Cherepanov, davvero una serie giocata ad alti livelli per lui, finalizza un ottimo suggerimento di Popov dalla sinistra per il momentaneo 1 – 1, ma solo due minuti più tardi Chupin riporta avanti i suoi con un gol in mischia. Al trentaquattresimo la Dinamo allunga con un bel tocco di Yachmenev in powerplay ad oltrepassare Brathwaite proteso in tuffo. Nel terzo periodo l’Avangard riapre i conti con Kalyuzhny in powerplay, ma non basta, la Dinamo passa ai quarti di finale.

Tags: