36ª giornata…alla sirena

di Alessandro R.

Con la larga vittoria di questa sera sull’Asiago, anche il Bolzano conquista il master-round e lo fa sopravanzando il Milano al terzo posto: il 9-2 finale è il segno di una partita tutta in salita per gli stellati, presentatisi al Palaonda senza Bellissimo, Rodeghiero e Topatigh, che ha rimediato una squalifica subito al ritorno sul ghiaccio. Nella goleada da segnalare le doppiette messe a segno da Corupe e Abel, che nonostante i compiti difensivi è riuscito a disimpegnarsi bene anche in zona offensiva.

Non riesce l’impresa di centrare un posto tra le prime quattro al Valpusteria, sconfitto questa sera da un Alleghe trasformato (4-1 il finale): senza capitan Lino DeToni, ma con l’importante innesto di Job, le civette hanno steso i lupi con una prova finalmente convincente. Da segnalare il ritorno alla rete di Clarke dopo il lungo infortunio e la marcatura di Pichler, a meno di due minuti dall’ultima sirena, che ha negato un meritato shut-out a Hell.

Al Vuerich sfida tra squadre in crisi, con le aquile che riescono a prevalere: ci si aspettava un pari (che avrebbe consentito ad entrambe le squadre di aprtire da quota 14 punti nel Relegation Round), ma alla fine ha vinto la lealtà sportiva, con i friulani capaci di imporsi grazie alla rete, a 5 minuti dalla fine dell’incontro, di Aquino (doppietta per lui). Esordio stagionale per i due nuovi acquisti del Pontebba Carlsson e Kalmikov, mentre Suorsa -il botto finale degli scoiattoli- non è stato della partita.

La sfida al vertice dello Scola tra Fassa e Ritten Sport va agli ospiti: la capolista si impone rifilando un poker al temibile Fassa e vendicando così la sconfitta casalinga del girone precedente. Reti del difensore Hafner, Scelfo, Smith e Dorigatti per i Rittner Buam; ennesima rete di Schaafsma per i ladini, sicurametne uno dei migliori del campinato dopo gli stupori della viglia del campionato.

Tags: